Sant'Angelo (Amatrice)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant'Angelo
frazione
Sant'Angelo – Veduta
Il grande cerro sovrasta la chiesina
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio Coat of Arms.svg Lazio
ProvinciaProvincia di Rieti-Stemma.png Rieti
ComuneAmatrice-Stemma.svg Amatrice
Territorio
Coordinate42°38′58″N 13°18′21″E / 42.649444°N 13.305833°E42.649444; 13.305833 (Sant'Angelo)
Altitudine1 012 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale02012
Prefisso0746
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantiSantagnari
Patronosan Michele
Giorno festivo29 settembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Sant'Angelo
Sant'Angelo

Sant'Angelo è una frazione del comune di Amatrice in provincia di Rieti, ubicata ai piedi della montagna di Pizzo di Sevo facente parte della catena montuosa dei Monti della Laga. I residenti, detti "Santagnari", sono pochi (circa 50 durante il periodo invernale) ma il paese prende vita con l'estate, grazie al ritorno alle origini di molti paesani emigrati. La sua comoda vicinanza con l'abitato di Amatrice ha permesso alla frazione di Sant'Angelo di diventare, nel corso del tempo, uno dei centri più abitati del territorio comunale. Nei pressi del cimitero, sito nella parte alta del paese, è possibile ammirare il Cerro di Sant'Angelo, uno degli esemplari più antichi e maestosi di cerro di tutt'Europa. Situato in un'area ad elevato rischio sismico, l'abitato di Sant'Angelo è stato duramente colpito e strutturalmente distrutto dalla Sequenza Sismica dell'Italia Centrale attivatasi il 24 Agosto del 2016.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Posta a circa 1000 m di quota sul livello del mare, la frazione di Sant'Angelo ricade all'interno del parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga. La morfologia della zona, piuttosto pianeggiante se confrontata a quella d'alta montagna, è modellata dai numerosi torrenti che si originano a quote più elevate. Tra questi ultimi, il torrente "Riolo" attraversa l'abitato. I numerosi terreni agricoli che circondano la frazione, sono sostituiti da boschi di cerro, castagno, pioppo e faggio man man che si sale di quota. Da Sant'Angelo si può raggiungere, tramite una serie di tornanti panoramici, Macchie Piane, un altopiano erboso posta a circa 1600 metri s.l.m da cui si gode uno dei panorami più belli di Amatrice e delle frazioni adiacenti e base di partenza di numerosi sentieri CAI che permettono la salita verso le cime dei Monti della Laga.

Manifestazioni[modifica | modifica wikitesto]

Festeggia la prima domenica di settembre la Madonna di Galloro con una processione in cui la statua, posta sopra lu sacru trajone, viene portata a traino dai componenti della confraternita di San Michele Arcangelo per le vie del paese. A discapito del nome il Santo Patrono è però San Michele, che si festeggia la domenica successiva al 29 settembre portando la statua del Santo in processione.

Il Cerro di Sant'Angelo[modifica | modifica wikitesto]

Situata di fronte alla chiesetta campestre della Madonna di Galloro (nei pressi del cimitero della Frazione Sant’Angelo) è uno splendido esemplare di quercia (Quercus Cerris) alto più 21 metri, con una circonferenza di 6,8 metri. L‘età è stimata in oltre 600 anni e l’albero è stato inserito dal Corpo Forestale tra i monumentali d’Italia. Di seguito alcuni dati scientifici della grande Quercia:

  • Famiglia: Fagaceae
  • Habitat: Fascia di vegetazione compresa tra i boschi collinari, dominati da roverella e carpino e le faggete montane. Sporadico in Italia settentrionale, diffuso in vaste cerrete ad alto fusto in Italia centrale e meridionale.
  • Fusto: Grande e scuro albero caducifoglio, a rapida crescita.Profilo alto ed espanso.La corteccia brunastra è fessurata e ruvida.
  • Foglie: Alterne, con margini lobati, ruvide, verde scuro e lucide sulla pagina superiore.La base è provvista di stipole.
  • Fiori: Fiori monoici, i maschili in amenti cilindrici penduli(lunghi 8 cm.), i femminili singoli o in gruppi da 2 a 5, racchiusi in un ivolucro di squame, accrescente nel frutto e formante la cupola.
  • Frutti: Il frutto è un achenio (ghianda) che matura nel secondo anno dalla fioritura di forma ovato-allungato (sino a 3 cm.),solitario o a gruppi di 2-4 con brevissimo peduncolo presenta una cupola con squame lunghe e flessuose.Fiorisce da aprile a maggio.

L‘areale del cerro si estende a gran parte dell’Europa centro meridionale ed orientale, presente in quasi tutta Italia (eccetto la Sardegna), si trova di frequente soprattutto negli Appennini dove forma boschi puri (cerrete)o misti.

Specie mesofila, tendenzialmente eliofila, teme le gelate tardive e i freddi intensi, non ha particolari esigenze edafiche in quanto puo’ vegetare su terreni di vario tipo.

Il legno, di colore roseo e’ duro, simile a quello della rovere ma di pregio minore; viene usato per le traverse ferroviarie previa impregnazione e per doghe da botte oppure come legna da ardere essendo un buon combustibile.

La corteccia è pregiata perché contiene un’elevata percentuale di tannino; questa sostanza ha la capacità di conciare le pelli, ammorbidendole e impedendone la putrefazione. Coltivato in vivaistica forestale per rimboschimenti in ambiente mediterraneo.

Istituzioni, enti ed associazioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni dei residenti e non residenti della frazione di Sant'Angelo hanno dato vita all'associazione A.I.P.S. (Amici Insieme Per Sant'Angelo). L'associazione, costituitasi nel 2006, e sita in Via di Macchie Piane 1, nasce dall’idea di un gruppo di amici che hanno interesse allo sviluppo sociale, culturale, ricreativo e sportivo di Sant’Angelo di Amatrice (RI).

L’Associazione, che non ha scopo di lucro, ha l’obiettivo di favorire e sostenere attività, di promuovere iniziative, in collaborazione anche con altri enti ed associazioni, volte a valorizzare il patrimonio naturale, storico e artistico della piccola frazione amatriciana.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Il sito web dell'Associazione A.I.P.S.