Sangue negli abissi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Ora, a noi bestiaccia!»

(Frase finale)
Sangue negli abissi
Titolo originaleDeep Blood
Paese di produzioneItalia
Anno1989
Durata85 min
Genereorrore
RegiaRaf Donato
SoggettoAristide Massaccesi
SceneggiaturaGeorge Nelson Ott
ProduttoreAristide Massaccesi
Casa di produzioneFilmirage,
Variety Film
FotografiaFederiko Slonisko
MontaggioKathleen Stratton
Effetti specialiBrian Wood
MusicheCarlo Maria Cordio
ScenografiaMassimo Antonello Geleng
TruccoBrian Wood
Interpreti e personaggi

Sangue negli abissi (Deep Blood) è un film horror diretto da Raf Donato (alias Aristide Massaccesi).

Considerato un vero cult movie, il film segue il filone delle pellicole a basso costo con protagonista uno squalo assassino.

Ispirato, come il precedente Cruel Jaws, a Lo squalo di Steven Spielberg, Sangue negli abissi è un sequel apocrifo, che, con materiale di repertorio della National Geographic, venne girato in dieci giorni nelle coste della Florida.

La pellicola fu finanziata dalla casa di produzione del regista, la Filmirage, che lo distribuì all'estero, dove ricevette un'accoglienza negativa e fredda.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Quattro ragazzi, per fortificare il loro stretto legame d'amicizia, si promettono, con un legame di sangue, che saranno sempre amici. Il tempo passa e le loro vite si separano, fintanto che Miki non deciderà di riunire il vecchio gruppo, con una vacanza. A rovinarla, però, sarà un terribile squalo che, dopo avere compiuto una strage, ucciderà uno dei quattro amici, Wayne. I tre, preoccupati e assetati di vendetta, decidono di mettersi sulle tracce dell'animale feroce, non sapendo il pericolo cui andranno incontro. La leggenda, infatti, vuole che la bestia sia un'incarnazione d'un rito voodoo, nato per distruggere tutti gli esseri viventi. Miki scova il luogo dove si rifugia e, salvando per miracolo Ben, riusciranno a ucciderlo e a ritornare a casa sani e salvi.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Date di uscita e titoli internazionali
Paese Data Titolo
Italia Italia 1989 Sangue negli abissi
Portogallo Portogallo 1990 Justiça Sangrenta
Germania Ovest Germania Ovest 1990 Gefahr aus der Tiefe

Uscito nelle sale italiane nel 1989, fu edito in Italia con il titolo Sangue negli abissi. Fu distribuito l'anno seguente all'estero, in Portogallo e in Germania, ed edito in home video nel medesimo anno. Il film ha ricevuto un divieto di 14 anni in Portogallo, mentre un visto censura con bambini accompagnati in Inghilterra e in Italia.

Musiche[modifica | modifica wikitesto]

Secondo un'intervista al regista, le musiche del film dovevano essere composte dall'amico Nico Fidenco, il quale, rifiutò per via del contratto che gli fu offerto. Al suo posto subentrò Carlo Maria Cordio, grande amico del cineasta e famoso per aver eseguito la colonna sonora di Cannibal Ferox, diretto da Umberto Lenzi. Nella colonna sonora del film, si sentono dei richiami a Lo squalo, ed è presente un brano tratto da un altro film di Aristide Massaccesi, Rosso sangue.

Tecniche ed effetti speciali[modifica | modifica wikitesto]

Florida, dove il film fu ambientato

Non avendo, come tutti i film girati da Massaccesi, un budget elevato, il film fu girato principalmente nelle coste della Florida, negli Stati Uniti. La macchina da presa utilizzata era una 35 mm. Il direttore della fotografia è lo stesso Massaccesi, esperto in questo campo, che, utilizzando dei materiali di repertorio della National Geographic, poté completare il film, risolvendo il problema delle scene subacquee. Per le scene dello squalo, invece, utilizzò un manichino, costruito appositamente da Brian Wood, utilizzando un piccolo motore interno, per farlo muovere. Nella pellicola, tuttavia, si può notare una scena in cui si possono intravedere dei bordi di una piscina. Il film, quindi, risulta essere stato girato con pochi mezzi, in meno di dieci giorni, con materiale di repertorio, e ambientato principalmente in una baia della Florida, utilizzando poi una piscina e una barca, per completarlo. .

Critica ed accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Quando Sangue negli abissi uscì nelle sale cinematografiche, il film ebbe un'accoglienza fredda, con recensioni negative. La pellicola non è recensita né dal Farinotti né dal Morandini, i due grandi dizionari del cinema. Fra i siti internet, è stato apprezzato in parte da Film.tv, che gli ha assegnanato due stelle. I punti, evidentemente, a sfavore del film sono il budget e gli attori sconosciuti, criticati per le loro interpretazioni. Il sito Mymovies gli conferisce una stella, come il sito Il Davinotti.

Comparazioni con gli altri shark movie[modifica | modifica wikitesto]

Logo de Lo squalo, film che dette origine a molte imitazioni.

Sangue negli abissi fa parte del ciclo di moda degli anni ottanta dei cosiddetti shark movie. Il film che dette l'origine del ciclo apocrifo fu Lo squalo. In Italia erano già usciti dei film simili all'opera di Spielberg, ricordiamo principalmente il capostipite Shark: Rosso nell'oceano di Lamberto Bava e Cruel Jaws di Bruno Mattei. Il film d Massaccesi riprende le tematiche dei due film precedenti, nonostante abbia avuto un budget più modesto rispetto alle altre opere. Fu l'ultimo lungometraggio del filone, che si concluse per problemi legati al copyright.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema