Sangiaccato di Nablus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sangiaccato di Nablus
ex sangiaccato
Localizzazione
StatoImpero Ottomano Impero Ottomano
VilayetSiria
Amministrazione
CapoluogoNablus
Data di soppressione1888
Territorio
Coordinate
del capoluogo
32°13′13″N 35°16′44″E / 32.220278°N 35.278889°E32.220278; 35.278889 (Sangiaccato di Nablus)Coordinate: 32°13′13″N 35°16′44″E / 32.220278°N 35.278889°E32.220278; 35.278889 (Sangiaccato di Nablus)
Abitanti
KazaNablus, Jenin, Tulkarem
Altre informazioni
Fuso orario
Cartografia
Sangiaccato di Nablus – Localizzazione

Il Sangiaccato di Nablus è stato una provincia dell'Impero ottomano fino al 1918. Parte della Palestina, la quale faceva parte del vilayet di Sham (Siria), il Sangiaccato di Nablus - fino al 1888 chiamato Belqa - era diviso in tre cazà (Nablus, Jenin, Tulkarem). Nel 1888, quando venne creato il vilayet di Beirut, il Sangiaccato venne compreso nel suo territorio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Storia Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Storia