Sangiaccato di Gerusalemme

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sangiaccato di Gerusalemme
sangiaccato
Localizzazione
Stato Impero Ottomano Impero Ottomano
Vilayet Siria
Amministrazione
Capoluogo Gerusalemme
Territorio
Coordinate
del capoluogo
31°47′N 35°13′E / 31.783333°N 35.216667°E31.783333; 35.216667 (Sangiaccato di Gerusalemme)Coordinate: 31°47′N 35°13′E / 31.783333°N 35.216667°E31.783333; 35.216667 (Sangiaccato di Gerusalemme)
Abitanti
Kaza Gerusalemme, Giaffa, Gaza, Hebron, Beersheba
Altre informazioni
Fuso orario
Cartografia
Sangiaccato di Gerusalemme – Localizzazione

Il Sangiaccato di Gerusalemme è stato una provincia dell'Impero ottomano fino al 1918. Parte della Palestina, la quale faceva parte del vilayet di Sham (Siria), il Sangiaccato di Gerusalemme era formato da cinque cazà (Gerusalemme, Giaffa, Gaza, Hebron, Beersheba)[1]. Nel 1887 il Sangiaccato di Gerusalemme, in quanto sede dei Luoghi Santi, divenne un Mutasarriflik indipendente il cui mutasarrif era responsabile direttamente nei confronti del governo centrale di Costantinopoli, dei suoi ministeri e dipartimenti di Stato.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rashid Khalidi, Palestinian Identity: the construction of modern national consciousness, 1996.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]