Sangiaccato di Dibra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sangiaccato di Dibra
Debre Sancağı
Sanxhaku i Dibrës
Дебарски санџак
Sangiaccato di Dibra
Localizzazione del Sangiaccato di Dibra
Informazioni generali
Capoluogo Debar
Dipendente da Impero ottomano Impero ottomano
Amministrazione
Forma amministrativa Sangiaccato
Evoluzione storica
Inizio 1395
Causa Istituzione
Fine 1913
Causa Trattato di Londra (1913)
Preceduto da Succeduto da
Albania 1914 Flag.svg Principato di Albania
Regno di Serbia Regno di Serbia
Oggi parte di: Albania Albania
Macedonia del Nord Macedonia del Nord

Il sangiaccato di Dibra, o sangiaccato di Debar, (in turco Debre Sancağı, in albanese Sanxhaku i Dibrës, in macedone: Дебарски санџак?) era uno dei sangiaccati dell'Impero ottomano. La sua capitale era Debar, in Macedonia (nell'odierna Macedonia del Nord).[1] Oggi la parte occidentale del suo territorio appartiene all'Albania (Basso Dibra e Mat) e la parte orientale alla Macedonia del Nord (Reka e Debar).

Estensione e suddivisioni[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a Debar, il territorio del sangiaccato di Dibra comprendeva parti dell'Albania settentrionale, vale a dire Krujë e le aree tra i fiumi Mat e Drin Nero.[2] Nel 1440, Skanderbeg fu nominato sanjak-bey del sangiaccato di Dibra.[3][4]

Dalla metà del XIX secolo, il sangiaccato di Dibra era costituito da due kaza: Debar e Reka.[5] Al momento della sua dissoluzione nel 1912, aveva quattro kaza: Debar, Reka, Mat e Basso Dibra.[6]

Cultura e demografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel tardo periodo ottomano, il sangiaccato di Dibra aveva una popolazione di 200.000 abitanti. Debar, la città principale e capitale, aveva 20.000 abitanti, 420 negozi, 9 moschee, 10 madrase, 5 tekke, 11 scuole primarie gestite dal governo, 3 scuole primarie cristiane, 1 scuola secondaria e 1 chiesa. A causa della sua posizione strategica come sede di un sangiaccato, una divisione dell'esercito ottomano era di stanza all'interno della città.[7]

Le tribù albanesi conosciute come le "Tigri di Dibra" detenevano il potere nelle aree montuose del sangiaccato, insieme a gran parte della valle. Queste tribù, note come malësorët (montanari), erano per lo più musulmane e si governavano secondo il Kanun, un insieme di leggi tradizionali albanesi codificate da Skanderbeg. I costumi di questi malësorët erano profondamente intrisi di un senso di onore personale, ed erano noti per attribuire grande valore al concetto di besa (un pegno d'onore), oltre che per le faide di sangue (gjakmarrja).[7]

Una delle più grandi tribù dei malësorët era la tribù Mati, che contava 1.200 famiglie. Una delle famiglie più importanti dei Mati erano gli Zogolli, che sono più noti per essere il clan da cui discendeva Ahmed Zogu, futuro re d'Albania. Anche molti pascià (alti funzionari ottomani) provenivano dalla famiglia Zogolli.[8]

Fino al 1880, il sangiaccato di Dibra fu classificato linguisticamente e culturalmente come parte della regione dei Geghi.

Indagine demografica del 1897[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1897, il console russo nel Vilayet di Monastir, A. Rostkovski, completò un'indagine demografica molto limitata[9] del sangiaccato di Dibra. La maggior parte delle porzioni dell'indagine non tornano, e degno di nota è il numero altamente improbabile di albanesi rappresentati in particolari regioni. Ciò è molto probabilmente attribuibile a un errore derivante dalla categorizzazione degli individui sia per etnia che per religione; si presume che il numero totale di albanesi sia 52.144, ma solo 9.408 di questi sono rappresentati in subtotali a causa dell'appartenenza religiosa, mentre il resto non è stato contato.

Indagine demografica delle kaza del sangiaccato di Dibra (1897)
Sangiaccato di Dibra Dibra superiore (Debar) Reka Dibra inferiore/Mat
Popolazione 82.644 N / D N / D N / D
Gruppo etnico 52.144 albanesi, 28.015 slavi, "nessun turco ottomano" 3.548 albanesi, 15.993 slavi 5.860 albanesi, 12.022 slavi "Nessuno slavo"
Religione N / D 3.548 " cristiani ", 12.355 esarchici, 3.638 eparchici 3.518 musulmani, 2.342 "cristiani", 11.850 esarchici, 172 eparchici N / D

Fusioni amministrative (Vilayet)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1867, il sangiaccato di Dibra si fuse con il sangiaccato di Prizren e il sangiaccato di Scutari per diventare Vilayet di Scutari. Nel 1871 fu unito al sangiaccato di Prizren, al sangiaccato di Skopje e al sangiaccato di Niš in un unico vilayet, il vilayet di Prizren, che in seguito divenne parte del Vilayet del Kosovo nel 1877.[10][11]

Il sangiaccato di Dibra fu separato dal vilayet del Kosovo e unito al Vilayet di Monastir dopo il Congresso di Berlino nel 1878.[12] Il sangiaccato divenne ben collegato con il resto del Vilayet di Monastir e, nel periodo precedente alla sua dissoluzione, più della metà delle sue importazioni proveniva da Skopje e un quarto da Bitola.[13]

Dissoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Rivolta albanese del 1912, Prima guerra balcanica e Trattato di Londra (1913).

Il 4 settembre 1912, la vittoriosa rivolta albanese del 1912 permise a parte del sangiaccato di Dibra di trasferirsi nel vilayet albanese, a seguito della richiesta della rivolta di una maggiore autonomia. Tuttavia, il vilayet albanese non sarebbe stato realizzato, a causa dello scoppio della prima guerra balcanica (1912-1913), un mese dopo.

Durante la prima guerra balcanica, il sangiaccato di Dibra fu occupato dal Regno di Serbia, insieme al resto dei sangiaccati destinati a diventare il proposto vilayet albanese. A causa dell'occupazione, i capi albanesi chiesero all'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria-Ungheria di sostenere l'indipendenza dell'Albania, ma tutto ciò che concesse fu il sostegno all'autonomia albanese all'interno dell'Impero ottomano.

Nonostante ciò, nel 1912 l'Albania Indipendente fu dichiarata al Congresso panalbanese, e fece una petizione alla Conferenza di Londra del 1913 per il riconoscimento sulla base dei diritti etnici degli albanesi. Tuttavia tali richieste di una sovranità più ampia furono ignorate.

Nel Trattato di Londra (1913), molti dei sangiaccati albanesi furono divisi tra il Regno di Grecia, il Regno del Montenegro e il Regno di Serbia.[14] Di conseguenza, il sangiaccato di Dibra fu sciolto e il suo territorio fu diviso tra la Serbia e il nuovo Principato d'Albania.

Governatori[modifica | modifica wikitesto]

  • Skanderbeg (1440–novembre 1443)
  • Moisi Golemi (1455–? )
  • Abdullah Pasha (fl. 1897)[15]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Miranda Vickers e James Pettifer, The Albanian question: reshaping the Balkans, I.B.Tauris, 2007, p. 7, ISBN 978-1-86064-974-5.
    «Dibra and its surrounding became separate sanjak».
  2. ^ Antonina Zhelyazkova, Albanian Identities (PDF), su pdc.ceu.hu.
    «portion of the north Albanian lands was included in the sancak of Debar, namely Kruja, Debar and the areas lying between the rivers of Mat and Black Drin».
  3. ^ Antonina Zhelyazkova, Albanian identities, su omda.bg.
    «In 1440, he was promoted to sancakbey of Debar».
  4. ^ Peter Hösch, The Balkans: a short history from Greek times to the present day, Volume 1972, Part 2, Crane, Russak, 1972, p. 96, ISBN 978-0-8448-0072-1.
  5. ^ Aleksandar Matkovski, Ǧurčin Kokaleski, 1959, p. 73.
    «..До првата половина на XIX век „Деборија" админи- стративно припаѓала во Дебарскиот пашалак, покасно кон Дебарскиот санџак (дебре - санџаги) кој се делел на Дебарска каза со седиште во дебар и на Реканска каза со».
  6. ^ Ivan Ivanić, Maćedonija i maćedondži, Štampa Savića i Komp., 1910, p. 30.
    «Дебарски санџак има четири казе: Дебарску, матску, доњодебарску и речку (Река)».
  7. ^ a b Gawrych, 2006, pp. 35-36.
  8. ^ Gawrych, 2006, pp. 34-36.
  9. ^ Jedna statistika iz srednje Maćedonije, 26 luglio 1899.
  10. ^ Selçuk Akşin Somel, The modernization of public education in the Ottoman Empire, 1839–1908, Netherlands, Brill, 2001, p. 234, ISBN 90-04-11903-5.
    «the vilayet of Prizren was founded in 1871».
  11. ^ Hannes Grandits, Nathalie Clayer e Robert Pichler, Conflicting Loyalties in the Balkans The Great Powers, the Ottoman Empire and Nation-building., Gardners Books, 2010, p. 309, ISBN 978-1-84885-477-2.
    «In 1868 the vilayet of Prizren was created with the sancaks of Prizren, Dibra, Skopje and Niš; it only existed till 1877».
  12. ^ Mihailo Apostoloski, Makedonija vo istočnata kriza 1875–1881, Skopje, Makedonska akademija na naukite i umetnostite, 1978, p. 187.
    «After the Berlin Congress other administrative reforms were carried out. So the Debar Sanjak was separated from Kosovo Vilayet and was added to the Bitola vilayet...».
  13. ^ Brastvo, Društvo sv. Save., 1940, p. 176.
    «Уопште Дебарски санџак се, у последње време до осло- бођења, трговачким артиклима са 50°/» снабдевао из Скопља а са 25°/» из Битоља.».
  14. ^ Miranda Vickers, The Albanians: a modern history, I.B.Tauris, 1999, pp. 77, 78, ISBN 978-1-86064-541-9.
  15. ^ British and Foreign State Papers, H.M. Stationery Office, 1897.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Gawrych, George, The Crescent and the Eagle: Ottoman rule, Islam and the Albanians, 1874–1913, Londra, IB Tauris, 2006, ISBN 9781845112875..