Sandro Donati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sandro Donati
Sandro Donati.jpg
Sandro Donati nel 2009
Nazionalità Italia Italia
Atletica leggera Athletics pictogram.svg
Ruolo Allenatore
 

Sandro Donati (Monte Porzio Catone, 14 giugno 1947) è un allenatore di atletica leggera italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È noto soprattutto per le sue battaglie contro il doping nell'atletica leggera, nel calcio e nel ciclismo e per aver denunciato gli scandali dell'atletica italiana avvenuti nella metà degli anni ottanta.[1] Precedentemente, dal 1977 al 1987, è stato allenatore della nazionale di atletica leggera dell'Italia, ma fu sollevato da tale incarico dopo la denuncia della frode attuata dai giudici del salto in lungo in occasione dell'ultimo salto di Giovanni Evangelisti durante i campionati del mondo del 1987 tenutisi a Roma.[2]

Ha inoltre scritto diversi libri riguardanti il doping ed è stato a capo del settore Ricerca e Sperimentazione del Comitato Olimpico Nazionale Italiano dal 1990 al 2006.

Nel 2015-2016 allena il marciatore Alex Schwazer[3], sospeso per doping (peraltro egli sostiene che a seguito di una sua denuncia alla WADA sia stato possibile pescarlo nel 2012 nella rete del doping) e che ha terminato la squalifica per uso di epo e anabolizzanti il 29 aprile 2016.[4]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Sandro Donati, Lo sport del doping, EGA-Edizioni Gruppo Abele, 2012, p. 304, ISBN 9788865790335.
  • Sandro Donati, Campioni senza valore, Ponte alle Grazie, 1989, p. 199.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Tough On Doping, Tough On The Causes Of Doping – Francesco Conconi and the Introduction of the H-test, podiumcafe.com. URL consultato il 31 luglio 2013.
  2. ^ (EN) The Man Who Knows Too Much, chrisharrisonwriting.com. URL consultato il 31 luglio 2013.
  3. ^ Alex Schwazer: "Ho pagato, voglio un futuro a testa alta", su Repubblica.it. URL consultato il 25 aprile 2016.
  4. ^ Doping, Alex Schwazer ci ricasca«Trovato ancora positivo», su Corriere della Sera. URL consultato il 22 giugno 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN308180151