Sandro De Feo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sandro De Feo

Sandro De Feo (Modugno, 18 novembre 1905Roma, 2 agosto 1968) è stato uno scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha operato poco a Modugno (in provincia di Bari), sua città natale, ma ha sempre conservato il ricordo della vita del paese agricolo.

Laureatosi in legge a Roma, ha collaborato come critico letterario e cinematografico per diverse testate italiane: Il Messaggero, Il Corriere della Sera, L'Espresso, La Stampa, Il Mondo, L'Europeo.

Scrisse diversi saggi d'arte e tre romanzi: "Gli Inganni" (1962), "La Giudìa" (1963), "I Cattivi Pensieri" (1967).

Dagli anni Trenta fu sceneggiatore per la Cines di Emilio Cecchi.

In diverse occasioni, fece parte della giuria della Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia. Fra gli altri, componevano con Sandro De Feo la giuria dell'edizione del 1952 Filippo Sacchi, Giuseppe Ungaretti e Enrico Falqui.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Soggetti e sceneggiature[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1961 ha vinto il Premiolino per l'articolo Saragat: ecco perché si parla di una mia conversione.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN79421964 · LCCN: (ENn85294190 · SBN: IT\ICCU\CFIV\028623 · ISNI: (EN0000 0003 7407 366X · GND: (DE119387417 · BNF: (FRcb14091373v (data) · BAV: ADV11471189