Sancho di Castiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stemma personale dell'infante Sancho di Castiglia

Sancho di Castiglia (123327 ottobre 1261) fu un principe e arcivescovo castigliano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio del re Ferdinando III di Castiglia e Beatrice di Svevia.

Fu avviato dal padre alla carriera ecclesiastica e la sua formazione venne affidata a Rodrigo Jimenez de Rada. Si recò poi all'Università di Parigi per completare gli studi seguendo le lezioni di Sant'Alberto Magno.

Come il fratello Filippo, venne avviato alla carriera ecclesiastica e nel 1251 venne eletto da papa Alessandro VI arcivescovo di Toledo[1].

Entrò in contrasto per questioni di autonomia territoriale con l'arcivescovo di Siviglia Raimondo di Losanna, divergenze poi appianatesi nel 1260.

Sancho morì a ventotto anni nel 1261, dieci anni prima dell'inizio dei moti interni contro il governo di Alfonso X di Castiglia, fratello maggiore di Sancho. Tra i nobili che si opposero al re ci furono anche alcuni fratelli di Sancho tra cui il suo compagno di studi Filippo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Castile

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]