San Quirico (Sorano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Quirico
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Tuscany.svg Toscana
ProvinciaProvincia di Grosseto-Stemma.png Grosseto
ComuneSorano-Stemma.png Sorano
Territorio
Coordinate42°40′09″N 11°45′47″E / 42.669167°N 11.763056°E42.669167; 11.763056 (San Quirico)Coordinate: 42°40′09″N 11°45′47″E / 42.669167°N 11.763056°E42.669167; 11.763056 (San Quirico)
Altitudine486 m s.l.m.
Abitanti476 (2011)
Altre informazioni
Cod. postale58010
Prefisso0564
Fuso orarioUTC+1
Nome abitantisanquirichese, sanquirichesi[1]
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Quirico
San Quirico

San Quirico è una frazione del comune italiano di Sorano, nella provincia di Grosseto, in Toscana.

Con i suoi 476 abitanti è la frazione più popolosa del territorio comunale.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

San Quirico è situato nell'entroterra collinare della Maremma grossetana, all'interno di un territorio noto per le sue caratteristiche come area del Tufo. Il paese si trova al limite orientale del comune, al confine con il Lazio, a circa 5 km da Sorano e a poco più di 80 km da Grosseto.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della frazione sono legate all'importante area rupestre di Vitozza, il cui decadimento fu completato nel XV secolo. Il territorio fu acquistato dai conti Orsini, che lo trasformarono in una vasta tenuta. Il centro abitato vero e proprio si formò successivamente nel corso del Settecento, a sud dei ruderi di Vitozza, quando la popolazione sempre più crescente sentì l'esigenza di erigere una cappella nel 1785. Originariamente dedicata a San Giovanni Battista, venne in seguito intitolata a San Quirico nell'Ottocento, in onore del santo al quale era dedicata una delle antiche chiese di Vitozza. Anticamente il paese era conosciuto come San Quirichino, per distinguerla dalla vicina San Quirico d'Orcia.

Oggi San Quirico di Sorano si presenta come un moderno centro abitato, dotato di tutti i servizi. Particolarmente importante è il grande flusso di turismo legato a Vitozza e alle vicine aree etrusche di Sovana e Pitigliano.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Ruderi della prima rocca di Vitozza

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Quirico, chiesa parrocchiale della frazione, è stata costruita nel XVIII come cappella rurale ed è stata successivamente ampliata nei primi del XX secolo. La parrocchia, intitolata ai santi Quirico e Giulitta, conta circa 950 abitanti.[2]
  • Cappella di Montignano, eretta nel 1845 lungo la strada provinciale Barcatoio, nei pressi del Casone di Pitigliano e del confine con la provincia di Viterbo.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Quella che segue è l'evoluzione demografica della frazione di San Quirico. Sono indicati gli abitanti dell'intera frazione e dove è possibile la cifra riferita al solo capoluogo di frazione. Dal 1991 sono contati da Istat solamente gli abitanti del centro abitato, non della frazione.

Anno Abitanti
Frazione Centro abitato
1745
264
-
1833
379
-
1843
432
-
1921
1 401
-
1931
1 301
-
1961
1 038
870
1981
699
641
2001
-
572
2011
-
476

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Presso la frazione ha sede la società calcistica Unione Sportiva San Quirico, che attualmente milita nel campionato di prima categoria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli etnici e dei toponimi italiani, Bologna, Pàtron Editore, 1981, p. 506.
  2. ^ Parrocchia di San Quirico, sito della CEI.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Biondi, Vitozza un centro abbandonato, San Quirico un centro nuovo, Pitigliano, ATLA, 1988.
  • Angelo Biondi, Nuovi villaggi e nuove parrocchie nella Maremma toscana in età lorenese, in Danilo Barsanti (a cura di), Studi in memoria di Ildebrando Imberciadori, Pisa, Edizioni ETS, 1996, pp. 139–162.
  • Carlo Citter, Guida agli edifici sacri della Maremma, Siena, Nuova Immagine, 2002.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]