San Pietro (Scafati)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Pietro
frazione
San Pietro – Stemma
San Pietro – Veduta
La piazza di San Pietro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Campania-Stemma.svg Campania
ProvinciaProvincia di Salerno-Stemma.svg Salerno
ComuneScafati-Stemma.png Scafati
Territorio
Coordinate40°45′00″N 14°32′05″E / 40.75°N 14.534722°E40.75; 14.534722 (San Pietro)Coordinate: 40°45′00″N 14°32′05″E / 40.75°N 14.534722°E40.75; 14.534722 (San Pietro)
Altitudine12 m s.l.m.
Abitanti15 000[1]
Altre informazioni
Cod. postale84018
Prefisso081
Fuso orarioUTC+1
Patronosan Pietro
Giorno festivo29 giugno
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
San Pietro
San Pietro

San Pietro, con i suoi circa 15.000 abitanti, è la maggiore frazione del comune di Scafati, in provincia di Salerno.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

È collocata nell'area dell'agro nocerino sarnese, circa 30 km a sud-est di Napoli e a 20 km da Nola. Collegata con l'autostrada A3 Napoli-Salerno e con la SS268 e con la SS18. È presente anche una stazione della Circumvesuviana: "San Pietro".

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nell'alto Medioevo la zona dove è sito il villaggio di San Pietro si presentava paludosa e malsana; il fiume Sarno, detto il "Dragone" per la sua forma sinuosa, proveniente dal monte "Saro", composto da diversi affluenti quali "Rio Palazzo", la sorgente di Santa Marina e quella di "Foce", attraversava tutta la valle. La zona improvvisamente ebbe un aumento demografico, almeno così ci perviene dal Codice Longobardo, infatti in quel periodo erano i Longobardi a dominare questa terra. Questi ultimi rifiutando il lavoro "vile" della terra ed esaltando invece quello delle armi e della guerra, costrinsero feudatari ed ecclesiastici del luogo a stipulare dei contratti con gli abitanti della zona che vivevano prevalentemente di agricoltura. I contadini versavano annualmente al signore del luogo un canone (si parla di enfiteusi), in via piuttosto simbolica, inoltre perviene traccia ai nostri giorni persino di un contratto denominato "AD PASTINANDUM" con il quale il proprietario terriero prestava piante, alberi o sementi da piantare; i frutti del raccolto poi venivano divisi tra i due, un'usanza ancora presente in queste zone. In questo contratto era essenziale che l'area assegnata al colono fosse fertile, per aree invece di tipo paludoso c'erano altri tipi di contratti ad esempio "AD MELIORANDUM", la caratteristica principale era che questo contratto durava fino a quando l'area assegnata al colono non diveniva fertile, da paludosa che era.

L'arrivo della legge, come ci insegna la storia, crea classi sociali, nello specifico venivano considerati uomini "liberi", coloro che avevano la facoltà di stipulare contratti e godevano di diritti come possedere, lavorare o migliorare il terreno. Grazie all'opera di questi coloni e delle leggi longobarde, a partire dal IX secolo l'agricoltura divenne florida. Secondo alcuni studiosi è proprio a questo fermento che si deve la nascita della chiesa di San Pietro Apostolo ad Erceca presente dal X-XI secolo. Attualmente nello stesso luogo sorge la chiesa di San Pietro Apostolo, dipendente dalla diocesi di Nola. La chiesa di San Pietro Apostolo ad Erceca era governate dai monaci benedettini di Cassino (era infatti presente anche un convento), ed in quel periodo dipendeva dall'abbazia di Sant'Angelo in Formis; intorno alla chiesa pian piano si formò un piccolo centro urbano che verrà poi chiamato il Casale di San Pietro.

Insomma nel 1200 la vallata di San Pietro offriva un habitat perfetto per lo stile di vita del periodo, il tutto immerso nella Silva mala. Con quest'ultimo termine ci si riferiva al fitto bosco che circondava queste zone, l'appellativo pare sia dovuto a Federico II di Svevia, il quale separò questa zona da Ottaviano e la adibì a zona di caccia reale (l'animale maggiormente cacciato era il falcone)[si cacciava il falcone o con esso?]. La "Silva mala" (sorvegliata dai Bauli, guardie speciali del re) era piuttosto estesa tant'è che vi sono ancora comuni che riportano il suo nome come Boscoreale o Boscotrecase. Il Casale di San Pietro era completamente autonomo fino a quando il re Carlo I d'Angiò decise di donare quest'ultimo all'abbazia di Santa Maria di Realvalle da lui fondata. Il Casale però apparteneva all'abate di Cassino, pertanto Carlo I d'Angiò, come si legge dal decreto dato in Logopesole il 3 agosto dell'anno 1274 propose una permuta ("si Abbas Cassinensis voluerit eam permutare loca curie que vocantur Hecla et Campanara").

Nel XVI secolo le terre di San Pietro furono acquistate dal duca di Nocera Alfonso dei Carafa.

Il comune di San Pietro nel 1810 venne accorpato al comune di Scafati di cui ancora oggi fa parte.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Con circa 15.000 abitanti S.Pietro è la frazione più popolosa della provincia di Salerno

Abbazia Santa Maria di Realvalle[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Abbazia Santa Maria di Realvalle.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (circa)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]