Saint-Martin-d'Entraunes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da San Martino d'Entraunes)
Saint-Martin-d'Entraunes
comune
Saint-Martin-d'Entraunes – Stemma
Saint-Martin-d'Entraunes – Veduta
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneBlason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
DipartimentoArms of Nice.svg Alpi Marittime
ArrondissementNizza
CantoneVence
Territorio
Coordinate44°08′N 6°46′E / 44.133333°N 6.766667°E44.133333; 6.766667 (Saint-Martin-d'Entraunes)Coordinate: 44°08′N 6°46′E / 44.133333°N 6.766667°E44.133333; 6.766667 (Saint-Martin-d'Entraunes)
Superficie37,67 km²
Abitanti83[1] (2009)
Densità2,2 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale06470
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE06125
Nome abitantiSaint-Martinois (FR); San Martinesi (IT)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Saint-Martin-d'Entraunes
Saint-Martin-d'Entraunes

Saint-Martin-d'Entraunes (in italiano desueto, San Martino d'Entraunes) è un comune francese di 83 abitanti situato nel dipartimento delle Alpi Marittime della regione della Provenza-Alpi-Costa Azzurra.

I suoi abitanti sono chiamati Saint-Martinois (in italiano, desueto, erano detti San Martinesi) e sul territorio comunale si trova la piccola stazione di sport invernali di Val Pelens sulla strada del Col des Champs (Colle dei Campi).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la conquista romana, compiuta nel 14 a.C., Augusto organizza le Alpi in province.

Il territorio dell'attuale comune di Saint-Martinois dipende dalla provincia delle Alpi Marittime ed è riattaccato alla civitas di "Glanate", più modernamente "Glandèves".

Alla fine dell'Antichità, la diocesi di Glandèves riprende i limiti di tale "Civitas"[2].

Dopo la morte della regina Giovanna, la valle d'Entraunes sceglie di rendere omaggio al Conte di Savoia e di non riconoscere più il Conte di Provenza della Casa d'Angiò come sovrano legittimo.

Nel 1713 viene ceduto dai Savoia alla Francia e nel 1718 tornò sotto i Savoia, per poi passare, dopo la Rivoluzione francese, l'impero Napoleonico ed il Congresso di Vienna, nel 1815 al Regno di Piemonte-Sardegna. Nel 1860, con la gran parte della Contea di Nizza, passò definitivamente alla Francia.

Nel XIX secolo, il comune conosce un certo slancio grazie alla tessitura della lana. La prima fabbrica è stata aperta alla fine degli anni 1810 da François Ollivier nella sua località natale di Clots, sul modello di quelle del vicino Haut-Verdon[3].

Geografia antropica[modifica | modifica wikitesto]

Frazioni[modifica | modifica wikitesto]

Sono frazioni del comune di Saint-Martin-d'Entraunes, le località di Les Annous, Le Mounard e Val Pellens. Il paese fa parte geograficamente della regione fisica italiana.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Luoghi e Monumenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Il campanile romanico, separato dalla chiesa, è forse stato una torre di guardia, a fianco della place du Fort (piazza del Forte).
  • La cappella di Saint-Guilhen(Cappella di San Guilhen), prossima alla place du Fort (piazza del Forte), il cui frontone restaurato nel 1927, a seguito d'un incendio, reca la frase: "Ricordati, peccatore, che San Michele ti peserà" (Souviens-toi pécheur, que saint Michel te pésera).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ a et b Brigitte Beaujard, «Les cités de la Gaule méridionale du IIIe au VIIe s.», Gallia, 63, 2006, CNRS éditions, p. 22
  3. ^ Mireille Mistral, L'industrie Drapière dans la Vallée du Verdon,thèse de doctorat d'État en Sciences économiques, Académie d'Aix-en-Provence,Nice, 1951, 231 p., p 120

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia