San Marco salva un saraceno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
San Marco salva un Saraceno
Accademia - St. Mark saves a Sarracen by Tintoretto.jpg
AutoreTintoretto
Data1562-1566
Tecnicaolio su tela
Altezza398x337 cm
UbicazioneGallerie dell'Accademia, Venezia

San Marco salva un Saraceno è un dipinto del Tintoretto (398x337 cm), realizzato tra il 1562 ed il 1566 su commissione di Tommaso Rangone, Guardian Grande della Scuola Grande di San Marco.

Descrizione e stile[modifica | modifica wikitesto]

L'opera è custodita alle gallerie dell'Accademia di Venezia. Provenie dalla sala capitolare della Scuola Grande di San Marco, insieme agli altri tre dipinti del Tintoretto confiscati nel 1807: il precedente San Marco libera uno schiavo e quelli realizzati insieme a questo il Trafugamento del corpo di San Marco e il Ritrovamento del corpo di San Marco, quest'ultimo assegnato diversamente a Brera.

La composizione dell'opera ricca di pathos racconta il miracoloso salvataggio di un saraceno in viaggio verso Alessandria. Colta la nave da una violenta tempesta questi aveva invocato il santo che l'aveva esaudito.

L'impianto fascinoso dell'opera consiste nella drammatica rappresentazione delle violente onde in cui si inabissa la nave, dei corpi contorti dei disperati naufraghi nelle contrastate luci che li illuminano e che ritagliano le nuvole del cielo tempestoso. Immerso in una luce soprannaturale san Marco cala dal cielo vestito di un abito rosato ad afferrare il Saraceno privo di sensi. L'allora Guardian Grando della Scuola, il medico Tommaso Rangone, è rappresentato sul bordo della scialuppa mentre tenta di aiutare un naufrago inghiottito dalle acque[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanna Nepi Scirè (a cura di), Gallerie dell'accademia di Venezia, Milano, Electa, 1998.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

San Marco salva un saraceno, su Gallerie dell'Accademia. URL consultato il 15 giugno 2019.