San Gennaro esce illeso dalla fornace

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
San Gennaro esce illeso dalla fornace
Napoli-Ribera-San-Gennaro.jpg
Autore Jusepe de Ribera
Data 1645
Tecnica Olio su rame
Dimensioni 320×200 cm
Ubicazione Reale cappella del Tesoro di san Gennaro, Napoli

Il San Gennaro esce illeso dalla fornace è un dipinto olio su rame (320×200 cm) di Jusepe de Ribera del 1646[1] conservato presso la reale cappella del Tesoro di san Gennaro a Napoli.

L'opera fu commissionata al pittore spagnolo nel 1643 e fu terminata tre anni dopo. La stessa raffigura san Gennaro in abiti vescovili a piedi nudi e legato da una corda mentre esce illeso dalla fornace ardente con gli occhi rivolti ai putti disposti in un angolo superiore del quadro.

Diversi altri personaggi presenti nella scena, circa una dozzina, assistono meravigliati al miracolo.

L'opera è considerata dagli esperti una delle più belle del pittore spagnolo per la plasticità dei personaggi, per la cura dei particolari e per la straordinaria capacità espressiva.

In questo dipinto della maturità del pittore si coglie pienamente l’evoluzione del Ribera dal crudo realismo tenebrista di matrice caravaggesca dei suoi anni iniziali verso un’apertura coloristica neo-veneta ed una composizione classicista di stampo bolognese. Chiaro e in un certo senso “imposto” è il dialogo con il Domenichino, cui in ampia parte spetta la preesistente decorazione della Cappella del Tesoro, ma in questo capolavoro dello Spagnoletto sono state colte tangenze anche con un’opera dell’antico caposcuola della pittura bolognese: la Conversione di san Paolo di Ludovico Carracci.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Napoli e dintorni - ebook, books.google.it. URL consultato il 3 ottobre 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Guerra in M. Gualandi, Pitture della cappella del tesoro di San Gennaro, nella Cattedrale di Napoli, in "Memorie originali di Belle Arti", serie V, n. 178, 1844

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]