Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Samurai Deeper Kyo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Samurai Deeper Kyo
サムライ ディーパー キョウ
(Samurai Dīpā Kyō)
Samurai Deeper Kyo 4.jpg
I personaggi del manga
Genereavventura, commedia, soprannaturale, storico
Manga
AutoreAkimine Kamijo
EditoreKōdansha
RivistaWeekly Shōnen Magazine
Targetshōnen
1ª edizione15 ottobre 1999 – 10 maggio 2006
Tankōbon38 (completa)
Editore it.Panini Comics - Planet Manga
Volumi it.38 (completa)
Serie TV anime
RegiaJunji Nishimura
SoggettoShō Aikawa
Char. designManabu Fukusawa
Dir. artisticaToshihisa Koyama
StudioStudio Deen
ReteTV Tokyo
1ª TV1º luglio – 23 dicembre 2002
Episodi26 (completa)
Aspect ratio4:3
Durata ep.24 min
Episodi it.inedito

Samurai Deeper Kyo (サムライ ディーパー キョウ Samurai Dīpā Kyō?) è un manga pensato e realizzato da Akimine Kamijyo. Il manga è stato pubblicato dal 15 ottobre 1999 fino al 10 maggio 2006 su Kōdansha Weekly Shōnen Magazine, e conta 38 volumi.

A partire dal 12 dicembre, 34 volumi sono stati pubblicati negli Stati Uniti e in Canada dalla Tokyopop, la quale ha ceduto i diritti della serie alla Del Rey, che ha unificato i volumi 35 e 36 in un pezzo unico e che ha pubblicato gli ultimi due volumi restanti in un volume unico.

Nel 2002 lo Studio Deen ha prodotto l'anime omonimo in 26 episodi, trasmessi da TV Tokyo dal luglio 2002.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Situato nel Giappone dei Tokugawa, Samurai Deeper Kyo segue la storia di Demon Eyes Kyo (鬼目の狂 Oni Me no Kyō?), "Kyo dagli occhi di demone", il quale vuole riconquistare il suo corpo dopo che la sua anima fu sigillata all'interno del corpo del suo nemico, Mibu Kyoshiro. Durante la sua ricerca, Kyo incontra Shiina Yuya, l'erede dello shogunato Benitora di Tokugawa, e Sanada Yukimura, un rivale conosciuto dei Tokugawa.

La trama inizia seguendo Yuya Shiina, una cacciatrice di taglie alla ricerca dell'assassino di suo fratello Nozomu, che incontra un venditore ambulante di medicinali di nome Kyoshiro Mibu. Nel corso della storia i personaggi di Kyoshiro Mibu ed, in misura minore, di Yuya Shiina recedono dalla storia, mentre Kyo dagli Occhi di Demone viene in primo piano. L'unico desiderio dichiarato di Kyo è quello di ritrovare il proprio corpo. Questa strada porta Kyo, Yuya e una serie di altri compagni, a scontrarsi dapprima con lo shogunato Tokugawa e successivamente con la tribù dei Mibu, una razza di superumani violenti che hanno manovrato il Giappone nell'ombra per millenni.

Alla base dell'arco principale della storia di Kyo c'è la ricerca di riavere il proprio corpo, ci sono poi molti archi narrativi minori, ognuno dei quali porta a quello successivo; inoltre le basi per molte rivelazioni successive sono poste molti volumi in anticipo.

Nel manga viene rivelato che tutti i Mibu, ad eccezione di Kyo, sono i discendenti di "Battle Dolls", creature create dai Mibu per lottare per il loro divertimento. Col tempo, le "Battle Dolls" credono di essere loro stesse i veri Mibu e che i Mibu originari si estinsero a causa di lotte intestine. Le "Battle Dolls", però, vengono progressivamente uccise dal "Malattia della Morte". La prima vittima della malattia è stata la sorella di Muramasa, maestro di Kyo, ma molti altri presto seguiranno la stessa sorte; infatti la malattia si manifesta quando la persona infetta raggiunge una certa età. Per questo motivo, il processo di invecchiamento è stato arrestato in Antera, Tokito e probabilmente altri.

Alla fine Kyo sconfigge il padre e creatore del Mibu, l'Ex Re Rosso, che era la prima "Battle Doll". Originariamente il Re Rosso era un sovrano molto amato e benevolo, ma in seguito il re era diventato completamente corrotto dalla perdita della fede nell'umanità, ed è diventato un tiranno pazzo con il desiderio di eliminare completamente tutta l'umanità. Al termine della battaglia finale con il Re Rosso, durante la quale esplode la capitale dei Mibu, Kyo è considerato morto e non si sa se si tratti di Kyo o Kyoshiro che sopravvive alla battaglia finale, tuttavia sembra che ancora una volta condividano lo stesso corpo.

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Volumi[modifica | modifica wikitesto]

Data di prima pubblicazione
GiapponeseItaliano
115 ottobre 1999ISBN 978-4-06-312749-2 31 agosto 2010[1]
217 novembre 1999ISBN 978-4-06-312778-2 30 settembre 2010[2]
317 gennaio 2000ISBN 978-4-06-312794-2 31 ottobre 2010[3]
414 aprile 2000ISBN 978-4-06-312830-7 28 novembre 2010[4]
516 giugno 2000ISBN 978-4-06-312850-5 26 dicembre 2010[5]
610 agosto 2000ISBN 978-4-06-312870-3 30 gennaio 2011[6]
716 novembre 2000ISBN 978-4-06-312903-8 27 febbraio 2011[7]
817 gennaio 2001ISBN 978-4-06-312926-7 27 marzo 2011[8]
916 marzo 2001ISBN 978-4-06-312949-6 30 aprile 2011[9]
1017 maggio 2001ISBN 978-4-06-312970-0 28 maggio 2011[10]
1117 luglio 2001ISBN 978-4-06-312992-2 25 giugno 2011[11]
1217 ottobre 2001ISBN 978-4-06-313031-7 24 luglio 2011[12]
1317 dicembre 2001ISBN 978-4-06-313053-9 30 agosto 2011[13]
1415 febbraio 2002ISBN 978-4-06-313074-4 24 settembre 2011[14]
1517 maggio 2002ISBN 978-4-06-363104-3 22 ottobre 2011[15]
1617 luglio 2002ISBN 978-4-06-363123-4 19 novembre 2011[16]
1717 settembre 2002ISBN 978-4-06-363145-6 24 dicembre 2011[17]
1815 novembre 2002ISBN 978-4-06-363166-1 21 gennaio 2012[18]
1917 gennaio 2003ISBN 978-4-06-363190-6 18 febbraio 2012[19]
2017 marzo 2003ISBN 978-4-06-363213-2 17 marzo 2012[20]
2117 luglio 2003ISBN 978-4-06-363213-2 14 aprile 2012[21]
2212 agosto 2003ISBN 978-4-06-363271-2 19 maggio 2012[22]
2317 ottobre 2003ISBN 978-4-06-363296-5 23 giugno 2012[23]
2417 dicembre 2003ISBN 978-4-06-363317-7 (ed. regolare)
ISBN 978-4-06-362027-6 (ed. limitata)
22 luglio 2012[24]
2517 febbraio 2004ISBN 978-4-06-363335-1 30 agosto 2012[25]
2616 aprile 2004ISBN 978-4-06-363357-3 29 settembre 2012[26]
2717 giugno 2004ISBN 978-4-06-363395-5 (ed. regolare)
ISBN 978-4-06-362028-3 (ed. limitata)
20 ottobre 2012[27]
2817 settembre 2004ISBN 978-4-06-363424-2 24 novembre 2012[28]
2917 novembre 2004ISBN 978-4-06-363447-1 22 dicembre 2012[29]
3017 gennaio 2005ISBN 978-4-06-363472-3 26 gennaio 2013[30]
3117 marzo 2005ISBN 978-4-06-363497-6 (ed. regolare)
ISBN 978-4-06-362040-5 (ed. limitata)
28 febbraio 2013[31]
3217 giugno 2005ISBN 978-4-06-363536-2 30 marzo 2013[32]
3317 agosto 2005ISBN 978-4-06-363560-7 30 aprile 2013[33]
3417 ottobre 2005ISBN 978-4-06-363583-6 31 maggio 2013[34]
3516 dicembre 2005ISBN 978-4-06-363607-9 29 giugno 2013[35]
3616 febbraio 2006ISBN 978-4-06-363627-7 (ed. regolare)
ISBN 978-4-06-362053-5 (ed. limitata)
27 luglio 2013[36]
3717 aprile 2006ISBN 978-4-06-363653-6 31 agosto 2013[37]
3814 luglio 2006ISBN 978-4-06-363689-5 28 settembre 2013[38]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Logo originale della serie nella sigla di apertura

Il manga è stato adattato in stile anime nel 2002 dallo Studio Deen e mandato in onda su TV Tokyo dal 1º luglio 2002 fino al 24 dicembre dello stesso anno, per un totale di 26 episodi[39]. La serie è stata trasmessa anche in Danimarca, Inghilterra, Francia, Germania, Indonesia, Singapore e Spagna.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

GiapponeseKanji」 - RōmajiIn onda
Giapponese
1「アルマゲドンの行方」 - arumagedon no namegata1º luglio 2002
2「賞金首(デッド オア アライブ)の男」 - shōkin kubi (deddo oa araibu) no otoko8 luglio 2002
3「紅きミラージュ」 - akaki miraju15 luglio 2002
4「忍び寄るナイトメア」 - shinobi yoru naitomea22 luglio 2002
5「アサシンの涙」 - asashin no namida29 luglio 2002
6「ヒビヤ・ベイの決闘」 - hibiya. bei no kettō5 agosto 2002
7「慶長バトルロイヤル」 - keichō batoruroiyaru12 agosto 2002
8「デモンスピア哭く」 - demonsupia naku19 agosto 2002
9「微笑のブラインド」 - hohoeno buraindo26 agosto 2002
10「冷血のイリュージョン」 - reiketsu no iryujon2 settembre 2002
11「漆黒のフラッシュバック」 - shikkoku no furasshubakku9 settembre 2002
12「ディープ・フォレストから来た少年」 - deipu. foresuto kara kita shōnen16 settembre 2002
13「クロスする魂たち」 - kurosu suru tamashii tachi23 settembre 2002
14「サタン再び」 - satan futatabi30 settembre 2002
15「我が友レッド<紅虎>タイガー」 - waga tomo reddo < kurenai tora > taiga7 ottobre 2002
16「完璧なるビクトリー」 - kanpeki naru bikutori14 ottobre 2002
17「少女たちのシークレットトーク」 - shōjo tachino shikurettotoku21 ottobre 2002
18「ナースな悪魔♡」 - nasu na akuma28 ottobre 2002
19「サンダーボルト斬撃」 - sandaboruto zan geki4 novembre 2002
20「アブソリュートゼロの彼方へ」 - abusoryutozero no kanata he11 novembre 2002
21「地獄のミブ・キャッスル」 - jigoku no mibu. kyassuru18 novembre 2002
22「機械仕掛けのドールズ」 - kikai shikake no doruzu25 novembre 2002
23「灼熱のエクスタシー」 - shakunetsu no ekusutashi2 dicembre 2002
24「ラストムラマサ覚醒」 - rasutomuramasa kakusei9 dicembre 2002
25「タキオンを超える者」 - takion wo koe ru mono16 dicembre 2002
26「SAMURAIはバラードをうたう」 - SAMURAI ha barado wōtau23 dicembre 2002

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Di Samurai Dīpā Kyō è stato ricavato un videogioco per Game Boy Advance, pubblicato in Giappone alla fine del 2002. È poi stato diffuso anche nel Nord America nel febbraio 2008.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Samurai Deeper Kyo 1, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  2. ^ Samurai Deeper Kyo 2, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  3. ^ Samurai Deeper Kyo 3, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  4. ^ Samurai Deeper Kyo 4, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  5. ^ Samurai Deeper Kyo 5, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  6. ^ Samurai Deeper Kyo 6, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  7. ^ Samurai Deeper Kyo 7, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  8. ^ Samurai Deeper Kyo 8, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  9. ^ Samurai Deeper Kyo 9, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  10. ^ Samurai Deeper Kyo 10, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  11. ^ Samurai Deeper Kyo 11, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  12. ^ Samurai Deeper Kyo 12, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  13. ^ Samurai Deeper Kyo 13, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  14. ^ Samurai Deeper Kyo 14, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  15. ^ Samurai Deeper Kyo 15, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  16. ^ Samurai Deeper Kyo 16, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  17. ^ Samurai Deeper Kyo 17, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  18. ^ Samurai Deeper Kyo 18, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  19. ^ Samurai Deeper Kyo 19, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  20. ^ Samurai Deeper Kyo 20, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  21. ^ Samurai Deeper Kyo 21, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  22. ^ Samurai Deeper Kyo 22, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  23. ^ Samurai Deeper Kyo 23, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  24. ^ Samurai Deeper Kyo 24, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  25. ^ Samurai Deeper Kyo 25, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  26. ^ Samurai Deeper Kyo 26, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  27. ^ Samurai Deeper Kyo 27, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  28. ^ Samurai Deeper Kyo 28, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  29. ^ Samurai Deeper Kyo 29, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  30. ^ Samurai Deeper Kyo 30, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  31. ^ Samurai Deeper Kyo 31, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  32. ^ Samurai Deeper Kyo 32, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  33. ^ Samurai Deeper Kyo 33, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  34. ^ Samurai Deeper Kyo 34, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  35. ^ Samurai Deeper Kyo 35, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  36. ^ Samurai Deeper Kyo 36, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  37. ^ Samurai Deeper Kyo 37, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  38. ^ Samurai Deeper Kyo 38, AnimeClick.it. URL consultato il 1º gennaio 2018.
  39. ^ anime.marumegane.com per le date di trasmissione ed i titoli originali.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga