Sam & Max

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sam & Max
fumetto
Titolo orig.Sam & Max
Lingua orig.inglese
PaeseStati Uniti
AutoreSteve Purcell
1ª edizione1987

Sam & Max sono due personaggi immaginari protagonisti di una omonima serie a fumetti statunitensi, ideati da Steve Purcell.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Costume di Sam & Max, Comic-Con 2007

Sam è un cane antropomorfo vestito da detective anni quaranta. È riflessivo, intelligente, e dotato di un bagaglio culturale enciclopedico. È sicuramente il più umano dei due nel modo di pensare e di porsi nei riguardi della vita e del lavoro.

Max è un "qualcosa che sembra un coniglio" psicotico e iperattivo. Nonostante la sua natura violenta e scavezzacollo, che spesso lo porta a mettersi in situazioni pericolose, Max ha una mente acuta.

Furono ispirati da alcuni disegni infantili del fratello di Purcell.

Sono investigatori privati o, come si autodefiniscono, dei "Freelance Police". La coppia vive a New York City ma le mete dei loro viaggi sono spesso posti come New Orleans, l'antico Egitto, le Filippine e la Luna. Guidano un'indistruttibile DeSoto bianca e nera del 1960. A guidare è spesso Max, nonostante non abbia una buona vista.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

I personaggi vennero ideati nel 1987 ed esordirono in una serie di strisce a fumetti pubblicate su diverse testate statunitensi alla fine degli anni ottanta con diversi titoli e vennero raccolte in gran parte nell'albo intitolato The Collected Sam & Max: Surfin' the Highway del 1995.

Trasposizione in altri media[modifica | modifica wikitesto]

Furono protagonisti anche di un'avventura grafica della Lucasarts, dal titolo Sam & Max Hit the Road (1993)[1], di una serie televisiva trasmessa da Fox Kids ed erano già comparsi brevemente in altre avventure grafiche della casa di produzione di George Lucas.

Dopo una decade di inattività, in cui una serie di avventure con protagonisti Sam & Max vennero progettate dalla Lucas Arts, ma mai realizzate a causa delle "avverse condizioni di mercato", la licenza della Lucas Arts per Sam & Max scadde nel 2005 e venne acquistata dalla Telltale Games che, nel 2006, creò nuove avventure e le rese disponibili per il download online. La società ha sviluppato sei avventure grafiche sotto forma di episodi facenti parte della Sam & Max Season One. Gli episodi sono stati resi disponibili con cadenza mensile e nello specifico sono: Culture Shock, Situation: Comedy, The Mole, the Mob, and the Meatball, Abe Lincoln Must Die! Reality 2.0 e Il finale Bright Side of the Moon.

Nel luglio del 2007 la Telltale Games ha annunciato la realizzazione della Season Two.[2] La distribuzione online della serie, composta da cinque episodi a cadenza mensile, è iniziata il 9 novembre 2007 con l'episodio Ice Station Santa [3], seguito da Moai Better Blues l'11 gennaio 2008, Night of the Raving Dead il 12 febbraio 2008, Chariots of the Dogs il 13 marzo 2008 e What's New, Beelzebub? l'11 aprile 2008.

La terza serie dal titolo Sam & Max Season Three, dopo esser stata annunciata per il 2009.[4], è uscita il 15 aprile 2010 con il primo episodio, The Penal Zone, portando per la prima volta Sam & Max su PlayStation 3.

Max può essere trovato sotto forma di easter egg nel videogioco "Star Wars Jedi Knight: Dark Forces II". Mentre il protagonista Kyle Katarn esplora il pianeta Sulon, lo può trovare in un'abitazione. Aiuterà il giocatore a rintracciare una spia.

Sono attualmente in sviluppo le versioni rimasterizzate dei tre capitoli di Telltale, partendo da Save The World, pubblicata il Dicembre del 2020 su Steam, GOG e Nintendo Switch. Sono state sviluppate da Skunkape Games, uno studio formato dagli sviluppatori della versione originale uscita nel 2007. Il nome dello studio fa riferimento al personaggio di General Skun-ka'pe del terzo capitolo, The Devil's Playhouse.

La HappyGiant farà inoltre uscire prossimamente Sam & Max: This Time It’s Virtual! per Windows e PlayStation VR.

Videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Avventure grafiche, in Play Generation, n. 67, Edizioni Master, giugno 2011, p. 26, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  2. ^ Annunciato Sam & Max Season Two, Hardware Upgrade, 26-7-2007. URL consultato il 26-7-2007.
  3. ^ Al via la seconda stagione di Sam & Max, Hardware Upgrade, 12-11-2007. URL consultato il 12-11-2007.
  4. ^ Sam & Max: la Season 3 nel 2009, GamesBlog.it, 27-05-2008. URL consultato il 31-08-2008.