Salvo (nome)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Salvo è un nome proprio di persona italiano maschile[1].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Deriva dal nome latino Salvus, tratto dall'omonimo vocabolo salvus, che vuol dire letteralmente "salvo"[1]. Salvus, assieme ai suoi derivati (patronimici) Salvius e Salvianus, si diffonde particolarmente in età tardoimperiale, allorché viene reinterpretato in chiave cristiana con il significato di "salvo in Dio" (in riferimento alla salvezza dell'anima)[1]. Il suo utilizzo viene poi sostenuto dal culto di svariati santi così chiamati[1].

Per quanto riguarda la sua diffusione in Italia, le varie forme sono attestate in maniera frammentaria sul territorio nazionale: "Salvo" è accentrato in Sicilia e Toscana, "Salva" al Nord, specie in Emilia-Romagna; "Salvio" in Campania; "Salvia" al Centro-Nord; "Salvino" in Veneto[1]. Va notato, inoltre, che in italiano moderno "Salvo" costituisce anche spesso un ipocoristico di Salvatore.

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

L'onomastico si può festeggiare in memoria di più santi, alle date seguenti:

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Variante Salvio[modifica | modifica wikitesto]

Variante Salvino[modifica | modifica wikitesto]

Il nome delle arti[modifica | modifica wikitesto]

  • Salvo Montalbano è il protagonista dei romanzi polizieschi di Andrea Camilleri e della serie televisiva tratta da essi.
  • Salvo, dal nome dell'omonimo protagonista, è un film italiano del 2013.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l De Felice, pp. 107-108.
  2. ^ a b c d e (EN) Name - Salvius, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 17 marzo 2019.
  3. ^ a b c d e Santi e beati di nome Salvio, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 17 marzo 2019.
  4. ^ (EN) Saint Salvius of Albelda, su CatholicSaints.Info. URL consultato il 17 marzo 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Emidio De Felice, Nomi d'Italia, vol. 3, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1978.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi