Salvatore Scoca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salvatore Scoca
SalvatoreScoca.jpg

Ministro per la riforma burocratica
Durata mandato 17 agosto 1953 –
5 gennaio 1954
Presidente Pella
Predecessore Delega conferita al Sottosegretario Roberto Lucifredi
Successore Umberto Tupini
(Ministro per la riforma della pubblica amministrazione)

Deputato dell'Assemblea Costituente
Legislature I, II, III
Gruppo
parlamentare
Democrazia Cristiana
Circoscrizione Irpinia
Incarichi parlamentari
  • Sottosegretario di Stato al Ministero del Tesoro
  • Avvocato Generale dello Stato

Dati generali
Partito politico Democrazia Cristiana
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione avvocato

Salvatore Scoca (Calitri, 15 giugno 1894Roma, 10 maggio 1962) è stato un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Calitri da Gaetano e da Maria Concetta Capossela, entrambi contadini, quarto di nove figli. Dopo gli studi elementari e secondari frequentò la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Roma e si laureò nel 1918. Svolse per un breve periodo la libera professione, ma dal 1º gennaio 1925, vinto il concorso in Magistratura, entrò a far parte dell'Avvocatura Generale dello Stato.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la Liberazione di Roma (1944) fu nominato Membro del primo Comitato romano della Democrazia Cristiana.

Fu Sottosegretario di Stato al Ministero del Tesoro nel Governo Bonomi III (1944-1945) e poi Sottosegretario di Stato al Ministero delle Finanze nel Governo De Gasperi II (1946-1947).

Nel 1946 fu eletto Membro dell'Assemblea Costituente e fu nominato Avvocato Generale dello Stato fino alla sua morte.

Fu Deputato in Parlamento in diverse Legislature (1948, 1953, 1958).

Affiancò la sua attività di funzionario dello Stato con quella di attento studioso di problemi economici e finanziari, come risulta dalle diverse sue pubblicazioni.

È sepolto nella Cappella dell'Assunta, eretta per sua iniziativa, a Calitri Scalo.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90320829 · SBN: IT\ICCU\SBLV\025818 · ISNI: (EN0000 0000 6178 812X · GND: (DE1055306439