Salvatore Rampone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Salvatore Rampone (Benevento, 1º maggio 1962) è uno scienziato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Scienze dell'Informazione e successivamente in Informatica, allievo del pioniere delle reti neurali Eduardo Caianiello, è professore di Informatica, prima all'Università di Salerno e poi, dal 1998, presso l'Università degli Studi del Sannio.

I suoi numerosi contributi scientifici, di varia natura, pur accentrati nelle aree dell'informatica e della cibernetica si sono estesi in molteplici ambiti (botanica[1], bioinformatica, cosmologia, didattica, geoinformatica, telecomunicazioni). Particolarmente nota è la relazione tra la catena evoluzionistica e la dimensione stimata dell'universo (da lui individuata nel 1999 assieme al fisico Antonio Feoli)[2] che ha chiarito un problema a lungo dibattuto nell'ambito del principio antropico; come anche il dataset di regioni di DNA umano HS3D[3] per valutare i metodi di identificazione e caratterizzazione dei geni[4]. Stephen Hawking affermò che l'esistenza di altre galassie e l'omogeneità ed isotropia a grande scala dell'universo sembra in contrasto con il principio antropico forte[5]. Antonio Feoli e Salvatore Rampone argomentarono che l'enorme dimensione stimata dell'universo e il grande numero di pianeti in esso sono un ingrediente indispensabile nella valutazione della probabilità di sviluppo della vita intelligente.

È attivo sostenitore del transumanesimo, un movimento intellettuale e culturale che sostiene l'uso delle scoperte scientifiche e tecnologiche per aumentare le capacità fisiche e cognitive e migliorare la condizione umana. A tale scopo, all'attività di ricerca teorica ha affiancato una intensa attività agonistica sperimentale nell'ambito del culturismo. Nel 2005 è stato campione italiano IPF[non chiaro] di culturismo (categoria BB over 40)[6].

Dal 2011 è Direttore Scientifico di FUTURIDEA.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://luirig.altervista.org/flora/taxa/index2.php?scientific-name=centaurea+delucae
  2. ^ Antonio Feoli, e Salvatore Rampone, "Is the Strong Anthropic Principle too weak?". (arxiv.org) Vedi anche articolo di A.Feoli in carmillaonline.com
  3. ^ P.Pollastro, S.Rampone "HS3D - Homo Sapiens Splice Sites Dataset"
  4. ^ Nucleic Acids Research - NAR "Molecular Biology Database Collection entry number 36"
  5. ^ Stephen Hawking, A Brief History of Time, 1988, p. 126.
  6. ^ Articolo su settimanale Vero "[1]"
  7. ^ FUTURIDEA

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie