Salvatore Montalto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Salvatore Montalto (Villabate, 3 aprile 1936Milano, 4 aprile 2012) è stato un mafioso italiano.

Dopo la guerra di mafia dei primi anni ottanta, è stato capo del mandamento mafioso di Villabate; inizialmente era braccio destro del boss Inzerillo, ma poi entrò nel clan dei corleonesi, che vinsero la seconda guerra di mafia, nella quale Inzerillo fu vittima dello stesso Montalto.

Fu arrestato in un blitz di Ninni Cassarà il 7 novembre 1982, ma sette giorni dopo il poliziotto Calogero Zucchetto fu ucciso mentre indagava su Pino Greco.

Detenuto a Milano, malato terminale di cancro è stato scarcerato per motivi di salute pochissimi giorni prima della sua morte che è avvenuta il 4 aprile 2012 all'età di 76 anni.[1][2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pippo Giordano, E' morto il boss Salvatore Montalto. L'uomo che fece uccidere Lillo Zucchetto., 19luglio1992.org. URL consultato il 7 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 7 aprile 2012).
  2. ^ Morto il boss Montalto: era a casa per malattia, su palermo.repubblica.it.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie