Salvatore Martinez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salvatore Martinez

Salvatore Martinez (Enna, 4 maggio 1966) è un letterato italiano, ed è il primo laico alla presidenza nazionale del Rinnovamento nello Spirito Santo, Presidente della Fondazione Vaticana “Centro Internazionale Famiglia di Nazareth” e Rappresentante Personale della Presidenza Italiana in esercizio OSCE 2018 con delega alla "Lotta al Razzismo, Xenofobia e Discriminazione, con focus sull’Intolleranza e la Discriminazione contro i Cristiani e gli appartenenti ad altre religioni”..

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Enna, nel cuore della Sicilia, è sposato con Luciana Leone.

È laureato in Paleografia e Filologia Musicale all'Università di Pavia con il massimo dei voti con tesi di specializzazione sulla storia dei Pontefici del primo millennio alla luce delle innovazioni liturgiche contenute nel Liber Pontificalis.

Svolge un'intensa attività editoriale. Ha già pubblicato 25 libri; tra questi, edito da San Paolo: "Sospinti dallo Spirito", nel maggio 2014, con larga diffusione editoriale in tutte le edicole d'Italia (è stato il secondo libro nelle classifiche di tutti i testi venduti nelle librerie cattoliche, e tra i primi 100 libri più venduti tra i cataloghi degli editori italiani). Il testo è stato tradotto in spagnolo, inglese, portoghese e francese. Tra i suoi libri editi da RnS, "Papa Francesco e lo Spirito Santo, Novità, armonia, missione" è stato tra i testi di editoria religiosa più apprezzati al Salone Internazionale del libro di Francoforte nel 2014. Alcuni dei testi pubblicati sono stati tradotti in lingua inglese, francese, spagnola, tedesca, portoghese, polacca, mandarina.

Esperto di musica sacra, ha composto brani in uso nel repertorio liturgico, incisi in oltre 20 produzioni musicali per coro ed orchestra, tradotti e diffusi in molti Paesi del mondo.

Ha svolto e svolge docenze, corsi, consulenze per Università Pontificie e Cattoliche in Roma e in diversi Paesi del mondo, per Istituzioni e Istituti di Formazione in Italia e all’estero.

Collabora con riviste italiane e straniere su temi di spiritualità o su argomenti legati alla Dottrina Sociale della Chiesa.

Fortemente impegnato nell'attività di speaker e di formatore (mediamente oltre 70 conferenze l’anno, molte di queste pubblicate in riviste e siti web), ha relazionato in Convegni nazionali e internazionali di 39 Paesi dei cinque Continenti su temi di natura spirituale, con particolare riguardo ai giovani, alle famiglie, ai sacerdoti, alla promozione dei laici, al disagio sociale, alla Dottrina Sociale della Chiesa, invitato da Dicasteri Vaticani, da Conferenze Episcopali Nazionali, da Università, da Istituzioni pubbliche, Enti culturali e sociali.

Ha organizzato o collaborato all’organizzazione di molti eventi internazionali (Giornate, Raduni, Congressi) organizzati da Dicasteri Vaticani, dal Rinnovamento Carismatico Cattolico o Rinnovamento nello Spirito, da Organizzazioni Ecumeniche o Interreligiose, da Enti e Istituzioni statali, governative o non governative, in Italia e in diversi Paesi d’Europa e delle Americhe.

Incarichi[modifica | modifica wikitesto]

È il primo laico alla presidenza del Rinnovamento nello Spirito Santo (RnS) dal 1997. Il Rinnovamento nello Spirito Santo è un'Associazione privata di fedeli i cui statuti sono riconosciuti dalla Conferenza Episcopale Italiana (CEI) e dalla Santa Sede. Conta circa 1900 Gruppi e Comunità in Italia, per oltre 250.000 aderenti, nove Missioni all'estero (tra cui Repubblica Moldova e Transinistria, Israele e Giordania), quattro Scuole nazionali residenziali di formazione, una Casa editrice, una Fondazione per la promozione di progetti di utilità sociale, una Società di servizi per l'organizzazione di eventi.

È presidente della Fondazione Vaticana “Centro Internazionale Famiglia di Nazareth” (CIFN) eretta ex audientia da Papa Benedetto XVI il 17 ottobre 2012, dotata di personalità giuridica canonica pubblica e civile vaticana, per lo sviluppo del Magistero della Famiglia nel mondo, con speciale mandato a costruire e gestire la “Casa del Papa per le famiglie” a Nazareth, come via ecumenica e interreligiosa di dialogo e di pace in Medio Oriente. Un sogno di san Giovanni Paolo II, annunciato a Rio de Janeiro il occasione del II Incontro Mondiale delle Famiglie, nel 1997, desiderio rinnovato da papa Benedetto XVI nel 2009 e da papa Francesco nel 2014 in occasione dei rispettivi viaggi papali in Terra Santa.

Nel gennaio 2018 è stato nominato Rappresentante Personale della Presidenza Italiana in esercizio OSCE 2018 per la Dimensione 3, con delega alla "Lotta al Razzismo, Xenofobia e Discriminazione, con focus sull’Intolleranza e la Discriminazione contro i Cristiani e gli appartenenti ad altre religioni”. Contemporaneamente è stato nominato Rappresentante Personale dell’Ufficio permanente di Presidenza a Vienna, sempre nella Dimensione 3, a fianco del Rabbino americano Andrew Baker (per gli ebrei), del prof. turco Bulent Şenay (per i musulmani), entrambi già in carica, in sostituzione (per i cristiani) della prof.ssa austriaca Ingeborg Gabriel.

È Consultore, con nomina di Papa Benedetto XVI, ad quinquennium, dall'aprile del 2012, del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione[1]

È stato Consultore, fino allo scioglimento del Dicastero, del Pontificio Consiglio per i Laici[2] con nomina ad quinquennium di Papa Benedetto XVI, nel marzo del 2008, incarico rinnovato da Papa Francesco nel 2013.

È stato Consultore, fino allo scioglimento del Dicastero, del Pontificio Consiglio per la Famiglia[3], con nomina ad quinquennium di Papa Benedetto XVI, nel settembre del 2009, incarico rinnovato da Papa Francesco nel 2014.

Dal 1997 è Presidente della Fondazione “Alleanza del Rinnovamento nello Spirito ONLUS”, Ente riconosciuto dalla Repubblica Italiana e dalla Conferenza Episcopale Italiana, che opera nel campo della formazione dei formatori con l’organizzazione e la promozione di Scuole nazionali e interregionali dedicate alle famiglie, ai giovani, agli animatori e agli operatori in ambito sociale, anche attraverso iniziative mirate alla riduzione del disagio sociale dei soggetti svantaggiati. Dal 2002, la Fondazione ha avviato una missione a Chisinau, capitale della Repubblica di Moldova, con la creazione di un Centro missionario e di una Casa di accoglienza aperta ai poveri; al contempo ha stipulato dei protocolli d’intesa con istituzioni governative socio-sanitarie per la presa a carico dei bambini afflitti da disagio mentale.

Dal 2000 è Presidente della Fondazione Istituto di promozione umana "Mons. Francesco Di Vincenzo"[4], un Ente morale (riconosciuto dalla Repubblica Italiana nel 1995) ed ecclesiastico (riconosciuto dalla Diocesi di Piazza Armerina nel 1989) per l'integrazione delle formazioni sociali che fondano la dignità dell'uomo (chiesa, famiglia, cultura, lavoro). La Fondazione ha dato vita al “Polo di eccellenza della solidarietà e della promozione umana «Mario e Luigi Sturzo»”, presso il Fondo storico dei fratelli Sturzo (di proprietà della Diocesi di Piazza Armerina), un'Opera sociale per la redenzione dei carcerati, degli ex carcerati e della loro famiglie, nonché dei minori immigrati non accompagnati.

Dal 2009 è Presidente della Fondazione “Casa Museo Sturzo” (riconosciuta nel 2010 dalla Regione siciliana come “Museo privato d’interesse regionale”) presso il nobiliare palazzo della famiglia Sturzo, nel centro storico di Caltagirone (proprietà del pronipote Guglielmo Sturzo). Il palazzo, 3.000 m² su tre livelli, è visitabile solo in alcuni ambienti e attesta il genius loci dei fratelli Luigi e Mario Sturzo, nella biblioteca di famiglia e negli effetti personali che sono scrigno eloquente della loro grandezza.

Dall’aprile del 2016 è Presidente dell'Associazione "Laudato si'" per il Progetto nazionale "LAB.ORA 1000 giovani per una leadership di servizio". LAB.ORA 1000 giovani è una risposta attuativa all’appello di Papa Francesco ai cristiani che sono in Italia in occasione del V Convegno Ecclesiale Nazionale di Firenze 2015. Un’iniziativa innovativa e sistemica, interdisciplinare e aperta a sviluppi e collaborazioni internazionali, che raduna un esperto e rappresentativo gruppo di laici, ecclesiastici e accademici che hanno deciso di mettersi in gioco sul piano della testimonianza personale, gratuita e generosa a servizio dei giovani che si distinguono nelle comunità locali, per la creazione di una nuova generazione di leaders e per un loro nuovo protagonismo sociale e politico in tutto il territorio italiano, in special modo attraverso l’innovazione nella valorizzazione delle risorse territoriali.

Dal luglio del 2017 è Presidente dell'Osservatorio sulle minoranze religiose nel mondo e sul rispetto della libertà religiosa, Organismo promosso dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) italiano. L’attività dell’Osservatorio s’inserisce nel contesto della politica estera italiana a favore della tutela e della promozione della libertà di religione, di professione pubblica del credo religioso, dei diritti degli appartenenti alle minoranze etniche e religiose, nei rapporti bilaterali, multilaterali e nei programmi della Cooperazione allo sviluppo, con particolare riguardo alle nuove generazioni, perché acquisiscano consapevolezza della salvaguardia dei diritti umani. L’Osservatorio coordina, attraverso il MAECI, la propria azione con il lavoro svolto dalle rappresentanze diplomatiche italiane all’estero su temi e progetti d’interesse comune e in linea con gli obiettivi assegnati.

Dal 2002 coordina la Delegazione Italiana che partecipa a Washington al “National Prayer Breakfast” (NPB), giunto nel 2018 alla 66ª edizione. Il NPB è il più grande network interreligioso di leader (ogni anno con una Convention internazionale a Washington, su inviti del Senato e del Congresso degli USA, sempre presente il Presidente e il Vice Presidente in carica) che riconoscono in Gesù, a prescindere dalla professione di una fede o dall'appartenenza ad una religione, un “modello” di leadership che ponga al centro i valori universali del Vangelo e dunque l'uomo, la sua dignità integrale, gli ideali di pace e di solidarietà tra le Nazioni. Sono più di 150 i Paesi rappresentati e presenti ogni anno. È stato speaker al 63° NPB, il 4 febbraio 2015, unico europeo di religione cristiana a porgere un discorso nella sessione dedicata al Medio Oriente, insieme a speakers ebrei e musulmani provenienti da Israele, Palestina e Giordania, sul tema "Famiglia, Medio Oriente e papa Francesco".

È Membro dell'International Charismatic Consultation (ICC), l'Organizzazione ecumenica che raccoglie i principali leaders carismatici cristiani del mondo (in rappresentanza di oltre 400 milioni di cristiani).

È Vicepresidente internazionale di Youth Arise International (YAI), un progetto di formazione all'evangelizzazione riservato ai giovani che organizza eventi in tutto il mondo, in particolar modo raduni di animazione alla vigilia degli Incontri Mondiali della Gioventù organizzati dal Vaticano con la presenza dei Pontefici (il primo nel 1997 in Francia; il prossimo a Panama nel 2019).

È Socio fondatore del Comitato e dell'Associazione Scienza e Vita[5], Organismo nazionale con sedi locali in tutta Italia, al quale aderiscono uomini e donne di varie ispirazioni ideali impegnati sul fronte della bioetica.

È Membro storico del “Forum delle Associazioni Familiari”, Organismo nazionale che raccoglie 48 Associazioni, 18 Forum regionali e 564 Associazioni per la promozione e la salvaguardia dei diritti della famiglia.

È stato Membro dell’Ufficio di presidenza di Rete in Opera[6], dal 2011 al 2014, per due mandati, un Organismo nazionale cui aderiscono 20 Associazioni e Movimenti cattolici o d’ispirazione cristiana, una diffusa “Opera delle reti” fondata sui principi della Dottrina sociale della Chiesa, espressione dell’autonomia e del ruolo costitutivo della società civile sui temi di maggiore rilevanza pubblica.

Ha preso parte come Uditore, con nomina pontificia, alla XIII Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi sul tema: "La nuova Evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana"[7], svoltosi in Vaticano dal 7 al 28 ottobre 2012.

È stato parte della Delegazione del Patriarcato Latino di Gerusalemme, su invito delle Autorità Israeliane, Giordane e Palestinesi, in occasione del Viaggio Pontificio di Papa Francesco in Terra Santa nel maggio 2014.

Come Presidente del RnS dal 2007 ha ideato, presiede e guida un annuale, speciale Pellegrinaggio Nazionale in Terra Santa, con animazione musicale, conferenze mistagogiche ed esperienze spirituali nei principali luoghi della fede cristiana, anche mediante il coinvolgimento della comunità cristiana araba in Israele e in Palestina, oltre che dei rappresentanti delle 3 religioni abramitiche presenti in Terra Santa, a partire dal Patriarcato Latino di Gerusalemme e dalla Custodia di Terra Santa.

Come Presidente del RnS dal 2008 ha ideato, presiede e guida un annuale Pellegrinaggio Nazionale delle Famiglie per la Famiglia a Pompei, un gesto popolare di preghiera che unisce nonni, genitori e figli mediante il “Rosario della Famiglia”, sin dalla prima edizione in collaborazione con il Pontificio Consiglio per la Famiglia (ora Dicastero per i Laici, Famiglia e Vita), con l’Ufficio Nazionale della CEI per la Pastorale della Famiglia e con il Forum Nazionale delle Associazioni Familiari.

Come Presidente del RnS ha organizzato e presieduto presso lo Stadio Olimpico di Roma (1-2 giugno 2014)[10], con la speciale presenza di Papa Francesco[8], la 37a Convocazione del Rinnovamento con 52mila persone presenti e rappresentanti da 64 Paesi del mondo. È stata la prima volta nella storia in cui un Pontefice è intervenuto ad un Raduno in uno Stadio organizzato da un Movimento ecclesiale.

Come Presidente della Fondazione Vaticana CIFN, in occasione del Sinodo straordinario dei Vescovi sulla Famiglia, sotto l’egida della Segreteria generale del Sinodo, ha organizzato e presieduto presso la Pontificia Università Urbaniana (Roma, 11 ottobre 2014) un Convegno internazionale sul tema: “Uno sguardo di verità e di misericordia sulla Famiglia in Medio Oriente. Relatori i Patriarchi Card. Béchara Boutros RAÏ, (per i Maroniti), S.B. Fouad TWAL (per i Latini), S.B. Ignace Youssif III YOUNAN, (per i Siri), S.B. Louis Raphaël I SAKO (per i Caldei).

Come Presidente del RnS ha organizzato e presieduto in Piazza San Pietro (3 luglio 2015) l’evento internazionale “Voci in preghiera per i martiri di oggi. Per un ecumenismo spirituale e per un ecumenismo del sangue”, con la speciale partecipazione di Papa Francesco, in occasione della 38ª Convocazione del Rinnovamento. Sono intervenuti 11 alti rappresentanti delle tre tradizioni cristiane (cattolica, protestante, ortodossa) e gli artisti Andrea Bocelli, Noa, Don Moen, Darlene Zschech con 35.000 persone presenti.

Come Presidente della Fondazione Vaticana CIFN, all’indomani della pubblicazione dell’Esortazione apostolica di Papa Francesco sull’amore nella famiglia, “Amoris Laetitia”, ha organizzato e presieduto, presso la Pontificia Università Urbaniana (Roma, 21 settembre 2016), un Convegno Internazionale dal titolo: “La madre di tutte le crisi è spirituale! Per una Cultura dell’incontro (Papa Francesco)”, una rilettura interculturale con alti rappresentanti delle tre religioni monoteiste. Tra questi Maria Teresa Granduchessa di Lussemburgo e Mohammad Sammak, membro del Board di Presidenza del World Conference Religion for Peace.

Come Presidente dell’Osservatorio sulle minoranze religiose nel mondo e sul rispetto della libertà religiosa presso il MAECI, ha organizzato e presieduto - tra Roma (21 dicembre 2017, Auditorium della Pontificia Università Antonianum e Sala Conferenze Internazionali del Palazzo della Farnesina) e Assisi (22 dicembre, Sala Papale del Sacro Convento, Sala della Spogliazione del Palazzo Vescovile e Porziuncola nella Basilica di Santa Maria degli Angeli) - la Conferenza Internazionale sul tema: “Il dialogo tra culture e religioni nella promozione della pace: 800 anni di presenza francescana in Terra Santa” in collaborazione con la Custodia di Terra Santa, con la partecipazione delle più alte rappresentanze diplomatiche e religiose provenienti dal Medio Oriente e di quelle accreditate in Italia, afferenti alle tre tradizioni religiose abramitiche.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Come colui che serve, 1997, Coop. RnS
  • L'accoglienza, 1999, Edizioni RnS
  • Voglio parlare ai vostri cuori, 2000, Edizioni RnS
  • Sulle orme dello Spirito, 2002, Edizioni RnS
  • Esperienza dei carismi - In un incontro di preghiera comunitaria (con padre Giuseppe Bentivegna), 2002, Edizioni RnS
  • La guida pastorale - Missione di un responsabile nel servizio carismatico (con padre Giuseppe Bentivegna), 2002, Edizioni RnS
  • Per un Roveto Ardente di preghiera, 2002, Edizioni RnS
  • Voi fratelli non lasciatevi scoraggiare nel fare il bene, 2003, Edizioni RnS
  • Sintesi del cammino spirituale e pastorale, 2004, Edizioni RnS
  • Il Vangelo dello Spirito Santo in Giovanni Paolo II (a cura di Salvatore Martinez), 2005, Edizioni RnS
  • Cristoterapia della gioia, 2006, Edizioni RnS
  • Uno solo è lo Spirito, 2006, Edizioni RnS
  • C'è una speranza che non delude, 2007, Edizioni RnS
  • Un tempo per seminare un tempo per raccogliere, 2007, Edizioni RnS
  • Una straordinaria apologia dello Spirito Santo (a cura di Salvatore Martinez), 2008, Edizioni RnS
  • Ho visto il Signore, 2008, Edizioni RnS
  • Famiglia ritorna all'Amore, 2009, Edizioni RnS
  • Ridire la fede, ridare la speranza, rifare la carità, 2011, Edizioni RnS
  • Abbiamo bisogno di questo Rinnovamento!, 2011, Edizioni RnS
  • I cinque sguardi di Maria, 2012, Edizioni RnS
  • Spalanca il cuore a Gesù e annuncia il Vangelo, 2013, Edizioni RnS
  • Papa Francesco e lo Spirito Santo (a cura di Salvatore Martinez), 2014, Edizioni RnS
  • Sospinti dallo Spirito - Ripartiamo dal Cenacolo, 2014, Edizioni San Paolo
  • Il Rinnovamento serve alla Chiesa, 2015, Edizioni RnS
  • Rimane con voi e sarà in voi (la vera crisi è spirituale, ma lo Spirito Santo non è in crisi!), 2017, Edizioni RnS

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN249874585 · ISNI (EN0000 0003 7382 2999