Salvatore Fabrizio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Salvatore Popi Fabrizio (Milano, 30 agosto 1948) è un compositore, paroliere, artista, produttore discografico e A&R italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del noto compositore Maurizio Fabrizio, Salvatore Fabrizio, detto Popi, ha iniziato proprio con il fratello a lavorare nell'ambito musicale fondando il duo Maurizio & Fabrizio.

L'attività nel settore discografico inizia nel settembre 1969 quando, studente di Architettura al 4º anno fuori corso, firma il suo primo contratto discografico con la allora CBS (oggi SONY). L'inizio è fulminante, tanto che la sua prima canzone (Malattia d'amore cantata da Donatello) conquista il primo posto nelle classifiche di vendita.

Nel 1970 partecipa al Festival di Sanremo insieme con il fratello Maurizio ed i Fratelli La Bionda. La canzone è Andata e ritorno.

Una serie di circostanze diverse, però, gli fa capire che il suo posto non è in prima linea bensì dietro il palco.

Abbandona quindi la carriera artistica per quella di produttore e mentre il fratello continua a fare l'autore e scrive alcune tra le più belle canzoni della musica leggera italiana (I migliori anni della nostra vita e Almeno tu nell'universo) tanto per citarne alcune Popi si dedica alla ricerca di nuovi artisti da lanciare nel mondo discografico.

Insieme con il fratello e sotto la direzione di Giancarlo Lucariello, ex produttore dei Pooh, lavora per anni alle produzioni di Riccardo Fogli e Miguel Bosé raccogliendo grandi successi (primi posti in classifica e le vittorie al Festival di Sanremo 1982 e 1983).

In questo periodo scrive anche diverse sigle televisive, la più famosa L'Ape Maja va per l'omonima serie di cartoni per bambini.

Nel 1986 diventa direttore artistico della Polygram (oggi Universal) dove, oltre a realizzare due dischi di Zucchero (Oro, incenso e birra e Rispetto) e uno di Fabio Concato (Giannutri), lancia, tra gli altri, due nuovi artisti, Rossana Casale e Biagio Antonacci.

Nel 1990 approda alla BMG (ex RCA ed oggi Sony-BMG) sempre con il ruolo di direttore artistico con il compito di scoprire nuovi artisti e questa volta porta al successo i Pitura Freska, ma soprattutto inizia la grande avventura con Giorgia, da lui considerata la sua più bella esperienza artistica ed umana.

Realizza anche i primi provini di Alex Britti e Fabrizio Moro, oltre all'album di esordio dei Tiromancino e dischi di Nada, Scialpi Mariella Nava e Mario Castelnuovo.

Partecipa anche al lancio di Alex Baroni insieme con Marco Rinalduzzi e Massimo Calabrese.

Nel 1995 in accordo e con i parziali finanziamenti della stessa BMG, fonda la sua etichetta, la PPM, e nei cinque anni che seguono dà il via a nuovi progetti tra i quali quelli di Leandro Barsotti, Ragazzi Italiani e Lisa, terza al Festival di Sanremo 1998.

Nel 2000 ritorna alla composizione e ad una rinnovata e più stretta collaborazione col fratello Maurizio. Tra le musiche composte in questo periodo c'è lo spot musicale ufficiale di Canale 5.

Dopo un viaggio di vacanza in Madagascar nel 2006 dà una svolta alla sua vita, trasferendosi in Kenya con la moglie, fondando una onlus e dedicandosi ad un progetto di solidarietà.[1] Nasce così la KARIBU, Associazione Onlus, che opera nel mezzo della savana per aiutare la gente povera.

Nascono un asilo, una scuola, una piantagione di 70.000 piante di aloe per l'esportazione, arriva l'acqua corrente, arriva l'energia elettrica. Sembra tutto bellissimo, ma nel giro di un anno lo colpiscono prima un infarto che lo costringe a stare a lungo assente dall'Africa e poi l'improvvisa scomparsa della moglie.

Ritornato definitivamente in Italia nel dicembre 2013, riprende a scrivere ed occuparsi di musica ma senza mai dimenticare il progetto africano per il quale riesce a trovare i fondi iniziali per la costruzione dell'ultima struttura, una clinica con sala di degenza ed una sala parto, del tutto gratuita.

Nel frattempo, in collaborazione con EFSP, l'ente governativo keniota preposto, Popi ha dato il via al programma di adozione scolastica grazie al quale si riesce ad assicurare gratuitamente il supporto scolastico ai bambini di Chakama.

Alcune delle principali canzoni scritte da Salvatore Fabrizio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo Autori del testo Autori della musica Interpreti
1971 Malattia d'amore Luigi Albertelli Salvatore Fabrizio Donatello
1973 Dove il cielo va a finire Salvatore Fabrizio Maurizio Fabrizio Mia Martini
1975 Questi miei pensieri Salvatore Fabrizio e Luigi Albertelli Maurizio Fabrizio Mia Martini
1975 La mia estate Stefano D'Orazio Salvatore Fabrizio Alice
1975 Domani vado via Stefano D'Orazio Salvatore Fabrizio Alice
1975 Azzurri orizzonti Salvatore Fabrizio Maurizio Fabrizio Maurizio Fabrizio
1977 Non mi lasciare Salvatore Fabrizio Dario Baldan Bembo Dario Baldan Bembo
1977 Libera Luigi Albertelli Salvatore Fabrizio Mia Martini
1980 Cinema Guido Morra e Riccardo Fogli Salvatore Fabrizio Viola Valentino
1980 Sotto la pioggia Guido Morra e Riccardo Fogli Salvatore Fabrizio Viola Valentino
1980 L'Ape Maja va Luigi Albertelli Salvatore Fabrizio Katia Svizzero
1982 Si mi va Guido Morra e Riccardo Fogli Salvatore Fabrizio Viola Valentino
1985 Addio amor Guido Morra Salvatore Fabrizio e Laurex Viola Valentino
1985 Ripensando Guido Morra Salvatore Fabrizio e Maurizio Fabrizio e Laurex Viola Valentino
1985 Greta Guido Morra Salvatore Fabrizio e Laurex Riccardo Fogli
1986 Sera di dicembre Adelio Cogliati e Franco Ciani Salvatore Fabrizio e Maurizio Fabrizio Anna Oxa
1986 Brividi Guido Morra Salvatore Fabrizio e Maurizio Fabrizio Rossana Casale
1986 La verità Guido Morra Salvatore Fabrizio Viola Valentino
1988 Non sai fare l'amore Paolo Limiti Salvatore Fabrizio Ornella Vanoni
2000 Canale 5 Salvatore Fabrizio sigla televisiva istituzionale

Note[modifica | modifica wikitesto]