Salvatore Dedola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Salvatore Dedola (Sassari, 28 novembre 1939[1]) è un linguista, filologo e divulgatore scientifico italiano, il cui maggiore contributo deriva dal riesame delle origini delle lingue delle antiche civiltà del Mediterraneo ed in particolare di quella sarda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Salvatore Dedola si è laureato in glottologia con una tesi sulla lingua gotica. Inizialmente si è formato alla scuola romanza e indo-europeista di Max Leopold Wagner e del germanista Paolo Ramat. Ha fatto studi di archeologia formandosi alla scuola di Giovanni Lilliu[1][2].

Dedola ha esordito come scrittore di ambiente, producendo libri sull’agriturismo e sui percorsi naturalistici e culturali delle aree montane della Sardegna [3][4][5][6]. Queste esperienze lo hanno portato allo studio della toponomastica sarda dapprima nell’ottica della filologia romanza[7]. In seguito ne ha approfondito le origini arcaiche preromane portandolo ad applicarsi allo studio comparato delle grammatiche e dei dizionari semitici, abbinato all’uso già acquisito delle grammatiche e dei vocabolari indo-europei e romanzi[1][8],[9],[10].

Secondo l'autore i suoi studi della lingua sarda lo hanno allontanato dall'approccio fondato sulla pregiudiziale latina, portandolo ad estendere così le sue fonti alle grammatiche ed i lessici delle altre lingue mediterranee, comprendendo quindi le lingue romanze, indoeuropee, semitiche, la lingua sumera e quella egizia [1][11][12]. Con questo vasto approccio culturale [13][14][15][16][17] è infine giunto alle sue opere linguistiche sulla lingua sarda prelatina[18],[19],[20][21][22], in particolare al suo Nuovo dizionario etimologico della lingua sarda[23]. Quest'ultimo è annoverato da riconosciuti esperti internazionali del campo fra i più rilevanti studi accademici italiani di linguistica nella rivista Year's Work in Modern Language Studies[24]. Con questo nuovo approccio nello studio della lingua sarda il Dedòla ne dimostra l'origine più antica rispetto alla lingua latina[1][11].

Le sue opere sono presenti nelle maggiori biblioteche universitarie ed istituzionali del mondo[25]. È attivo divulgatore dei suoi studi riguardo alla cultura e lingua sarda attraverso interviste[1][11][26], documentari[27] anche televisivi[28] , conferenze e social media[29].

A lui è dovuta una delle più recenti traduzioni della Stele di Nora[30].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Enciclopedia della civiltà shardana. La civiltà della Sardegna prima dell'invasione romana (trattato etimologico).
    • vol. 1 Musica della Sardegna arcaica, Medicina, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2017 [13]
    • vol. 2 Religione, Feste, Edifici sacri, Carnevali, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2018[14]
    • vol. 3 Fauna, Popoli, Società, Famiglia, Mobilia, Arredi, Nomi personali, Numeri, Matematica, Metri, Misure, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2018[15]
    • vol. 4 Agricoltura, Pastorizia, Caccia, Pesca, Natura, Clima, Acqua, Geografia, Territorio, Porti, Barche, Navi, Guerra, Castelli, Schiavitù, Pani, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2018[16]
    • vol. 5 Astronmia, Costellazioni, Orientamento, Rosa dei venti, Calendario, Stagioni, Economia, Posta, Moneta, Lavoro, Arti, Professioni, Scrittura, Insediamenti, Abitazioni, Flora, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2019[17]
  • Pellitos sardos ver sacrum et cetera, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2020[22]
  • Fabiddággiu Etimológicu di lu Sassaresu (Dizionario etimologico del Sassarese), Grafica del Parteolla, Dolianova, 2020[21]
  • Stele di Nora, Colonna di Santu Jacci, Vaso di Strisáili, Vaso di Dueno. Nora's Stele, Santu Jacci's Column, Strisáili's Jug, Dueno's Vase, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2020[30]
  • Nou faeddarzu etimològicu dessa limba sarda (Nuovo dizionario etimologico della lingua sarda), Grafica del Parteolla, Dolianova, 2018[23]
  • Historical grammar of sardinian language. From the archaic beginning to the existing grammar, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2015[20]
  • Grammàtica de sa limba sarda prelatina. De sas origines arcàaicas a sa grammàtica de oe. Testo sardo, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2014[19]
  • Grammatica della lingua sarda prelatina. Dalle origini arcaiche alla grammatica attuale, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2014[18]
  • La toponomastica in Sardegna. Origini, etimologia, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2012[8]
  • Monoteismo precristiano in Sardegna, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2012[9]
  • I cognomi della Sardegna, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2010[10]
  • La flora della Sardegna, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2010[3]
  • I pani della Sardegna, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2008[4]
  • Toponomastica sarda. I nomi di luogo prelatini e i toponimi di età nuragica di tutti i paesi della Sardegna, Grafica del Parteolla, Dolianova, 2004[7]
  • Sentiero Sardegna, sentiero Italia, sentiero Europa, Delfino Carlo Editore, Sassari, 2002[5]
  • Agriturismo in Sardegna, Iter Edizioni, Subiaco, 1998[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Antonio Serrelli, Il sardo non deriva dal latino": il nuovo studio di Salvatore Dedola, in L'Unione Sarda, 31 dicembre 2018.
  2. ^ Pagina autobiografica sul sito del linguista
  3. ^ a b Salvatore Dedola, La flora della Sardegna, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2010, ISBN 978-88-96778-02-9.
  4. ^ a b Salvatore Dedola, I pani della Sardegna, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2008, ISBN 978-88-89978-67-2.
  5. ^ a b Salvatore Dedola, Sentiero Sardegna, sentiero Italia, sentiero Europa, Sassari (SS), Delfino Carlo Editore, 2002, ISBN 978-88-7138-250-0.
  6. ^ a b Salvatore Dedola, Agriturismo in Sardegna, Subiaco (RM), Iter Edizioni, 1998, ISBN 978-88-8177-006-9.
  7. ^ a b Salvatore Dedola, Toponomastica sarda. I nomi di luogo prelatini e i toponimi di età nuragica di tutti i paesi della Sardegna, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2004, ISBN 978-88-88246-53-6.
  8. ^ a b Salvatore Dedola, La toponomastica in Sardegna. Origini, etimologia, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2012, ISBN 978-88-96778-71-5.
  9. ^ a b Salvatore Dedola, Monoteismo precristiano in Sardegna, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2012, ISBN 978-88-96778-92-0.
  10. ^ a b Salvatore Dedola, I cognomi della Sardegna, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2010, ISBN 978-88-96778-25-8.
  11. ^ a b c Nexus: LE ORIGINI NASCOSTE DELLE LINGUE: INTERVISTA ALLO STUDIOSO RIBELLE SALVATORE DEDOLA
  12. ^ Prefazione metodologica al Nuovo dizionario etimologico della lingua sarda
  13. ^ a b Salvatore Dedola, Enciclopedia della civiltà shardana. La civiltà della Sardegna prima dell'invasione romana (trattato etimologico) vol.1, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2017, ISBN 978-88-6791-152-3.
  14. ^ a b Salvatore Dedola, Enciclopedia della civiltà shardana. La civiltà della Sardegna prima dell'invasione romana (trattato etimologico) vol.2, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2018, ISBN 978-88-6791-163-9.
  15. ^ a b Salvatore Dedola, Enciclopedia della civiltà shardana. La civiltà della Sardegna prima dell'invasione romana (trattato etimologico) vol.3, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2018, ISBN 978-88-6791-178-3.
  16. ^ a b Salvatore Dedola, Enciclopedia della civiltà shardana, La civiltà della Sardegna prima dell'invasione romana (trattato etimologico) vol.4, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2018, ISBN 978-88-6791-192-9.
  17. ^ a b Salvatore Dedola, Enciclopedia della civiltà shardana. La civiltà della Sardegna prima dell'invasione romana (trattato etimologico) vol.5, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2019, ISBN 978-88-6791-198-1.
  18. ^ a b Salvatore Dedola, Grammatica della lingua sarda prelatina. Dalle origini arcaiche alla grammatica attuale, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2014, ISBN 978-88-6791-048-9.
  19. ^ a b Versione in lingua sarda della Grammatica della lingua sarda prelatina: Salvatore Dedola, Grammàtica de sa limba sarda prelatina. De sas origines arcàaicas a sa grammàtica de oe. Testo sardo, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2014, ISBN 978-88-6791-053-3.
  20. ^ a b Versione in lingua inglese della Grammatica della lingua sarda prelatina: Salvatore Dedola, Historical grammar of sardinian language. From the archaic beginning to the existing grammar, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2015, ISBN 978-88-6791-084-7.
  21. ^ a b Salvatore Dedola, Fabiddággiu Etimológicu di lu Sassaresu (Dizionario etimologico del Sassarese) vol.1-2, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2020, ISBN 978-88-6791-228-5.
  22. ^ a b Salvatore Dedola, Pellitos Sardos, Ver Sacrum et cetera, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2020, ISBN 978-88-6791-244-5.
  23. ^ a b Salvatore Dedola, Nou faeddarzu etimològicu dessa limba sarda (Nuovo dizionario etimologico della lingua sarda) vol.1-2, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2018, ISBN 978-88-6791-170-7.
  24. ^ Year's Work in Modern Language Studies, Volume 80, Issue 1, June 2020
  25. ^ Opere del Dedola nelle panorama mondiale delle biblioteche istituzionali
  26. ^ Unione Sarda: Il glottologo Salvatore Dedola: "La lingua sarda non deriva dal latino"
  27. ^ ad esempio il documentario sul carnevale di Oristano (Sartiglia) e su quelli barbaricini Sardegna, Tempio delle acque, regia di N. Marongius, C. Carrus, F. Orrù – lungometraggio documentario (2016) [1] (la presentazione del documentario [2])
  28. ^ RAI FouriTG: servizio dedicato alla cultura sarda prelatina (con approfondimenti alla pagina Facebook della trasmissione)
  29. ^ Il Dedola cura un canale su YouTube
  30. ^ a b Salvatore Dedola, Stele di Nora, Colonna di Santu Jacci, Vaso di Strisáili, Vaso di Dueno. Nora's Stele, Santu Jacci's Column, Strisáili's Jug, Dueno's Vase, Dolianova (SU), Grafica del Parteolla, 2020, ISBN 978-88-6791-230-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]