Salvatore De Meo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salvatore De Meo

Sindaco di Fondi
Durata mandato 30 marzo 2010 –
28 febbraio 2020
Predecessore Luigi Parisella
Successore Beniamino Maschietto (vicesindaco f.f.)

Eurodeputato
In carica
Inizio mandato 1º febbraio 2020
Legislature IX
Gruppo
parlamentare
PPE
Circoscrizione Italia centrale

Dati generali
Partito politico Forza Italia (dal 2013)
Precedenti:
FI (2001-2009)
PdL (2009-2013)
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Università Università La Sapienza di Roma
Professione Avvocato

Salvatore De Meo (Fondi, 27 ottobre 1971) è un politico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in Giurisprudenza e abilitato alla professione forense presso la Corte d’Appello di Napoli, è stato direttore responsabile di società privata operante nell’ambito del MOF – Centro Agroalimentare all’Ingrosso di Fondi, uno dei maggiori mercati ortofrutticoli europei, con specifica esperienza delle problematiche sindacali di categoria. È stato altresì docente-tutor di corsi di formazione in tema di sicurezza sui luoghi di lavoro e tracciabilità dei prodotti, consulente di piani strategici di sviluppo commerciale e internazionalizzazione, nonché consulente legale e amministrativo di progetti di joint venture e finanziamenti per il settore agroalimentare e componente del Consiglio di Amministrazione dell’organismo Interprofessionale Ortofrutticolo Nazionale.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Salvatore De Meo si candida alle elezioni amministrative del comune di Fondi come candidato consigliere comunale nelle liste di Forza Italia, a sostegno del candidato a sindaco Luigi Parisella, venendo eletto. In questa legislatura, De Meo ha ricoperto (anche) la carica di vice presidente vicario del consiglio comunale.

Dal 2003 assume l’incarico politico di Coordinatore cittadino di Forza Italia e viene nominato componente del Direttivo Provinciale e Delegato della Provincia di Latina al 2º Congresso Nazionale di Forza Italia.

Si ricandida alle elezioni amministrative di Fondi del 2006, sempre nella lista di Forza Italia a sostegno del sindaco uscente Luigi Parisella, venendo eletto. De Meo, però, si dimette da consigliere comunale per accettare la nomina di Assessore all’Urbanistica del Comune di Fondi.

Elezioni provinciali di Latina del 2009, viene eletto Consigliere provinciale di Latina nella lista del PdL. Nello stesso anno viene designato componente del direttivo provinciale del PdL.

Alle elezioni amministrative dell 2010, viene eletto sindaco di Fondi al primo turno con il 55,60%, contro il 22,21% della candidata del PD Maria Civita Papparello.

Nel 2013, con lo scioglimento del PdL aderisce alla rinata Forza Italia.

Alle Elezioni provinciali di Latina del 2014 viene rieletto Consigliere, ricoprendo l’incarico di capogruppo di Forza Italia.

Sempre nel 2014 eletto Consigliere Nazionale ANCI - (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e altresì Vice Presidente ANCI Lazio – primo amministratore di Fondi a ricoprire tali incarichi – con delega specifica alle politiche sociali, welfare, demanio marittimo.

Alle elezioni amministrative di Fondi del 2015, viene rieletto sindaco al primo turno con il 74,51% dei voti, contro il 14,21% dei voti del candidato del PD Mario Fiorillo.

Nel 2015, su proposta del Governo Italiano, in quota ANCI, è nominato membro effettivo del Comitato Europeo delle Regioni, aderendo al Partito Popolare Europeo, e divenendo componente delle Commissioni ECON e NAT.

Elezioni Europee del 2019[modifica | modifica wikitesto]

Alle Elezioni europee del 2019, si candida con Forza Italia al Parlamento Europeo nella circoscrizione Italia Centrale, risultando eletto con 22.813 preferenze ma risultando sospeso in quanto la sua elezione entrerà in vigore dopo la Brexit.

Viene ufficialmente eletto il 1º febbraio 2020, dopo l'uscita dei parlamentari inglesi per la Brexit. Per tale motivo il 28 febbraio seguente si dimette dalla carica di sindaco di Fondi, in quanto le due cariche sono incompatibili. Al suo posto gli subentra Beniamino Maschietto vicesindaco reggente e candidato a sindaco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]