Salvatore Bonetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salvatore Bonetti
Salvatore bonetti 1977.jpg
Bonetti nel 1977 in Coppa FIRA contro la Romania
Dati biografici
Paese Italia Italia
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Ruolo Terza linea ala
Ritirato 1981
Carriera
Attività di club¹
1967-71Lumezzane
1971-72Brescia
1972-74Parma
1974-78Brescia
1978-80Rovigo
1980-81Brescia
Attività da giocatore internazionale
1972-80Italia Italia34 (12)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate all’11 giugno 2018

Salvatore Bonetti (Lumezzane, 22 ottobre 1949) è un ex rugbista a 15 italiano, per 8 anni seconda / terza linea della nazionale e campione d'Italia 1975 con il Brescia. In ragione del suo carattere mai arrendevole in campo e dell'apparentemente inesauribile energia profusa durante le gare si guadagnò l'appellativo di Nembo Kid[1], nome con cui all'epoca era noto in Italia il personaggio di Superman.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Lumezzane e inizialmente dedito al calcio benché avesse conosciuto il rugby durante gli anni giovanili in collegio a Oderzo, in provincia di Treviso[1], fu instradato alla palla ovale da un insegnante dell'istituto tecnico che frequentava una volta tornato nel suo luogo d'origine. A 18 anni entrò quindi nel Lumezzane e, di lì, dopo 4 anni, nel club del capoluogo, il Brescia[1].

Nella stagione successiva fu a Parma e a novembre 1972 fu chiamato in nazionale[2] con cui esordì ad Aosta contro la Jugoslavia in seconda linea (anche se per gran parte della sua carriera azzurra fu schierato come terza centro o, più raramente, terza ala.

A giugno 1973 prese parte al tour italiano in Africa australe, la prima grande spedizione azzurra extraeuropea[3]. Retrocesso in serie B anche con la squadra emiliana, rimase in essa un'ulteriore stagione, quella del rientro in massima categoria, per poi tornare a Brescia nella stagione 1974-75, quella che diede alla compagine lombarda il primo e, al 2018, unico scudetto della sua storia[4].

Il 20 dicembre 1975 a Madrid vestì per la prima volta, contro la Spagna in Coppa FIRA, i gradi di capitano[5], prerogativa che gli fu concessa altre 9 volte fino al 1978. Lasciata un'ennesima volta Brescia per un biennio a Rovigo, disputò il suo ultimo incontro internazionale proprio nel capoluogo del Polesine il 2 novembre 1980, una sconfitta per 3-4 contro l'Unione Sovietica; alla fine della stagione 1980-81 si ritirò dall'attività agonistica[1].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Medaglia di bronzo al valore atletico - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al valore atletico
«Oltre 10 presenze in Nazionale (brevetto n. 2746)»
— 1974

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Roberto Vanazzi, Salvatore Bonetti: Nembo Kid parla bresciano, in Rugbymeet, Milano, 8 gennaio 2018. URL consultato l'11 giugno 2018 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2018).
  2. ^ Gli Azzurri della Rugby Parma, su rugbyparma.it, Rugby Parma F.C. 1931. URL consultato l'11 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2013).
  3. ^ Dondi saluta gli azzurri del ’73, su solorugby.org, 13 marzo 2008. URL consultato il 26 aprile 2010 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2008).
  4. ^ Quel trionfo fu il simbolo di un'epoca, in Bresciaoggi, 19 aprile 2015. URL consultato l'11 giugno 2018 (archiviato dall'url originale l'11 giugno 2018).
  5. ^ Giuliano Califano, Il rugby italiano per una conferma. Azzurri a Madrid, in Stampa Sera, 20 dicembre 1975, p. 5. URL consultato l'11 giugno 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]