Salto nel vuoto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Salto nel vuoto
Paese di produzioneItalia, Francia
Anno1980
Durata120 min
Generedrammatico
RegiaMarco Bellocchio
SoggettoMarco Bellocchio
SceneggiaturaMarco Bellocchio, Vincenzo Cerami, Piero Natoli
ProduttoreSilvio Clementelli, Enzo Porcelli
Casa di produzioneClesi Cinematografica
Distribuzione in italianoCineriz
FotografiaGiuseppe Lanci
MontaggioRoberto Perpignani
MusicheNicola Piovani
ScenografiaAndrea Crisanti e Amedeo Fago
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Salto nel vuoto è un film del 1980 diretto da Marco Bellocchio.

Presentato in concorso al 33º Festival di Cannes, è valso ad Anouk Aimée il premio per la migliore interpretazione femminile ed a Michel Piccoli il premio per la miglior interpretazione maschile.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Marta Ponticelli è stata a lungo una figura materna per suo fratello Mauro, un magistrato, ma, con la vecchiaia che si avvicina, la donna inizia ad avere dei notevoli scompensi psichici, tanto da considerare addirittura di togliersi la vita. La cosa preoccupa molto Mauro, il quale però è anche molto preso dal suo lavoro ed è a sua volta complessato dalla sua vita ai limiti dell'eremitismo.

Un giorno, Mauro fa conoscere a Marta un suo imputato, Giovanni, un istrionico giovane attore con dei precedenti penali, il quale stringe un forte rapporto con la sorella del giudice, portandola spesso fuori con lui. Mauro inizia a maturare una perversa gelosia nei confronti della sorella e, sentendosi addirittura tradito, sogna di poterla uccidere spingendola dalla finestra di casa loro. Temendo che stando vicino a Giovanni Marta possa sperperare ingenti somme di denaro, Mauro indice un mandato di arresto nei confronti del giovane, il quale, dopo aver vandalizzato lo studio di Mauro, fugge lontano.

L'amicizia con Giovanni ha restituito sicurezza a Marta, che decide di lasciare la casa del fratello. Resosi conto che Marta ha conquistato un'autonomia che lui mai aveva sperato che potesse ottenere, Mauro perde completamente la sua lucidità e si suicida gettandosi dalla finestra di casa sua, nel modo in cui aveva immaginato di sbarazzarsi della sorella.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato girato a Roma in studio e in esterni dal 23 aprile al 28 giugno 1979.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Awards 1980, festival-cannes.fr. URL consultato il 20 giugno 2011 (archiviato dall'url originale il 17 dicembre 2013).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema