Salto di Bidone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il salto di Bidone, descritto nel 1820, è un fenomeno idraulico che si manifesta quando, in un fluido, la corrente da veloce diviene bruscamente lenta, tramite un'improvvisa espansione del getto a monte (corrente veloce). Parte dell'energia cinetica è convertita in energia potenziale, con un innalzamento improvviso della quota del pelo libero; parte viene invece dissipata sotto forma di calore, essenzialmente con generazione di vortici e turbolenze.

Prende il nome dal prof. Giorgio Bidone (1781-1839) dell'Università di Torino che lo studiò.

Il fenomeno è molto sfruttato ai fini pratici per dissipare l’energia di una corrente veloce.

La velocità rispetto alla quale una corrente si definisce veloce o lenta è detta "velocità critica" e rappresenta la celerità relativa con cui si propagano le onde di piccola ampiezza nelle correnti a superficie libera. Tali onde possono dunque propagarsi solo verso valle se la corrente è veloce (ossia di velocità maggiore alla velocità critica), anche verso monte se la corrente è lenta (ossia di velocità inferiore alla velocità critica. Per una portata e una geometria dell'alveo fissate, alla velocità critica corrisponde un certo valore dell'altezza del pelo libero detta "altezza critica". Per quanto già detto circa l'energia della corrente, una corrente lenta si caratterizzerà con un'altezza maggiore rispetto all'altezza critica. Viceversa per quanto riguarda l'altezza di una corrente veloce. Quando in uno stesso alveo una corrente lenta sussegue a una corrente veloce, il raccordo tra le due diverse altezze si verifica attraverso un fenomeno di tipo ondoso, con o senza frangimento, detto "risalto idraulico". Si può pertanto avere:

  • risalto ondulato: la corrente è prossima allo stato critico sia nel tronco veloce a monte che in quello lento a valle. Il pelo libero assume la forma di una successione di ondulazioni stazionarie e smorzate intorno al livello di valle.
  • risalto ondulato con frangimento le ondulazioni del pelo libero tendono a frangere e si riducono di numero. si tratta di un fenomeno di transizione tra il risalto ondulato e il risalto diretto.


meccanica Portale Meccanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di meccanica