Salpida

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Salpida
Salpenkette1.jpg
Un gruppo di salpe
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Tunicata
Classe Thaliacea
Ordine Salpida
Forbes, 1853
Sinonimi

Desmonyaria

Famiglie

Le salpe (Salpida Forbes, 1853) sono un ordine dei Taliacei. Si muovono contraendosi, pompando l'acqua attraverso il corpo gelatinoso e si nutrono di fitoplancton che viene filtrato dall'acqua pompata. Si tratta quindi di organismi planctonici e filtratori.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le salpe sono comuni nelle zone equatoriali, temperate e nei mari freddi dove possono essere viste in superficie, da sole o in lunghe colonie. La concentrazione maggiore di salpe si trova nell'Oceano Antartico[1] dove sono a volte più abbondanti delle krill[2]. Dal 1910, mentre la popolazione di krill è iniziata a diminuire, la popolazione di salpe sembra aumentare. Sono state viste in numero crescente lungo le coste di Washington[3].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Animali dalla struttura trasparente e gelatinosa, dotati di fasce muscolari primitive (emimiali). Nel corso della loro evoluzione hanno perso la corda e sviluppato un apparato digerente di forma tubulare.

Le salpe hanno un complesso ciclo vitale, con un'alternanza obbligata di generazioni. Entrambe le porzioni del ciclo vitale esistono contemporaneamente in mare. La fase di vita solitaria, conosciuta come oozoide, è un animale singolo che si riproduce asessualmente creando una catena di centinaia di individui. La catena costituisce la fase aggregata del ciclo vitale, conosciuta come blastozoide. Gli individui della catena rimangono attaccati tra loro, e ciascuno cresce e si riproduce sessualmente (i blastozoidi sono ermafroditi sequenziali). Gli oozoidi risultanti sono poi rilasciati per ricominciare il ciclo. L'alternanza di generazioni permette un tempo inter-generazione breve. Quando il fitoplancton è abbondante, questo porta a dei rapidi incrementi del numero di salpe (bloom) che terminano quando non c'è più abbastanza nutrimento.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Il registro marino mondiale delle specie elenca i seguenti generi e specie nell'ordine Salpida:[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Now that's a jelly fish!, in Daily Mail, 22 gennaio 2014. URL consultato il 22 gennaio 2014.
  2. ^ Dive and Discover: Scientific Expedition 10: Antarctica, divediscover.whoi.edu. URL consultato il 3 settembre 2008.
  3. ^ Odd creatures wash ashore on Washington beach, in NBC, 16 febbraio 2013. URL consultato il 17 febbraio 2013.
  4. ^ a b c Salpida World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  5. ^ Brooksia Metcalf, 1918 World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  6. ^ Cyclosalpa de Blainville, 1827 World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  7. ^ Helicosalpa Todaro, 1902 World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  8. ^ Ihlea World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  9. ^ Metcalfina World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  10. ^ Brooksia Metcalf, 1918 World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  11. ^ Cyclosalpa de Blainville, 1827 World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  12. ^ Helicosalpa Todaro, 1902 World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  13. ^ Ihlea World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  14. ^ Metcalfina World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.
  15. ^ Pegea World Register of Marine Species. Retrieved 2011-11-16.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]