Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Salomè (nome)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Salomè è un nome proprio di persona italiano femminile[1][2][3].

Varianti[modifica | modifica wikitesto]

  • Femminili: Salòme[1]

Varianti in altre lingue[modifica | modifica wikitesto]

Origine e diffusione[modifica | modifica wikitesto]

Deriva da un nome ebraico tradizionalmente ricollegato al termine שָׁלוֹם (shalom), "pace" (vocabolo a cui si rifanno anche i nomi Salomone, Assalonne e Sulamita)[1][2][3][5], anche combinato combinato con il nome Sion (quindi "pace di Sion")[6]; tuttavia, è plausibile che derivi in realtà dal verbo shalam ("sostituire"), indicando una figlia donata da Dio per rimpiazzarne un'altra deceduta[1][2][3]. Nel primo caso il significato è identico a quello di molti altri nomi quali Pace, Concordia, Mira, Frida, Shanti e Irene, mentre nel secondo è lo stesso del nome Seth.

Il nome è portato da due personaggi nel Nuovo Testamento: Salomè, figlia di Erodiade, la quale chiese ad Erode Antipa la testa di san Giovanni Battista in cambio di una danza (vicenda ripresa in numerose opere artistiche, letterarie e musicali; ma va notato che non è mai citata per nome nel testo biblico)[1][2][3][4][5][6], e Maria Salomè, la madre degli apostoli Giacomo il Maggiore e Giovanni[1][3].

La diffusione del nome in Italia, comunque scarsissima e limitata al Lazio (specie al frusinate), è dovuta al culto verso la madre dei due apostoli, che sarebbe morta, secondo una tradizione, a Veroli (sebbene non vada esclusa, in certi casi, una ripresa colta del nome dell'altra figura biblica)[1][3]; anche in inglese il nome si è diffuso grazie a Maria Salome, successivamente alla Riforma Protestante[5]. Il suo uso in Georgia è invece dovuto al culto verso Salome di Ujiarma, venerata come santa dalla Chiesa georgiana[5].

Onomastico[modifica | modifica wikitesto]

L'onomastico ricorre il 24 ottobre in ricordo di santa Maria Salomè, moglie di Zebedeo e madre degli apostoli Giacomo e Giovanni[7]. Con lo stesso nome si ricordano anche due beate: Salome, una bavarese che visse da reclusa nell'abbazia di Niederaltaich, festeggiata il 29 giugno[4][7], e Salomea di Polonia, regina consorte di Galizia e Lodomiria e poi monaca clarissa, commemorata il 17 novembre[7].

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Variante Salomé[modifica | modifica wikitesto]

Variante Salome[modifica | modifica wikitesto]

Altre varianti[modifica | modifica wikitesto]

Toponimi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g La Stella T., p. 319.
  2. ^ a b c d Burgio, p. 311.
  3. ^ a b c d e f De Felice, p. 106.
  4. ^ a b c d e Albaigès i Olivart, p. 220.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) Salome, su Behind the Name. URL consultato il 27 febbraio 2018.
  6. ^ a b c d e f g Sheard, pp. 507-508.
  7. ^ a b c Sante e beate di nome Salomè, su Santi, beati e testimoni. URL consultato il 27 febbraio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Antroponimi Portale Antroponimi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antroponimi