Salmo 119

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Salmo 119 (numerazione greca: salmo 118) fa parte della raccolta dei 150 Salmi sia nella Tanakh ebraica che nell'Antico Testamento cristiano.

È il salmo più lungo di tutta la raccolta e diventa in questo modo il capitolo più lungo di tutta la Bibbia.

È un salmo alfabetico costruito con la particolarità che gli otto versi di ogni strofa cominciano con una delle 22 lettere dell'alfabeto ebraico[1].

Le varie strofe sono tutte una lode della legge divina. Praticamente ogni verso contiene un termine che designa la legge: testimonianza, precetto, volontà, comando, promessa, parola, giudizio, via, ecc.

Riferimenti bibliografici[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gli otto versi della prima strofa iniziano tutti con la prima lettera dell'alfabeto ebraico, l'alef; gli otto versi della seconda strofa con la lettera bet e così via.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]