Salmanassar I

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salmanassar I
KingshalmaneserI.jpg
Il re Salmanassar I versa la polvere di una città conquistata di fronte ad un tempio assiro dopo essere ritornato vittorioso,
re d'Assiria
In carica 12631234 a.C.
Predecessore Adad-nirari I
Successore Tukulti-Ninurta I
Nome completo Shulmanu-asharedu
Padre Adad-nirari I

Salmanassar I (1263 a.C. – 1234 a.C.) è stato un re assiro.

Salmanassar I (in assiro Shulmanu-asharedu[1]) divenne re di Assiria nel 1263 a.C., quando successe al padre Adad-nirari I.

Secondo i suoi annali scoperti ad Assur, egli conquistò nel suo primo anno di regno otto nazioni che sorgevano a nord dell'Assiria, distruggendo la fortezza di Arinnu, di cui portò la polvere che restava di essa ad Assur. Nel secondo anno di regno sconfisse Shattuara II, re dei Mitanni, assieme agli alleati ittiti e aramei ed annesse il regno dei Mitanni a quello assiro. Al controllo mediato (Khanigalbat vassallo del re assiro), preferì il controllo diretto, nominando dapprima un funzionario assiro il quale subentro alla dinastia locale (il sukkallu rabû, col titolo di "re di Khanigalbat"), poi la suddivisione del territorio in una serie di distretti retti da governatori (šaknu). Si vantò poi di aver privato di un occhio 14.400 nemici e di aver introdotto per primo la deportazione al posto dello sterminio.

Conquistò tutta la regione che si estendeva tra i bacini settentrionali del Tigri e dell'Eufrate e costruì dei palazzi a Ninive e ad Assur, dove restaurò anche il tempio del dio. Edificò tenuamente il sito di Kalkhu (odierna Nimrud), dove successivamente Assurnasirpal II vi costruì la sua capitale. Alla sua morte gli successe Tukulti-Ninurta I.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il nome significa: "Il dio Shulmanu è grandissimo"; Georges Roux, Ancient Iraq (Penguin, 3rd ed., 1992), p. 295.
Predecessore Regno assiro Successore
Adad-nirari I 1263 a.C.-1233 a.C. Tukulti-Ninurta I

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN220762675 · GND: (DE1017738254