Sally Kellerman

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sally Clare Kellerman

Sally Clare Kellerman (Long Beach, California, 2 giugno 1937) è un'attrice cinematografica statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sally Kellerman con William Shatner nella serie televisiva Star Trek (1966)

Sally Kellerman studiò recitazione all'Actor's Studio con Jeff Corey e Lee Strasberg e fece il suo debutto cinematografico nel 1957 nella pellicola giovanilistica Reform School Girl[1][2]. Durante gli anni sessanta interpretò alcune parti secondarie in film come il dramma Lo strangolatore di Boston (1968) e la commedia Sento che mi sta succedendo qualcosa (1969).

La definitiva affermazione giunse per la Kellerman con il ruolo dell'infermiera Margaret "Hot Lips" Houlihan ("Bollore" nella versione italiana), repressa ma desiderabile[2], nella commedia M*A*S*H (1970) di Robert Altman, che le valse la candidatura al premio Oscar alla miglior attrice non protagonista[1] e la fece apprezzare dal grande pubblico per la sua bellezza bionda e sexy, e per la profonda voce roca e sensuale[1][2].

Successivamente la carriera cinematografica della Kellerman proseguì in maniera discontinua, pur con ruoli interessanti nel film drammatico Anche gli uccelli uccidono (1970), ancora di Robert Altman, e la commedia Amiamoci così belle signore - l'ultimo degli amanti (1972) di Gene Saks. In tempi più recenti è passata a interpretazioni di figure femminili di mezza età in crisi, come nella commedia Così è la vita (1986) di Blake Edwards[2].

La Kellerman fu molto attiva anche sul piccolo schermo fin dagli anni sessanta, recitando in diverse serie di successo come Star Trek, di cui interpretò l'episodio Oltre la galassia (1966), primo a essere prodotto dopo la puntata pilota Lo zoo di Talos. L'attrice impersonò la psichiatra Elizabeth Dehner, vittima di una tempesta di radiazioni con la quale acquista eccezionali poteri mentali, ma che alla fine soccombe nel tentativo di sopraffare il collega Mitchell (Gary Lockwood), tenente comandante anch'egli colpito dalle radiazioni e sfuggito ad ogni controllo[3].

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. I, pag. 279
  2. ^ a b c d Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 616
  3. ^ Allan Asherman, Guida ufficiale a STAR TREK serie classica, Fanucci Editore, 1998, pag. 29-30

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN27258383 · LCCN: (ENn81074397 · ISNI: (EN0000 0000 5935 7160