Sallehuddin di Kedah

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Mahmud Sallehuddin di Kedah
Sultano di Kedah
Stemma
Stemma
In caricadal 12 settembre 2017 (6 anni)
Investitura22 ottobre 2018
PredecessoreAbdul Halim
EredeTunku Sarafuddin Badlishah
Nome completoDatuk Sri Diraja Mahmud Sallehuddin ibni Al-Marhum Sultan Badlishah
NascitaAlor Setar, 30 aprile 1942 (82 anni)
PadreBadlishah di Kedah
MadreTengku Asma binti Sultan Sulaiman
ConsorteTengku Maliha binti Tengku Ariff
FigliTunku Sarafuddin Badlishah
Tunku Shazuddin Ariff
ReligioneMusulmano sunnita
Firma

Il generale di brigata Datuk Sri Diraja Mahmud Sallehuddin ibni Al-Marhum Sultan Badlishah (Alor Setar, 30 aprile 1942), è il 29º sultano di Kedah in Malaysia dal 2017.[1]

Primi anni di vita

[modifica | modifica wikitesto]

Tunku Mahmud Sallehuddin è nato ad Alor Setar il 30 aprile 1942.[1] È il nono figlio[2] del sultano Badlishah. Sua madre era Tengku Asma binti Sultan Sulaiman, figlia del sultano Sulaiman Badrul Alam Shah di Terengganu.

Carriera militare

[modifica | modifica wikitesto]

La carriera militare del principe è cominciata con l'ingresso come cadetto presso l'Accademia militare indiana di Dehradun il 23 luglio 1962 in cui si è diplomato il 30 giugno dell'anno successivo. Nel febbraio del 1964 ha ricevuto l'incarico di tenente di stanza presso il 12º battaglione del Reggimento reale malese con sede nel Kelantan. In seguito è stato promosso al grado di colonnello.[2]

Durante i suoi servizi è stato coinvolto in diverse operazioni di sicurezza nelle zone di frontiera con la Thailandia.[2]

Tunku Temenggong di Kedah

[modifica | modifica wikitesto]

Il 28 novembre 1981 è stato proclamato Tunku Temenggong. Dal dicembre del 2011 al dicembre del 2016 ha fatto parte del Consiglio di reggenza che ha governato il Kedah quando il fratello maggiore, Abdul Halim serviva come Yang di-Pertuan Agong. Dal 21 maggio 2014 ha presieduto il Consiglio di reggenza.

Raja Muda di Kedah

[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 dicembre 2016, qualche giorno dopo la conclusione del mandato di Abdul Halim come Yang di-Pertuan Agong, Tunku Sallehuddin è stato proclamato raja muda di Kedah in una cerimonia tenutasi presso l'Istana Anak Bukit di Alor Setar. Il precedente erede al trono era il suo fratellastro maggiore, Tunku Abdul Malik che è morto per cause naturali il 29 novembre del 2015.

Tunku Sallehuddin detiene una serie di posizioni importanti, tra cui quella di cancelliere della Cyberjaya University College of Medical Sciences e di presidente del Consiglio religioso islamico del Kedah.[2]

Tuanku Mahmud Sallehuddin Sallehuddin è stato proclamato 29º sultano di Kedah il 12 settembre 2017. È succeduto al fratellastro Abdul Halim, deceduto il giorno precedente.

Il 22 ottobre 2018 è stato ufficialmente intronizzato come sultano presso l'l'Istana Anak Bukit Balai Besar e gli è stato attribuito il nome di "al Aminul Karim". La cerimonia, trasmessa in diretta televisiva, è stata la prima dal 1959. All'evento hanno partecipato anche il principe ereditario del Brunei Al-Muhtadee Billah e sua moglie, la principessa ereditaria Sarah, a nome del sultano Hassanal Bolkiah, e l'attuale primo ministro malese, il dottor Mahathir Mohamad, il cui figlio, Mukhriz Mahathir, l'attuale ministro capo di Kedah, ha letto il documento di proclamazione dell'intronizzazione.

Matrimonio e figli

[modifica | modifica wikitesto]

Tunku Sallehuddin è sposato con Tengku Maliha binti Tengku Ariff che appartiene alla famiglia reale del Kelantan. Quando il marito aveva il titolo di Tunku Temenggong ella aveva quello di Toh Puan Temenggong. Il 16 dicembre 2016 Tengku Maliha ha ricevuto il titolo di Raja Muda Puan.

Dall'unione sono nati due figli:[2]

Onorificenze di Kedah

[modifica | modifica wikitesto]
Gran Maestro dell'Ordine Famigliare Reale di Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Famigliare Reale Halimi di Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Supremo al Merito di Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Ordine Supremo di Sri Mahawangsa - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro dell'Esaltato Ordine della Corona di Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Cavaliere Gran Compagno dell'Ordine della Lealtà alla Casa Reale di Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro e Gran Commendatore dell'Ordine della Lealtà al Sultano Abdul Halim Mu'adzam Shah - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Maestro del Glorioso Ordine della Corona di Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Stella per il servizio distinto dello Stato del Kedah - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo d'argento del sultano Abdul Halim Shah - nastrino per uniforme ordinaria
Medaglia del giubileo d'oro del sultano Abdul Halim Shah - nastrino per uniforme ordinaria

Onorificenze malesi

[modifica | modifica wikitesto]
Membro dell'Ordine della Corona del reame - nastrino per uniforme ordinaria
Commendatore dell'Ordine della Lealtà alla Corona di Malesia - nastrino per uniforme ordinaria
Commendatore dell'Ordine del Servizio Militare - nastrino per uniforme ordinaria
Gran Commendatore dell'Ordine Famigliare Reale di Johor (Johor) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine Famigliare Reale di Kelantan (Kelantan) - nastrino per uniforme ordinaria
Cavaliere Gran Commendatore dell'Ordine della Corona di Kelantan (Kelantan) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine Famigliare Reale di Negeri Sembilan (Negeri Sembilan) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine Famigliare Reale di Perak (Perak) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro dell'Ordine Famigliare Reale di Perlis del Valoroso Principe Syed Putra Jamalullail (Perlis) - nastrino per uniforme ordinaria
Membro di I Classe dell'Ordine Famigliare Reale di Selangor (Selangor) - nastrino per uniforme ordinaria
  1. ^ a b Tunku Sallehuddin proclaimed Kedah’s Raja Muda, in The Star Online, 16 dicembre 2016. URL consultato il 16 dicembre 2016.
  2. ^ a b c d e Tunku Sallehuddin proclaimed as Kedah Raja Muda, in Malaysia Kini, 15 dicembre 2016. URL consultato il 16 dicembre 2016 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2016).
  3. ^ Royal Ark

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]