Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Salamander (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Salamander
videogioco
Salamader.png
Immagine tratta dalla versione arcade
Titolo originale 沙羅曼蛇
Piattaforma Arcade, Nintendo Entertainment System, MSX, Sharp X68000, ZX Spectrum, Commodore 64, PC Engine, Amstrad CPC
Data di pubblicazione Arcade:
Giappone 4 luglio 1986
Flags of Canada and the United States.svg ottobre 1986
Flag of Europe.svg 1986

NES:
Giappone 25 settembre 1987
Flags of Canada and the United States.svg agosto 1988
Flag of Europe.svg 22 novembre 1989
MSX:
Giappone dicembre 1987
Flag of Europe.svg 1987
Spectrum:
Flag of Europe.svg 1987
Amstrad:
Flag of Europe.svg 1988

Commodore 64:
Flags of Canada and the United States.svg 1989
Flag of Europe.svg 1988
Genere Sparatutto a scorrimento
Tema Fantascienza
Sviluppo Konami
Pubblicazione Konami, Sharp, Imagine (Ocean Software)
Serie Gradius
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di input Joystick, tastiera
Supporto Cartuccia, Cassetta, dischetto
Distribuzione digitale Virtual Console, PlayStation Network
Preceduto da Gradius
Seguito da Salamander 2
Specifiche arcade
CPU 6800 @9MHz, Z80 @4MHz
Schermo Raster, orientamento: orizzontale
Risoluzione 256x224
Periferica di input Joystick a 8 direzioni, due pulsanti

Salamander (沙羅曼蛇?), pubblicato anche con il nome Lifeforce (ライフフォース?) o Life Force, è un videogioco del genere sparatutto a scorrimento sviluppato nel 1986 da Konami. Facente parte della serie di videogiochi Gradius, presenta numerose differenze rispetto al suo predecessore. Originariamente disponibile come videogioco arcade, è stato convertito per numerosi computer e console.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Rispetto a Gradius, uscito l'anno precedente, Salamander presenta un sistema di selezione dei power-up semplificato, una modalità di gioco cooperativa a due giocatori e livelli dotati, alternativamente, di scrolling verticale oltre che orizzontale.[1]

Anime[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco ha dato origine a una miniserie OAV, uscita nel 1988, costituita da tre episodi.

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

La versione originale arcade del gioco è stata ripubblicata nel 2007 all'interno della raccolta Salamander Portable, uscita per PlayStation Portable nel solo Giappone, includente anche il sequel Salamander 2, la versione americana del gioco dal titolo Life Force, il gioco arcade Xexex e la versione per MSX del gioco Nemesis II.

Un'applicazione chiamata PC Engine Game Box uscita nel 2010 permette di giocare la versione PC Engine di Salamander e altri su iOS.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Kurt Kalata, Salamander, su Gradius, Hardcore Gaming 101, 25 marzo 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi