Sailor Moon: La luna splende

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la seconda serie dell'anime Sailor Moon, vedi Sailor Moon (anime)#Sailor Moon R.
Sailor Moon: La luna splende
videogioco
Sailor Moon La luna splende.png
Sailor Venus nel primo livello
PiattaformaNintendo DS
Data di pubblicazioneItalia 16 marzo 2011
GenereAzione, piattaforme
TemaSailor Moon
SviluppoNamco Bandai
PubblicazioneNamco Bandai
Modalità di giocoGiocatore singolo
SupportoCartuccia
Fascia di etàPEGI: 7

Sailor Moon: La luna splende è un videogioco pubblicato per Nintendo DS dalla Namco Bandai il 16 marzo 2011 solo per il mercato italiano[1][2]. Il titolo è ispirato alla serie di anime Sailor Moon, e benché il titolo del videogioco faccia riferimento alla seconda serie dell'anime, la trama ed i personaggi fanno riferimento alla prima serie.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La trama del videogioco vede Sailor Moon e le altre guerriere sailor partire per un'avventura in cui dovranno salvare Naru Osaka, la migliore amica di Usagi, caduta in un sonno profondo dal quale non riesce più ad emergere, e che si rivelerà essere una delle trappole del Regno delle Tenebre.

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il giocatore potrà scegliere soltanto una delle cinque protagoniste per affrontare il videogioco, che si divide in tre fasi principali: il Jewel Palace, il Mystery Castle e il Flower Garden, ognuno dei quali composto da 20-30 livelli. I livelli uniscono elementi dei videogiochi d'azione platform ad altri dei videogiochi rompicapo.

Man mano che il giocatore avanza di livello sblocca alcuni contenuti speciali del gioco, come la possibilità di personalizzare il proprio personaggio con alcuni accessori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sailor Moon, Nintendo DS: Namco Bandai al lavoro!, su Games4all, 19 ottobre 2010. URL consultato il 13 febbraio 2018.
  2. ^ Giorgio Melani, Sailor Moon: La Luna Splende - Un gioco di Sailor Moon solo per l'Italia, Multiplayer.it, 7 gennaio 2011. URL consultato il 13 febbraio 2018.