Safulan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Safulan
UniversoRanma ½
Lingua orig.Giapponese
AutoreRumiko Takahashi
EditoreShogakukan
1ª app.
  • Manga: Capitolo 393
SessoMaschio
Luogo di nascitaCina
Abilità
  • Volo
  • Immortalità
  • Pirocinesi
  • Safulan (サフラン, Safuran) è un personaggio immaginario del manga Ranma ½ ed è l’ultimo antagonista principale che appare nell’opera.

    Storia[modifica | modifica wikitesto]

    Safulan è il re del popolo del monte Hooh. Il monte Hooh è un altopiano della Cina situato a sud delle sorgenti maledette Jusenkyo sulla cui cima si trova una sorgente maledetta in cui annegarono degli uccelli. In passato gli abitanti del posto usarono l’acqua di questa sorgente per bere e per gli altri usi primari, ciò li portò col tempo ad evolversi acquisendo sin dalla nascita alcune caratteristiche dell’uccello annegato in essa, tra cui un paio di ali piumate sulla schiena e le mani artigliate.

    Si ignorano le vere origini di Safulan, che appare molto diverso nelle caratteristiche rispetto ai sui sudditi. Safulan è nato e cresciuto con l’aspetto di un bambino normale e può diventare adulto solo attraverso un processo di metamorfosi. Questo processo richiede un bagno con l’acqua che sgorga dal Rubinetto Della Fenice, un enorme rubinetto a forma di testa di fenice situato in una grotta del monte Jusendo collegato direttamente alla fonte delle sorgenti di Jusenkyo. Il suo bastone magico Kinjazan viene posto in cima al rubinetto, fungendone da manopola, e riscalda l’acqua che ne fuoriesce andando a riempire una vasca sottostante. Immerso in quest’acqua il corpo di Safulan produce dei filamenti che lo avvolgono in un bozzolo e che poi si cristallizzano nel guscio di un uovo, da cui Safulan dovrebbe uscire dopo tre giorni in forma adulta con le caratteristiche e i poteri della leggendaria fenice. Il compito di Safulan una volta diventato adulto dovrebbe essere quello di usare i suoi poteri in cima al monte Hooh per fornire costantemente di luce e calore il suo popolo, creando un ambiente sociale confortevole. La sua metamorfosi però viene interrotta prematuramente dall'intervento di Ranma che rompe il suo uovo facendolo fuoriuscire adulto con le caratteristiche e i poteri della fenice, privo però della capacità di controllarli. Safulan e Ranma si scontrano quindi in una lotta terribile che alla fine verrà vinta da Ranma. Stremato dallo scontro il corpo di Safulan regredisce allo stato di uovo, da cui riemerge come neonato e riportato dai suoi servitori al monte Hooh.

    Personalità[modifica | modifica wikitesto]

    Safulan ha un carattere viziato, egoista, spietato, arrogante e altezzoso. Tratta con freddezza e condiscendenza i suoi seguaci. La sua immortalità e il suo potere lo portano a considerarsi alla stregua di una divinità e perciò si ritiene superiore alle persone comuni che considera come infimi mortali. Dopo la sua rinascita Ryoga consiglia ai suoi seguaci di farlo crescere questa volta senza troppi vizi.

    Kinjazan[modifica | modifica wikitesto]

    Il Kinjazan (Cerchio Del Serpente D’Oro) è il bastone magico di Safulan, consistente in un'asta con in cima una lama circolare. La lama è estremamente affilata, al punto da riuscire a tagliare senza alcuno sforzo spessi strati di roccia per parecchi metri, e può essere fatta ruotare e lanciata a velocità molto elevata per poi tornare sempre al suo posto in cima all'asta. La lama del Kinjazan può inoltre emanare un calore estremo insostenibile per chiunque, eccetto che per Safulan, al punto che se un comune essere umano la toccasse tutta l'acqua del suo corpo evaporerebbe. Safulan ha anche usato il Kinjazan come mono-ciclo per spostarsi velocemente, facendo roteare la lama circolare a terra come una ruota e cavalcandone l'asta.

    Oltre che come arma, il Kinjazan ha anche una funzione fondamentale nel processo di metamorfosi di Safulan. Funge da manopola per il Rubinetto Della Fenice e riscalda col suo calore l'acqua che ne fuoriesce.

    Poteri e abilità[modifica | modifica wikitesto]

    Safulan è uno dei personaggi più potenti dell'intero universo di Ranma ½, nonché l'avversario più forte affrontato da Ranma in tutta l'opera.

    Come bambino non possiede nessuna dote fisica o potere speciale particolare. Ciononostante possiede un’abilità incredibile nel maneggiare il suo Kinjazan.

    Nella sua forma cresciuta è dotato di un paio di ali piumate sulla schiena che gli permettono di volare e di mani artigliate. Può generare e manipolare il fuoco in grandi quantità e con intensità tale da permettergli di trasformare le rocce in lava e persino vaporizzarle. La sua metamorfosi incompleta non ha influito sulla sua potenza ma lo ha privato però della capacità di controllare l'intensità del suo fuoco, venendo paragonato a un lanciafiamme senza valvola di sicurezza. Come la leggendaria fenice possiede capacità rigeneranti impressionanti, tali da permettergli di guarire rapidamente dalle ferite e di far ricresce in pochi istanti intere parti del corpo. In caso di morte il suo corpo ritorna allo stato di uovo da cui rinasce neonato dopo pochi minuti in perfetta salute.

    Tecniche Speciali:

    • Kotei kaenyoku (Vampata Dell'Ala Dell'Imperatore): Safulan si strappa un'ala, la infiamma e la lancia come un boomerang contro l'avversario.
    • Tenka Shunmetsu Kokyudan (Colpo Della Sfera Reale Che Distrugge Il Mondo): Safulan genera un'enorme sfera di fuoco così potente da essere in grado di dissolvere la cima di alcune montagne.

    Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

    Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga