Sacro Cuore di Maria (titolo cardinalizio)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sacro Cuore di Maria
Titolo presbiterale
Stemma di Julius Riyadi Darmaatmadja
Titolare Julius Riyadi Darmaatmadja
Istituzione 1965
istituito da papa Paolo VI
Dati dall'annuario pontificio

Il titolo cardinalizio del Sacro Cuore di Maria (in latino: Titulus Sacri Cordis Beatae Mariae Virginis ad Forum Euclidis) fu istituito da papa Paolo VI il 5 febbraio 1965 con la costituzione apostolica Sacrum Patrum Cardinalium[1].

La chiesa su cui insiste il titolo è retta dalla congregazione dei Missionari Figli del Cuore Immacolato di Maria.

Titolari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Con la data dello stesso giorno comparve sugli Acta Apostolicae Sedis la costituzione De magnitudine munerum che erigeva la diaconia dell'Immacolato Cuore della Beata Vergine Maria. Tale diaconia, che dal testo della bolla d'erezione pare insistere sulla stessa chiesa del presente titolo, non compare sull'elenco dell'Annuario Pontificio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cattolicesimo Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cattolicesimo