Sacrificio umano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Analisi di laboratorio di una delle "mummie di Llullaillaco", bambini incas sacrificati sulla cima del vulcano Llullaillaco, nella provincia di Salta (Argentina).

Il sacrificio umano è l'atto di uccidere uno o più esseri umani, solitamente come offerta ad una divinità, come parte di un rito religioso. Il sacrificio umano è stato praticato da diverse culture antiche lungo il corso della storia. Nelle culture antiche si parlava di sacrificio umano quando ad una divinità venivano immolati degli uomini per propiziarsene i favori.

Le vittime erano tipicamente uccise seguendo un predeterminato rituale, che avrebbe dovuto accontentare o placare gli déi, certi esseri spirituali o le anime dei defunti, ad esempio come offerta propiziatoria, oppure come sacrificio dei servitori di un re i quali venivano uccisi in modo da continuare a servire il loro padrone anche nella vita ultraterrena. Pratiche strettamente correlate si trovano in alcune società tribali, come per il cannibalismo e coloro che vengono definiti come cacciatori di teste (antropologia)[1].

Col sopraggiungere dell'età del ferro, assieme alle strutture connesse alle carie religioni (vedi periodo assiale), il sacrificio di esseri umani è stato sempre meno comune in tutto il Vecchio Mondo, fino ad esser considerato come un barbaro residuo dei tempi pre-moderni (vedi antichità classica). Nel Nuovo Mondo tuttavia il sacrificio di uomini ha continuato ad esser diffuso a vari livelli fino al periodo della colonizzazione europea delle Americhe.

I popoli che più avevano sacrificato uomini per queste cause sono gli Aztechi, i Maya, ma anche i popoli della penisola arabica pre-islamica. Si hanno poi notizie di tali pratiche presso Cartagine e nelle colonie fenicie della Sardegna e della Sicilia (dove si venerava il dio Baal, successivamente sostituito con Crono) e nell'antica Roma (fino all'epoca repubblicana). In genere la pratica era diffusa presso la maggior parte dei popoli antichi conosciuti.

Nei tempi moderni anche la pratica parallela del sacrificio animale è praticamente scomparsa da tutte le principali religioni (o è stato rifuso in termini di macellazione rituale) ed il sacrificio umano è divenuto estremamente raro. La maggior parte delle religioni condanna oggi la pratica, mentre le leggi odierne secolari lo trattano come un omicidio: all'interno di una società che condanna il sacrificio umano, può essere utilizzato anche il termine di assassinio rituale[2][3].

Evoluzione e contesto[modifica | modifica wikitesto]

L'idea del sacrificio umano ha le sue radici nella più profonda preistoria[4], uno dei fatti alla base dell'evoluzione del comportamento umano (vedi il grande balzo in avanti (antropologia)), Dalle sue occorrenze storiche sembra per lo più associato con le culture nomadi del Neolitico, ai margini quindi delle grandi civiltà emergenti di lì a poco.

Il sacrificio di esseri umani è stato praticato per una serie di occasioni diverse ed in molte culture differenti; le varie motivazioni che gli stanno dietro son le stesse che motivano il sacrificio religioso in generale: il sacrificio. umano e non, è destinato a portare fortuna e come maniera principe per pacificare eventuali divinità irate, per esempio nel contesto della dedicazione di un edificio come un tempio od un ponte. Una leggenda cinese a tal proposito narra che vi sono migliaia di persone sepolte sotto la Grande muraglia cinese.

Nel Giappone antico le leggende parlano di Hitobashira (letteralm. "pilastro umano") in cui fanciulle subivano la sepoltura da vivo alla sua base od in prossimità di alcune costruzioni per proteggerne gli edifici contro disastri naturali o attacchi da parte di nemici[5]; un tropo/motivo quasi identico appare anche nel poema epico in lingua serba La costruzione di Scutari, dove il sacrificio di un giovane madre che sta ancora allattando il proprio bambino non mancherà di tenere al sicuro le mura e la città stessa di Scutari (oggi nella punta a nord dell'Albania) dalle presenze malefiche i esseri soprannaturali[6][7] (le Vila, versione slava delle ninfe).

Per la riconsacrazione della "Grande Piramide" di Tenochtitlan nel 1487, gli Aztechi riferiscono di aver fatto uccidere migliaia di prigionieri nel corso di pochi giorni; secondo lo storico-antropologo Ross Hassig autore di Aztec Warfare tra le 10 e le 80 mila persone sono state sacrificate in quella cerimonia[8].

Il sacrificio umano può anche avere l'intenzione di assicurarsi il favore degli déi prima di una guerra. Nella leggenda omerica la principessa Ifigenia doveva essere sacrificata dal padre Agamennone per favorirgli il successo nella guerra di Troia. Secondo la Bibbia Iefte promise di dedicare a Dio la prima creatura che lui avesse incontrato fuori dalla sua casa, se avesse vinto la battaglia contro gli Ammoniti; sarà la sua unica figlia la prima ad incontrarlo[9] e a venirgli incontro con timpani e danze. Anche se vi è qualche incertezza sul fatto che questo possa esser stato non un sacrificio umano ma una consacrazione[10], le fonti accademiche lo discutono nel contesto sacrificale tracciando i dovuti paralleli con il sacrificio (mancato) di Isacco da parte di Abramo[11].

In alcune nozioni di una vita dopo la morte, il defunto può beneficiare delle vittime uccise durante il suo funerale: i mongoli, gli sciti e i primi abitanti dell'antico Egitto, oltre a vari capi e governanti della Mesoamerica, potevano condurre con sé nell'aldilà la maggior parte del proprio nucleo familiare, compresi servi e concubine, che venivano uccisi o sepolti vivi dentro la tomba del padrone di modo che potessero continuare a servirlo anche nella vita ultraterrena.

Un altro scopo è stato la divinazione delle membra del corpo della vittima; secondo quanto ne riferisce Strabone i Celti accoltellavano la vittima con una spada ed interpretavano il futuro dagli spasmi della sua morte[12].

La "caccia alla testa" è la pratica di prendere la testa di un avversario ucciso ed utilizzarla per scopi cerimoniali o magici, o per ragioni di prestigio; sono stati trovati cacciatori di teste in molte società tribali premoderne.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Rudolph, Ritual Performances as Authenticating Practices, LIT Verlag Münster, 2008, p. 78, ISBN 3-8258-0952-8.
  2. ^ Boys 'used for human sacrifice', BBC News, 16 giugno 2005. URL consultato il 25 maggio 2010.
  3. ^ Kenyan arrests for 'witch' deaths, BBC News, 22 maggio 2008. URL consultato il 25 maggio 2010.
  4. ^ Early Europeans Practiced Human Sacrifice, Livescience.com, 11 giugno 2007. URL consultato il 25 maggio 2010.
  5. ^ History of Japanese Castles, Japanfile.com. URL consultato il 25 maggio 2010.
  6. ^ "For example, "The Building of Skadar" (Vuk II, 25) is based on the motif of a blood sacrifice being required to make a building stand." (Felix J. Oinas: Heroic Epic and Saga: An Introduction to the World's Great Folk Epics; Indiana University Press, 1978, ISBN 9780253327383, p. 262.)
  7. ^ Alan Dundes: The Walled-Up Wife: A Casebook; Univ of Wisconsin Press, 1996, ISBN 9780299150730, p. 146
  8. ^ Hassig, Ross (2003). "El sacrificio y las guerras floridas". Arqueología mexicana, p. 46–51.
  9. ^ Giudici 11: 30-34
  10. ^ Eerdmans' Dictionary of the Bible, David Noel Freedman and Allen C. Myers, Amsterdam UP - "Whether Jephthah intended human sacrifice is unclear."
  11. ^ *King Manasseh and Child Sacrifice by Francesca Stavrakopoulou (publ. Walter de Gruyter), discusses Jepthah's daughter in parallel to Abraham's near-sacrifice of Isaac.
  12. ^ "Strabo Geography", Book IV Chapter 4:5, published in Vol. II of the Loeb Classical Library edition, 1923, Penelope.uchicago.edu. URL consultato il 3 febbraio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Approfondimenti
  • Marvin Harris, Cannibali e re. Le origini delle culture, Feltrinelli, 1977
  • Angelo Brelich, Presupposti del sacrificio umano, 2006, Editori Riuniti University Press

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]