Sa'id ibn Makhlad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dīnār di al-Mu'tamid, coi nomi di al-Muwaffaq e Saʿīd (Dhū l-Wizāratayn).

Saʿīd ibn Makhlad (Arabo ﺳﻌﻴﺪ ﺑﻦ ﻣﺨﻠﺪ, m. 889) fu un funzionario abbaside di alto rango nel IX secolo .

Nato come cristiano nestoriano, si convertì all'Islam e operò in veste di segretario (kātib) a Baghdad. Salì tutti i gradini dell'apparato burocratico sotto al-Muwaffaq, Reggente per conto del fratello, il califfo al-Mu'tamid (reg. 870–892).

Tra l'878 e l'885, servì come vizir de facto, sebbene non ne avesse ufficialmente il titolo. Per il suo valido servizio garantito ad al-Muwaffaq, fu insignito nell'882 con il laqab pressoché unico di Dhū l-Wizāratayn ("Quello dei due vizirati"),[1] col quale fu citato sulle monete coniate dalla zecca (dār al-sikka) califfale. Tuttavia le attività del fratello ʿAbdūn, rimasto cristiano, e che provò a ottenere favori e concessioni a favore dei sudditi cristiani del Califfato, ne provocò l'improvvisa disgrazia nell'885.

Morì nell'889.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'unico altro caso fu, in al-Andalus, quello del famoso vizir dei Nasridi, Ibn al-Khaṭīb, chiamato anche Lisān al-Dīn (Lingua della Religione).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dominique Sourdel, Ibn Makhlad in The Encyclopedia of Islam, New Edition Volume III: H–Iram, Leiden e New York, E.J. Brill, 1986, p. 859, ISBN 90-04-08118-6.