SSE Composite Index

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

L'SSE Composite Index è un indice del mercato azionario di tutti i titoli di classe A (denominati in renminbi) e di classe B (denominati in valuta estera), che sono negoziati alla Borsa di Shenzhen.

Cruscotto[modifica | modifica wikitesto]

Dall'SSE Composite Index esso vengono erivati altri tre indicatori: l'SSE 180, l'SSE 50[1] e dal 2009 l'SSE Mega-Cap[2], rispettivamente calcolati sul prezzo dei titoli delle prime 180, 50 e 20 società per capitalizzazione flottante nel mercato secondario, corretta in base ad alcuni criteri fissati dall'autorità di regolamentazione cinese.[3]

L'SSE Mega-Cap è calcolato su un massimo di sei società per ognuno dei settori delle aziende quotate nel mercato azionario[4] e viene letto come un indice del segmento blue chip ad alta capitalizzazione.[5][6]

In modo analogo, anche la Borsa di Shenzhen aggiorna in tempo reali i seguenti indici azionari[7]: SZSE 300 Index, SZSE 200 Index, SZSE 100 Index, SZSE 1000 Index, SZSE 700 Index (titoli dalla posizione trecentounesima alla millesima), SZSE Composite Index (listino di tutte le azioni di tutte le società quotate).

Metodologia[modifica | modifica wikitesto]

Tutti gli indici SEE sono calcolati mediante una media pesata secondo l'indice di Paasche[8] L'indice fu calcolato per la prima volta il 15 luglio 1991, avendo scelto come base 100 predefinita[9] il giorno 19 dicembre 1990 e la capitalizzazione di mercato totalizzata complessivamente dai titoli quotati a Shanghai in corrispondenza di tale data.[9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SSE 50 Index Methodology (PDF), Shanghai Stock Exchange. URL consultato il 3 novembre 2016.
  2. ^ (ZH) Securities Daily, 23 aprile 2009. URL consultato il 31 ottobre 2017. Ospitato su Sina Corp.
  3. ^ SSE 180 Index Methodology (PDF), Shanghai Stock Exchange. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  4. ^ Methodology of SSE Mega-cap Index (PDF), China Securities Index. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  5. ^ Eng Yeow Goh, ETFs a cheaper, low-risk option for stock investors, in The Straits Times, Singapore Press Holdings, 18 luglio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  6. ^ China blue-chip stocks down, growth and regulatory fears linger, Shanghai, Reuters, 3 luglio 2017. URL consultato il 31 ottobre 2017.
  7. ^ Shenzhen 100 Index (PDF), su cnindex.com.cn, 16.
  8. ^ China Stock Market Handbook, China business series, Javvin Technologies Inc., 2008, p. 44, ISBN 978-1-60267-006-8, OCLC 468774484. URL consultato il 9 luglio 2020 (archiviato il 9 luglio 2020).
  9. ^ a b Methodology of SSE Composite Index (PDF), China Securities Index. URL consultato il 31 ottobre 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]