SAO 20575

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
SAO 20575
NGC 7635 (vivid).jpg
La Nebulosa Bolla: al suo interno è visibile la stella
ClassificazioneGigante blu
Classe spettraleO6,5III[1]
Distanza dal Sole7.100 - 11.000 anni luce
CostellazioneCassiopea
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta23h 20m 44,52s
Declinazione+61° 11′ 40,6″
Dati fisici
Raggio medio4 R
Massa
da 10 a 20 M
Temperatura
superficiale
37.500 K (media)
Luminosità
600.000 L
Dati osservativi
Magnitudine app.+8,70
Magnitudine ass.-6,3
Velocità radiale-26 km/s
Nomenclature alternative
BD 60 2522

Coordinate: Carta celeste 23h 20m 44.52s, +61° 11′ 40.6″

SAO 20575 ( BD 60 2522 / 4279-1582-1 TYC) è la stella centrale della Nebulosa Bolla, situata nella costellazione di Cassiopea. Non è inclusa nel Catalogo Henry Draper, ed è conosciuta con il suo numero del catalogo SAO o del catalogo Bonner Durchmusterung.

Osservazioni effettuate con il Far Ultraviolet Spectroscopic Explorer (FUSE), mostrano che la stella è responsabile dell'illuminazione della Regione H II S162, e il suo forte vento stellare ha ripulito una parte del materiale della stessa dando luogo all'involucro sferico[2].

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Con una magnitudine apparente di +8,70[1], SAO 20575 è una gigante blu di classe spettrale O6,5III[1]: possiede una temperatura superficiale molto alta, di circa 37.500 K, e una massa compresa tra le 9 e 20 masse solari[3][4].

Diversi studi forniscono per la velocità di rotazione valori che vanno da 178 a 214 km/s: anche se il periodo di rotazione non è noto, alcune righe spettrali variano con un "periodo" di 2,94 giorni, che potrebbe essere in relazione con la rotazione stellare[5].

Non c'è unanimità per quanto riguarda la distanza: mentre alcune fonti riportano una distanza di 7100 anni luce[6], altre ne indicano una ancora maggiore, di circa 11.000 anni luce: in quest'ultimo caso, la sua luminosità corrisponderebbe a circa 600.000 volte il Sole e la sua magnitudine assoluta misurerebbe -6,3[7].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c BD+60 2522 (SIMBAD)
  2. ^ Moore, B. D.; Dufour, R. J.; Aufdenberg, J. P.; Sankrit, R., The Far-Ultraviolet Spectrum of BD+60 2522, in American Astronomical Society Meeting 205, #53.07; Bulletin of the American Astronomical Society, vol. 36, 2004, p. 1426.
  3. ^ SAO 20575 (Jumk.de/astronomie)
  4. ^ NGC 7635: The Bubble (APOD) (NASA)
  5. ^ Rauw, G.; De Becker, M.; Vreux, J.-M., Line profile variability in the spectra of Oef stars. I. BD + 60deg 2522, in Astronomy and Astrophysics, vol. 399, 2003, pp. 287-296.
  6. ^ An Expanding Bubble in Space, Hubblesite
  7. ^ Christopoulou, P. E.; Goudis, C. D.; Meaburn, J.; Dyson, J. E.; Clayton, C. A., The kinematics of an ionized shell, NGC 7635, in the S162 complex, in Astronomy and Astrophysics, vol. 295, 1995, pp. 509-516.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni