S.Y.N.A.P.S.E. - Pericolo in rete

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
S.Y.N.A.P.S.E. - Pericolo in rete
SYNAPSE.png
La presentazione del software Synapse.
Titolo originale Antitrust
Paese di produzione USA
Anno 2001
Durata 108 min
Genere thriller, drammatico
Regia Peter Howitt
Soggetto Howard Franklin
Sceneggiatura Howard Franklin
Casa di produzione Metro-Goldwyn-Mayer, Industry Entertainment, Hyde Park Entertainment
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia John Bailey
Montaggio Zach Staenberg
Musiche Don Davis, Elliott Smith ("Son Of Sam"), Courtney Taylor ("Godless")
Scenografia Catherine Hardwicke
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

S.Y.N.A.P.S.E. - Pericolo in rete (Antitrust) è un film del 2001 diretto da Peter Howitt, con Ryan Phillippe e Tim Robbins.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Appena laureati all'Università di Stanford, Milo e Teddy progettano il loro avvenire, ma vengono separati dall'intervento di Gary Winston, un magnate dell'informatica che li invita a lavorare al suo progetto. Gary è a capo della NURV, una multinazionale che controlla strettamente il mercato del software internazionale. Sta progettando S.Y.N.A.P.S.E., un rivoluzionario sistema di broadcasting satellitare, ma ha bisogno di svilupparlo in fretta per via della concorrenza agguerrita esistente sul progetto.

Perciò contatta Milo, e lo accoglie in una visita alla NURV nella quale gli prospetta la sua visione del futuro informatico, lo presenta al team di sviluppo di S.Y.N.A.P.S.E. e lo affascina presentandosi per quello che realmente è: un modello vincente, brillante, che sa superare i suoi limiti. Milo decide di lavorare per Winston e si trasferisce nei suoi laboratori con la sua fidanzata, mentre Teddy preferisce creare un'impresa per conto suo; la NURV è stupefacente per grandezza e ricchezza, tanto che Milo rimane spaesato. Ma lavorando a S.Y.N.A.P.S.E., dopo poco tempo Milo comincia a farsi delle domande sulla provenienza del codice sorgente che di tanto in tanto Gary gli fornisce per continuare lo sviluppo senza soste forzate. Una sera Teddy viene ucciso, apparentemente da una banda di teppisti razzisti, come suffragato da scritte anticinesi, che devastano anche l'appartamento e l'azienda.

Confrontando le parole dei collaboratori di Teddy con quelle di Gary, Milo scopre la provenienza del codice sorgente sospetto: viene rubato a centinaia di programmatori tenuti sotto controllo in tutto il mondo, programmatori che vengono uccisi se raggiungono risultati tali da costituire un problema per la NURV, come è successo a Teddy. Milo trova la stazione centrale di controllo, mimetizzata all'interno della struttura della NURV, in un pericoloso gioco a rimpiattino con la sicurezza dell'azienda, e scopre che anche la sua fidanzata collabora con Gary per tenerlo sotto controllo: non può più fidarsi di nessuno, è completamente solo e cade nel panico senza sapere cosa fare. Inoltre riesce a visionare i nastri ripresi da una telecamera spia installata nell'appartamento di Teddy all'interno della centrale stessa. Vuole denunciare Gary, ma trova un suo infiltrato anche al dipartimento di giustizia. Decide di mettere a frutto il codice rubato, portando a termine il progetto S.Y.N.A.P.S.E. per far conoscere a tutto il mondo i crimini della NURV.

Aiutato dalla fidanzata, Milo riesce ad attirare su di sé l'attenzione di Gary mentre i suoi amici utilizzano S.Y.N.A.P.S.E. per denunciarlo pubblicamente e distribuiscono gratuitamente e liberamente il codice sorgente del software su Internet.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

« Una storia polemica ed assai poco velatamente allusiva, che già nel titolo originale, Antitrust, ricorda l'organismo di controllo del Dipartimento di Giustizia americano che ha più volte inquadrato nel proprio mirino il personaggio reale cui si ispira. Un film nel complesso ben fatto, dalla buona suspense, che pur senza addentrarsi in inutili approfondimenti tecnici, suggerisce le inquietanti possibilità di controllo totale offerte dalla rete, anticipandone l'onniscienza da Grande Fratello. Forse inevitabile, ma certamente esagerata, la criminalizzazione del capo della NURV, immagine negativa da contrapporre allo scontato messaggio di libertà, onestà, pluralità e giustizia affidato ai giovani ricercatori. »
(Fantafilm[1])

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bruno Lattanzi e Fabio De Angelis (a cura di), S.Y.N.A.P.S.E. - Pericolo in rete, in Fantafilm. URL consultato il 25 marzo 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema