Sōsuke Uno

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sosuke Uno
Sosuke Uno 1977.png

Primo ministro del Giappone
Durata mandato3 giugno 1989 –
10 agosto 1989
MonarcaAkihito
PredecessoreNoboru Takeshita
SuccessoreToshiki Kaifu

Ministro degli affari esteri del Giappone
Durata mandato6 novembre 1987 –
3 giugno 1989
MonarcaHirohito
Akihito dal 7 gennaio 1989
Capo del governoNoboru Takeshita
PredecessoreTadashi Kuranari
SuccessoreHiroshi Mitsuzuka

Dati generali
Partito politicoPartito Liberal Democratico
UniversitàUniversità di Kobe
FirmaFirma di Sosuke Uno

Sōsuke Uno (宇野 宗佑 Uno Sōsuke?; Shiga, 27 agosto 1922Moriyama, 19 maggio 1998) è stato un politico giapponese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da una famiglia di produttori di sakè, studia economia all'Università di Kobe ma nel 1943 interrompe gli studi perché chiamato alle armi. Deportato in Siberia dall'esercito sovietico, durante la guerra sperimenta un lungo periodo di prigionia in un campo di concentramento. Tornato in patria, racconterà le sue vicende in un libro autobiografico.

Dopo una esperienza amministrativa nell'assemblea di Shiga, sua prefettura d'origine, nel 1960 Uno viene eletto alla camera bassa, dove verrà riconfermato per ben dieci volte consecutive.

Nel 1974 viene nominato dal primo ministro Kakuei Tanaka direttore dell'Agenzia per la difesa. Nel 1976 assume l'incarico di ministro della Scienza e della Tecnica sotto il governo Fukuda, nel 1979 ministro della Pubblica amministrazione, nel 1983 ministro del commercio internazionale e nel 1987 ministro degli Esteri con Takeshita.

Il 3 giugno 1989, dopo lo scandalo Recruit, accetta l'incarico come primo ministro, ma a causa della sconfitta del suo partito (Partito Liberal Democratico) alle elezioni tenutesi il mese successivo, è costretto a rassegnare le dimissioni dopo soli 54 giorni di governo, il 10 agosto 1989. In questo breve periodo riesce comunque a guadagnarsi la sfiducia di molti elettori, istituendo per la prima volta in Giappone una tassa sul consumo, manovra molto criticata dai suoi stessi colleghi di partito.

Le dimissioni di Uno in realtà non furono dovute solo a vicende politiche, ma anche alle rivelazioni di una geisha che lo aveva accusato pubblicamente di non provvedere adeguatamente al suo sostentamento. L'affare extraconiugale di Uno era passato quasi sotto silenzio in patria, ma un reporter del Washington Post riprese la notizia da un quotidiano giapponese, rendendo di dominio internazionale la vicenda privata del primo ministro.

Uomo raffinato e colto (nel tempo libero coltivava interesse per la pittura e per la musica, dipingendo e suonando il piano egli stesso), oltre ai suoi ricordi di guerra e di prigionia ha pubblicato due raccolte di poesie.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Cordone dell'Ordine dei fiori di Paulownia - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine dei fiori di Paulownia

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Primo ministro del Giappone Successore Go-shichi no kiri crest.svg
Noboru Takeshita 1989 Toshiki Kaifu
Controllo di autoritàVIAF (EN117934179 · ISNI (EN0000 0000 8480 7522 · LCCN (ENn85059801 · J9U (ENHE987007412474405171 · NDL (ENJA00088805 · WorldCat Identities (ENlccn-n85059801
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie