Sōichirō Honda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sōichirō Honda

Sōichirō Honda 本田 宗一郎 (Hamamatsu, 17 novembre 1906Shizuoka, 5 agosto 1991) è stato un ingegnere e imprenditore giapponese, fondatore e primo presidente della Honda.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un meccanico di biciclette, iniziò il suo apprendistato di meccanica nell'officina del padre, per poi trasferirsi, nel 1922, a Tokyo, dove lavorò come garzone in un garage fino al 1928.

Nel 1937 fondò una prima azienda: la “Tokai Seiki”, azienda produttrice di fasce elastiche per pistoni [1], che divenne fornitrice della Toyota.

Al termine della Seconda guerra mondiale, Honda intuì che la scarsità di benzina avrebbe richiesto soluzioni di minore impatto economico, e trasformò l'azienda in produttrice di telai e motori per motocicli. Nel 1948 investì tutti i suoi risparmi per aprire una nuova azienda: la Honda. Nel 1959 sbarca negli Stati Uniti aprendo una campagna pubblicitaria che lo portò a vendere 100.000 moto in un anno. Le sue opere cambiarono il concetto di motocicletta in tutto il mondo.

Honda lasciò la presidenza dell'azienda nel 1973 e morì nell'agosto 1991.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana - nastrino per uniforme ordinaria Grande Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica Italiana
— 30 marzo 1978[2]
Gran Cordone dell'Ordine del Sol Levante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Cordone dell'Ordine del Sol Levante
— 5 agosto 1991 (postumo)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ honda.it, https://web.archive.org/web/20170823235102/http://www.honda.it/motorcycles/experience-honda/azienda/honda-story/soichiro-ela-storia-honda.html. URL consultato il 30 maggio 2018 (archiviato dall'url originale il 23 agosto 2017).
  2. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN46762522 · ISNI (EN0000 0000 8379 2656 · LCCN (ENn82091071 · GND (DE118553380 · BNF (FRcb119076962 (data) · NDL (ENJA00012196 · WorldCat Identities (ENlccn-n82091071