Sławoj Leszek Głódź

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sławoj Leszek Głódź
arcivescovo della Chiesa cattolica
Sławoj Głódź (2019).jpg
Monsignor Sławoj Leszek Głódź nel 2019.
Coat of arms of Leszek Sławoj Głódź.svg
Milito pro Christo
 
TitoloDanzica
Incarichi attuali
Incarichi ricoperti
 
Nato13 agosto 1945 (75 anni) a Bobrówka
Ordinato presbitero14 giugno 1970 dal vescovo Henryk Roman Gulbinowicz (poi arcivescovo e cardinale)
Nominato vescovo21 gennaio 1991 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo23 febbraio 1991 dal cardinale Józef Glemp
Elevato arcivescovo17 luglio 2004 da papa Giovanni Paolo II
 

Sławoj Leszek Głódź (Bobrówka, 13 agosto 1945) è un arcivescovo cattolico polacco, dal 13 agosto 2020 arcivescovo emerito di Danzica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Sławoj Leszek Głódź è nato a Bobrówka, un villaggio del comune di Jaświły, il 13 agosto 1945.[1]

Formazione e ministero sacerdotale[modifica | modifica wikitesto]

Quando era studente della scuola secondaria di Sokółka, nel 1963, insieme ai suoi amici, ha fondato l'organizzazione segreta Białe Orły, che ha svolto un'azione sovversiva prima della marcia del Primo Maggio.[2] Per avervi partecipato, è rimasto per tre mesi nella prigione centrale per le indagini penali di Białystok.[3] È stato anche espulso da scuola con un biglietto per il lupo, un tipo di limitazione dei diritti personali che imponeva a un cittadino il divieto di vivere in determinati luoghi o di studiare o lavorare in scuole o istituti specifici. Ha conseguito il diploma di scuola superiore in un liceo per lavoratori.[2]

Nel 1964 è entrato nel seminario di Białystok. Ha dovuto interrompere gli studi per due anni a causa della chiamata a svolgere il servizio militare di base con mansioni impiegatizie.[1] Il primo anno ha prestato servizio nel 32º reggimento meccanizzato Budziszyński a Kołobrzeg e il secondo anno nella brigata dei zappatori masuriani a Podjuchy, vicino a Stettino. Durante il suo servizio ha ottenuto la specializzazione di pontiere zappatore.[3]

Il 14 giugno 1970 è stato ordinato presbitero da monsignor Henryk Roman Gulbinowicz, amministratore apostolico del territorio polacco dell'arcidiocesi di Vilnius.[4] Ha proseguito gli studi presso la Facoltà di diritto canonico dell'Institut catholique di Parigi, l'Università Cattolica di Lublino e il Pontificio istituto orientale a Roma, dove nel 1980 ha conseguito il dottorato in diritto canonico orientale.[1][4]

Dal 1970 al 1972 è stato vicario parrocchiale della parrocchia di San Vincenzo Ferreri a Szudziałów.[5] Dal 1972 al 1974, mentre studiava a Parigi, ha prestato servizio come cappellano della locale comunità polacca.[1][4]

Nel 1980 ha lavorato al Sinodo dei vescovi a Roma. Successivamente è diventato officiale presso la curia arcivescovile e la corte arcivescovile di Białystok. È stato direttore della scuola catechetica e cappellano di Solidarność nella regione di Białystok.[1] Dal 1981 al 1991 ha prestato servizio nella Congregazione per le Chiese orientali come capo della sezione per i rapporti con la Chiesa greco-cattolica ucraina e della sezione per i rapporti con la Chiesa greco-cattolica rutena in Bielorussia.[1][4] È stato anche cappellano del campo per immigrati polacchi di Pavona e collaboratore della sezione polacca di Radio Vaticana.[1]

Mentre lavorava in Vaticano, era sotto sorveglianza dall'intelligence militare della Repubblica Popolare di Polonia che lo considerava un suo informatore e valutava le informazioni da lui fornite come preziose. [6] A quel tempo, era anche registrato come associato del Servizio di sicurezza della Repubblica Popolare di Polonia con lo pseudonimo di "Guastar" e doveva fornire importanti informazioni sulla politica del Vaticano nei confronti dei paesi dell'Europa centrale e orientale.[7]

Nel 1984 è stato insignito del titolo di cappellano di Sua Santità.[1][8]

Ministero episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Monsignor Sławoj Leszek Głódź con l'uniforme da ordinario militare.

Il 21 gennaio 1991 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato ordinario militare per la Polonia e vescovo titolare di Bettona.[1][4] Ha ricevuto l'ordinazione episcopale il 23 febbraio successivo nella basilica dell'Invenzione della Santa Croce e della Natività della Beata Vergine Maria del santuario di Częstochowa [1] dal cardinale Józef Glemp, arcivescovo metropolita di Gniezno e Varsavia, co-consacranti i cardinali Franciszek Macharski, arcivescovo metropolita di Cracovia, e Henryk Roman Gulbinowicz, arcivescovo metropolita di Breslavia.[9] Come motto episcopale ha scelto l'espressione "Milito pro Christo".[1] Il giorno dopo è entrato solennemente nella cattedrale di Campo dell'Esercito Polacco a Varsavia. Ha rilevato l'amministrazione della cappellania militare dal decano generale dell'esercito polacco, p. col. Florian Klewiada.[10]

Il 18 aprile 1991 è stato promosso al grado di generale di brigata e l'11 novembre 1993 al grado di maggior generale.[4] Ha ricreato le strutture diocesane dell'ordinariato e una rete di parrocchie militari in tutta la Polonia.[11] Ha anche istituito due onorificenze dell'ordinariato: nel 1995 il diploma "Benemerenti" e nel 2001 la medaglia "Milito pro Christo".[12] Il 7 marzo 1998 ha rinunciato alla sede titolare ai sensi della nuova pratica stabilita per gli ordinari militari.[13] Il 17 luglio 2004 papa Giovanni Paolo II lo ha elevato alla dignità arcivescovile.[1][14]

Nel 1994 è diventato consultore della Congregazione per le Chiese orientali e nel 1998 membro dell'Ufficio centrale per il coordinamento pastorale degli ordinariati militari nella Congregazione per i vescovi.[1]

Il 26 agosto 2004 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo-vescovo di Varsavia-Praga.[15][16] Ha preso possesso della diocesi il 2 ottobre successivo con una cerimonia nella cattedrale di San Michele Arcangelo e San Floriano a Praga.[17] Come vescovo diocesano, ha istituito la pastorale dei circoli ricreativi e dello sport, avviato concerti nella cattedrale diocesana e la Via Crucis di Praga, fondato otto nuove parrocchie e centri pastorali,[11] contribuito alla causa di beatificazione di Ignacy Kłopotowski, il fondatore delle suore della Beata Maria Vergine di Loreto, e avviato il settimanale cattolico Idziemy.[18]

Nel dicembre del 2005 ha compiuto la visita ad limina.

Il 17 aprile 2008 papa Benedetto XVI lo ha nominato arcivescovo metropolita di Danzica.[19][20] Ha preso possesso dell'arcidiocesi il 26 dello stesso mese con una cerimonia nella basilica arcicattedrale di Danzica-Oliwa.[11][21] Il 29 giugno dello stesso anno il papa gli ha imposto il pallio, simbolo degli arcivescovi metropoliti, durante una celebrazione svoltasi nella basilica di San Pietro in Vaticano.[22]

Nel periodo precedente al suo trasferimento alla sede episcopale di Danzica sono state espresse critiche e preoccupazioni, soprattutto nei circoli di intellettuali, nonché dall'ex presidente di Solidarność ed ex presidente della Repubblica Lech Wałęsa, perché monsignor Głódź sosteneva la linea conservatrice di Radio Maria ed era considerato un euroscettico.[23]

Nel febbraio del 2014 ha compiuto una seconda visita ad limina.

Per due volte, nel marzo del 2013 e nell'ottobre del 2019, è stato accusato dai media di mobbing contro i sacerdoti a lui subordinati.[24][25] In risposta alle accuse, l'arcivescovo è stato difeso dai suoi collaboratori curiali e da diversi presbiteri, che nelle loro dichiarazioni hanno valutato il materiale giornalistico come diffamatorio nei confronti del vescovo.[26][27] Dopo un articolo sul settimanale Wprost del 2013, padre Adam Świeżyński si è rivolto al nunzio apostolico in Polonia con accuse contro l'arcivescovo.[28] Tuttavia, dopo la trasmissione del rapporto di TVN24 del 2019, sedici sacerdoti di Danzica hanno scritto una lettera al nunzio apostolico assicurando che le accuse erano vere.[29] I fedeli in due manifestazioni presso la sede della curia vescovile a Danzica hanno protestato, tra l'altro, contro la mancanza di azione sulle denunce di atti di pedofilia commessi da preti di Danzica e contro la mancata reazione alle denunce dei sacerdoti sulle attività di mobbing del gerarca.[30][31] Hanno anche scritto una lettera aperta al papa dove si chiedeva di rimuovere l'arcivescovo.[30]

Monsignor Głódź è stato criticato anche perché, secondo quanto riportato dalla stampa polacca, si stava appropriando indebitamente delle donazioni dei fedeli per costruire una residenza privata simile a una villa nel suo villaggio natale di Bobrówka, nel voivodato della Podlachia.[32]

È stato anche accusato di simonia, volgarità e di soffrire di alcolismo.[33] Secondo quanto riportato dalla stampa polacca, monsignor Głódź ha fornito il modello per la figura dell'arcivescovo alcolizzato Mordowicz, che conduceva uno stile di vita immorale nel film Kler del 2018 di Wojciech Smarzowski.[34]

Nel maggio del 2019 è stato distribuito sul web un film documentario intitolato Non dirlo a nessuno che parlava degli abusi sessuali su minori commessi da preti polacchi. Nel film Głódź viene accusato di essere indifferente alle vittime e di avere elogiato un importante sacerdote accusato di essere un predatore sessuale. Richiesto di commentare il film, ha detto: "Non guardo niente di vecchio". Ha poi rilasciato una dichiarazione in cui affermava: "Non avevo intenzione di offendere le vittime di abusi sessuali con le mie parole, e mi dispiace".[35] Alcuni ecclesiastici locali gli hanno chiesto di dimettersi.[36]

Il 13 agosto 2020 papa Francesco ha accettato la sua rinuncia al governo pastorale dell'arcidiocesi per raggiunti limiti di età.[37][38][39] Il pontefice ha contestualmente nominato amministratore apostolico sede vacante et ad nutum Sanctae Sedis dell'arcidiocesi di Danzica Jacek Jezierski, vescovo di Elbląg.[37] [38]

Nel novembre successivo la nunziatura apostolica in Polonia ha informato che, sulla base del motu proprio Vos estis lux mundi, avrebbe condotto un'indagine sui casi denunciati alla Santa Sede di negligenza nella conduzione di procedimenti contro i sacerdoti a lui subordinati accusati di abusi contro minori. Il cardinale Kazimierz Nycz, arcivescovo metropolita di Varsavia è stato messo a capo delle indagini.[40][41]

Il 29 marzo 2021 la nunziatura apostolica in Polonia ha pubblicato un messaggio della Santa Sede secondo il quale a monsignor Głódź era stato ordinato di vivere fuori dall'arcidiocesi di Danzica, vietato di partecipare a celebrazioni religiose pubbliche o incontri di laici nella sua zona e ordinato di offrire una somma adeguata con fondi personali alla Fondazione "San Giuseppe", istituita dalla Conferenza episcopale polacca per prevenire gli abusi sessuali nella Chiesa cattolica.[42][43]

In seno alla Conferenza episcopale polacca è stato membro del consiglio permanente dal 2002 al 2012 [4][44] e dal 2017 al 2020.[45][46] Tra il 2001 e il 2012 è stato presidente del consiglio per le comunicazioni sociali [4][47] e dal 2002 al 2012 presidente dell'équipe per la cura pastorale di Radio Maria.[48][49] Dal 1995 al 2005 è stato delegato per la cura pastorale degli scout [4][50] e dal 2001 al 2004 sacerdote nazionale dei veterani.[4] Nel 2006 è diventato delegato per la pastorale dei vigili del fuoco [51] e nel 2012 delegato per la televisione Trwam.[52] È stato anche membro del consiglio legale, dell'équipe per i contatti con la Conferenza episcopale di Francia e della commissione per la diaspora polacca e i polacchi all'estero.[53] Inoltre, dal 2007 al 2020 è stato co-presidente della commissione mista dei rappresentanti del governo della Repubblica di Polonia e della Conferenza episcopale polacca.[54][55] Nel 2014 è diventato membro del Consiglio di programma della Katolicka Agencja Informacyjna.[56] È stato membro del comitato nazionale per l'Anno Giubilare del 2000 e nel 2003 è stato nominato membro per un triennio del consiglio della Fondazione "Dzieło Nowy Tysiąclecia".[13] Nel 2016 è diventato membro del comitato nazionale organizzatore delle celebrazioni del 1050º anniversario del battesimo della Polonia.[53] È stato anche cappellano capo onorario dell'Associazione dei veterani dell'esercito polacco in America.[57]

Con decreto del Presidente della Repubblica di Polonia Lech Wałęsa del 18 dicembre 1995 gli è stata conferita la croce di ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta [58] e con decreto del Presidente Aleksander Kwaśniewski del 2 novembre 1998 la croce di commendatore con placca dello stesso ordine.[59] Nel 2005 è stato insignito della gran croce al merito dell'Ordine al merito di Germania dal Presidente della Repubblica Horst Köhler.[60][61] Nel 2000 è entrato a far parte dell'Ordine equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme con il grado di commendatore con placca e del Sovrano Militare Ordine di Malta con il grado di cappellano conventuale ad honorem.[13]

Nel 2005 è stato insignito della Medaglia d'oro Gloria Artis [62] e nel 2018 della medaglia di bronzo al merito alla protezione dal fuoco.[63]

Ha ricevuto la cittadinanza onoraria di Hrubieszów nel 1993,[64] Białystok nel 1995,[65]Varsavia nel 2005,[66] Radzymin nel 2006,[67] Wołomin nel 2007,[68] del distretto di Mońki nel 2005 [69] e di Sokółka nel 2006.[70] Nel 2007 gli è stato inoltre conferito il distintivo d'onore al merito della Masovia.[71]

Nel 2010 è stato insignito del dottorato honoris causa dell'Università Cardinale Stefan Wyszyński di Varsavia.[72]

Ha ricevuto la commenda Missio Reconciliationis nel 1999,[73] la medaglia "Milito Pro Christo" e il diploma "Benemerenti" nel 2005,[12] la medaglia d'onore Józef Tuliszkowski nel 2007,[74] la medaglia del giorno del ricordo delle vittime del massacro di Katyn' nel 2008,[75] la croce d'oro dell'Unione Polacca Piłsudski nel 2009 [76] e la croce del Golgota dell'Est nel 2012.[77] Ha ricevuto il premio "Testimone della storia" dall'Istituto nazionale del ricordo nel 2014.[78] La redazione di Tygodnik Solidarność gli ha conferito il titolo di uomo dell'anno nel 2009.[79]

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze polacche[modifica | modifica wikitesto]

Croce di Ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Ufficiale dell'Ordine della Polonia Restituta
— 18 dicembre 1995[58]
Croce di Commendatore con Placca dell'Ordine della Polonia Restituta - nastrino per uniforme ordinaria Croce di Commendatore con Placca dell'Ordine della Polonia Restituta
— 2 novembre 1998[59]
Medaglia d'oro Gloria Artis - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d'oro Gloria Artis
— 27 ottobre 2005[62]
Medaglia di bronzo al merito della protezione dal fuoco - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia di bronzo al merito della protezione dal fuoco
— 26 aprile 2018[63]
Commenda Missio Reconciliationis - nastrino per uniforme ordinaria Commenda Missio Reconciliationis
— 1999[73]
Medaglia "Milito Pro Christo" - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia "Milito Pro Christo"
— 2005[12]
Distintivo d'onore al merito della Masovia - nastrino per uniforme ordinaria Distintivo d'onore al merito della Masovia
— 2007[71]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito di Germania (Germania) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce al Merito dell'Ordine al Merito di Germania (Germania)
— 2005[60]
Commendatore con Placca dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore con Placca dell'Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme (Santa Sede)
— 2000[13]
Cappellano Conventuale ad honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM) - nastrino per uniforme ordinaria Cappellano Conventuale ad honorem del Sovrano Militare Ordine di Malta (SMOM)
— 2000[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m (PL) Bp Sławoj Leszek Głódź arcybiskupem, su ekai.pl, 17 luglio 2004. URL consultato il 30 marzo 2021.
  2. ^ a b (PL) Piotr Szubarczyk, Białe Orły z Sokółki, in Nasz Dziennik, 44 (4583), 21 febbraio 2013, ISSN 1429-4834 (WC · ACNP). URL consultato il 30 marzo 2021.
  3. ^ a b (PL) Paweł Bieliński, Abp Głódź - nowy biskup warszawsko-praski, su ekai.pl, 26 agosto 2004. URL consultato il 30 marzo 2021.
  4. ^ a b c d e f g h i j (PL) Biskup Polowy Sławoj L. GŁÓDŹ, su archiwum-ordynariat.wp.mil.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  5. ^ (PL) Voce sull'Enciclopedia di Solidarność, su encysol.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  6. ^ (PL) Andrzej Gajcy e Tomasz Krzyżak, Arcybiskup Sławoj Leszek Głódź był wykorzystywany przez wywiad wojskowy PRL jako informator, in Rzeczpospolita, 10 giugno 2018. URL consultato il 30 marzo 2021.
  7. ^ (PL) Leszek Szymowski, Fałszywy przyjaciel. SB uważała abp. Leszka Sławoja Głódzia za informatora, su wiadomosci.wp.pl, 30 settembre 2018. URL consultato il 30 marzo 2021.
  8. ^ Annuario Pontificio per l'anno 1982, p. 1875.
  9. ^ (PL) Jubileusz arcybiskupa, su ekai.pl, 20 febbraio 2011. URL consultato il 30 marzo 2021.
  10. ^ (PL) Krzysztof Burek, Rys historyczny duszpasterstwa wojskowego w Polsce do 1991 roku, su archiwum-ordynariat.wp.mil.pl, 1º gennaio 2007. URL consultato il 30 marzo 2021.
  11. ^ a b c (PL) Abp Sławoj Leszek Głódź – nowy metropolita gdański, su system.ekai.pl, 26 aprile 2008. URL consultato il 30 marzo 2021.
  12. ^ a b c (PL) Uroczystość wręczenia dyplomów Benemerenti i medali Milito pro Christo, su archiwum2013.mon.gov.pl, 10 gennaio 2005. URL consultato il 30 marzo 2021.
  13. ^ a b c d e (PL) Jego Ekscelencja Arcybiskup Sławoj Leszek Głódź, su diecezja.waw.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  14. ^ Elevazione alla dignità arcivescovile dell'Ordinario Militare per la Polonia, in bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 17 luglio 2004. URL consultato il 30 marzo 2021.
  15. ^ Rinuncia del Vescovo di Warszawa-Praga (Polonia) e nomina del successore, in bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 26 agosto 2004. URL consultato il 30 marzo 2021.
  16. ^ (PL) Nowy biskup diecezji warszawsko-praskiej, su stara.episkopat.pl, 26 agosto 2004. URL consultato il 30 marzo 2021.
  17. ^ (PL) Ingres Abp. Głódzia, su diecezja.waw.pl, 2 ottobre 2004. URL consultato il 30 marzo 2021.
  18. ^ (PL) Sławoj Leszek Głódź od 20 lat biskupem, su ekai.pl, 20 febbraio 2011. URL consultato il 30 marzo 2021.
  19. ^ Rinuncia dell'Arcivescovo Metropolita di Gdańsk (Polonia) e nomina del successore, in bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 17 aprile 2008. URL consultato il 30 marzo 2021.
  20. ^ (PL) Komunikat Nuncjatury Apostolskiej - metropolia gdańska, su episkopat.pl, 17 aprile 2008. URL consultato il 30 marzo 2021 (archiviato dall'url originale il 27 gennaio 2013).
  21. ^ (PL) Abp Sławoj L. Głódź odbył ingres do archikatedry oliwskiej, su ekai.pl, 26 aprile 2008. URL consultato il 30 marzo 2021.
  22. ^ (PL) Uroczystość św. Apostołów Piotra i Pawła:Abp Sławoj Leszek Głódż otrzymał od Papieża Benedykta XVI paliusz, su archiwum-ordynariat.wp.mil.pl, 29 giugno 2008. URL consultato il 30 marzo 2021.
  23. ^ (DE) Paul Flückiger, Proteste gegen neuen Danziger Bischof, su welt.de, 12 aprile 2008. URL consultato il 30 marzo 2021.
  24. ^ (PL) Magdalena Rigamonti, Poważne zarzuty wobec abp. Głodzia. "Pił, wyzywał, poniżał", su wprost.pl, 17 marzo 2013. URL consultato il 30 marzo 2021.
  25. ^ (PL) "Przemoc, niszczenie, destrukcja". Świadectwa księży i mocne zarzuty pod adresem arcybiskupa, su tvn24.pl, 25 ottobre 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  26. ^ (PL) Gdańskie duchowieństwo broni abp. Głódzia, su ekai.pl, 18 marzo 2013. URL consultato il 30 marzo 2021.
  27. ^ (PL) Duchowni Archidiecezji Gdańskiej: Wyrażamy oburzenie materiałem TVN24 nt. abp. Głódzia, su kair.ekai.pl, 26 ottobre 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  28. ^ (PL) Jarosław Zalesiński, Kontrowersje wokół abp Głódzia. Ks. prof. Adam Świeżyński ze skargą u nuncjusza apostolskiego, su dziennikbaltycki.pl, 16 maggio 2013. URL consultato il 30 marzo 2021.
  29. ^ (PL) 16 gdańskich księży pisze do nuncjusza w sprawie swojego biskupa, su wiez.pl, 29 ottobre 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  30. ^ a b (PL) Manifestacja wiernych pod kurią w Oliwie, su trojmiasto.pl, 3 novembre 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  31. ^ (PL) Kolejny protest pod kurią w Gdańsku, su trojmiasto.pl, 1º ottobre 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  32. ^ (PL) Elżbieta Turlej, Pałac i ogromna posiadłość. To tu arcybiskup Sławoj Leszek Głódź może spędzić emeryturę, su newsweek.pl, 21 maggio 2018. URL consultato il 30 marzo 2021.
  33. ^ (PL) Karol Kleczka, „To skrajna patologia”. Wstrząsający obraz absolutnej władzy abpa Głódzia, su deon.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  34. ^ (PL) „Biskup Głódź, gdy nastał, przyjeżdżał do prałata Jankowskiego i pił za trzech. Kilka samochodów, a w każdym po czterech księży”, su newsweek.pl, 25 ottobre 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  35. ^ (EN) Guzik Paulina, Polish Church wrestles with sex abuse after YouTube documentary, in Crux, 17 maggio 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  36. ^ (EN) Jonathan Luxmoore, 'No words to express our shame': Polish bishops apologize for abuse, in National Catholic Reporter, 22 maggio 2019. URL consultato il 30 marzo 2021.
  37. ^ a b Rinuncia dell'Arcivescovo Metropolita di Gdańsk (Polonia) e nomina dell'Amministratore Apostolico sede vacante et ad nutum Sanctae Sedis, in bollettino della Sala stampa della Santa Sede, 13 agosto 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  38. ^ a b (PL) Abp Sławoj Leszek Głódź przechodzi na emeryturę, su episkopat.pl, 13 agosto 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  39. ^ (PL) Abp Sławoj Leszek Głódź odchodzi na emeryturę. Jego obowiązki przejmie na razie bp Jacek Jezierski, su wiez.pl, 13 agosto 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  40. ^ (PL) Komunikat w sprawie arcybiskupa Sławoja L. Głódzia, su nuncjatura.pl, 4 novembre 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  41. ^ (PL) Kard. Nycz poprowadzi dochodzenie w sprawie abp. Głódzia, su wiez.pl, 4 novembre 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  42. ^ (PL) Komunikat dotyczący abp. Sławoja Leszka Głódzia, su nuncjatura.pl, 29 marzo 2021. URL consultato il 30 marzo 2021.
  43. ^ Salvatore Cernuzio, Abusi, in Polonia puniti due vescovi negligenti. In Germania "time out" al vescovo di Amburgo, in La Stampa, 29 marzo 2021. URL consultato il 30 marzo 2021.
  44. ^ (PL) Nowi członkowie Rady Stałej Konferencji Episkopatu, su ekai.pl, 3 ottobre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  45. ^ (PL) Historyczne spotkanie Episkopatu Polski w Lublinie, su ekai.pl, 14 ottobre 2017. URL consultato il 30 marzo 2021.
  46. ^ (PL) Abp Dzięga i bp Bryl – członkami Rady Stałej KEP, su episkopat.pl, 27 agosto 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  47. ^ (PL) Zakończyły się obrady biskupów we Wrocławiu, su ekai.pl, 22 giugno 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  48. ^ (PL) Episkopat powołał zespół ds. Radia Maryja, su ekai.pl, 21 marzo 2002. URL consultato il 30 marzo 2021.
  49. ^ (PL) Wybory 359. Zebrania Plenarnego, su episkopat.pl, 5 ottobre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  50. ^ (PL) Biskup Polowy gen.bryg.dr Tadeusz Płoski- Delegatem KEP ds. Harcerzy, su archiwum-ordynariat.wp.mil.pl, 10 marzo 2005. URL consultato il 30 marzo 2021.
  51. ^ (PL) Delegat KEP ds. Duszpasterstwa Strażaków, su episkopat.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  52. ^ (PL) Zakończyło się zebranie plenarne Episkopatu, su ekai.pl, 3 ottobre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  53. ^ a b (PL) Arcybiskup Sławoj Leszek GŁÓDŹ, su episkopat.pl, 12 aprile 2015. URL consultato il 30 marzo 2021.
  54. ^ (PL) Kard. Stanisław Dziwisz członkiem Rady Stałej KEP (popr.), su system.ekai.pl, 14 marzo 2007. URL consultato il 30 marzo 2021.
  55. ^ (PL) Abp Marek Jędraszewski – współprzewodniczącym Komisji Wspólnej Przedstawicieli Rządu RP i KEP, su episkopat.pl, 27 agosto 2020. URL consultato il 30 marzo 2021.
  56. ^ (PL) Abp Głódź członkiem rady programowej KAI, su ekai.pl, 11 giugno 2014. URL consultato il 30 marzo 2021.
  57. ^ (PL) Zarząd Główny Stowarzyszenia Weteranów Armii Polskiej w Ameryce, su pava-swap.org. URL consultato il 30 marzo 2021.
  58. ^ a b (PL) M.P. 1996 nr 15 poz. 189, su isap.sejm.gov.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  59. ^ a b (PL) M.P. 1999 nr 10 poz. 131, su isap.sejm.gov.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  60. ^ a b (PL) Abp Głódź otrzymał Wielki Krzyż Zasługi Republiki Federalnej Niemiec, su system.ekai.pl, 3 giugno 2005. URL consultato il 30 marzo 2021.
  61. ^ (DE) Erzbischof Slawoj Leszek Glodz, Oberhirte der Diözese Warschau-Prag und ehemaliger Militärbischof der polnischen Streitkräfte, hat das Große Verdienstkreuz des Verdienstordens der Bundesrepublik Deutschland erhalten, in Radio Vaticana, 4 giugno 2005. URL consultato il 30 marzo 2021.
  62. ^ a b (PL) Elenco degli insigniti della Medaglia al Merito alla Cultura - Gloria Artis, su mkidn.gov.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  63. ^ a b (PL) Decisione n. 4/OP/2018 del ministro dell'interno e dell'amministrazione (PDF), su edziennik.mswia.gov.pl, 26 aprile 2018. URL consultato il 30 marzo 2021.
  64. ^ (PL) Ks. Biskup Sławoj Leszek Głódź, su miasto.hrubieszow.pl, 17 novembre 1993. URL consultato il 30 marzo 2021.
  65. ^ (PL) Honorowi Obywatele Miasta, su bialystok.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  66. ^ (PL) Sławoj Leszek Głódź [collegamento interrotto], su radawarszawy.um.warszawa.pl, 29 novembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  67. ^ (PL) Sławoj Leszek Głódź [collegamento interrotto], su radzymin.pl, 29 novembre 2012. URL consultato il 30 marzo 2021.
  68. ^ (PL) Risoluzione n. V-24/2007 del Consiglio comunale di Wołomin (PDF), su pliki.wolomin.org, 15 febbraio 2007. URL consultato il 30 marzo 2021.
  69. ^ (PL) Risoluzione N. XXXV/170/05 del Consiglio di Mońki del 12 dicembre 2005, su bip.st.monki.wrotapodlasia.pl, 12 dicembre 2005. URL consultato il 30 marzo 2021.
  70. ^ (PL) Abp Głódź honorowym obywatelem gminy Sokółka, su system.ekai.pl, 7 maggio 2006. URL consultato il 30 marzo 2021.
  71. ^ a b (PL) Abp Głódź wyróżniony medalem "Zasłużony dla Mazowsza", su ekai.pl, 18 dicembre 2007. URL consultato il 30 marzo 2021.
  72. ^ (PL) Doktorzy Honoris Causa, su uksw.edu.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  73. ^ a b (PL) Laudacja Wygłoszona na cześć Arcybiskupa Generała Sławoja Leszka Głódzia z okazji przyznania dyplomu Doktora h.c. UKSW, su archiwum-ordynariat.wp.mil.pl, 26 maggio 2010. URL consultato il 30 marzo 2021.
  74. ^ (PL) Elenco delle persone premiate con la medaglia nel 2007, su straz.gov.pl. URL consultato il 30 marzo 2021.
  75. ^ (PL) Pierwsze nadanie Medalu Dnia Pamięci Ofiar Zbrodni Katyńskiej 8 kwietnia 2008 r. (PDF) [collegamento interrotto], in Zeszyty Katyńskie, n. 24, ISSN 1426-4064 (WC · ACNP). URL consultato il 30 marzo 2021.
  76. ^ (PL) 8 Listopada 2009, su pilsudski.x.pl, 8 novembre 2009. URL consultato il 30 marzo 2021.
  77. ^ (PL) Animus et Semper Fidelis dla Adama Gajkowskiego, su zrobtosam.com, 11 febbraio 2013. URL consultato il 30 marzo 2021.
  78. ^ (PL) Abp Głódź laureatem nagrody "Świadek Historii", su ekai.pl, 16 dicembre 2014. URL consultato il 30 marzo 2021.
  79. ^ (PL) Barbara Madajczyk-Krasowska, Pierwsze nadanie Medalu Dnia Pamięci Ofiar Zbrodni Katyńskiej 8 kwietnia 2008 r. [collegamento interrotto], in Tygodnik Solidarność, 4 (1111), 22 gennaio 2010, ISSN 0208-8045 (WC · ACNP). URL consultato il 30 marzo 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo titolare di Bettona Successore BishopCoA PioM.svg
Ignatius Phakoe, O.M.I. 21 gennaio 1991 - 7 marzo 1998 Alvaro Efrén Rincón Rojas, C.SS.R.
Predecessore Ordinario militare per la Polonia Successore BishopCoA PioM.svg
Józef Gawlina 21 gennaio 1991 - 26 agosto 2004 Tadeusz Płoski
Predecessore Vescovo di Varsavia-Praga
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Kazimierz Romaniuk
(vescovo)
26 agosto 2004 - 17 aprile 2008 Henryk Hoser, S.A.C.
Predecessore Arcivescovo metropolita di Danzica Successore ArchbishopPallium PioM.svg
Tadeusz Gocłowski, C.M. 17 aprile 2008 - 13 agosto 2020 Jacek Jezierski
(amministratore apostolico)
Controllo di autoritàVIAF (EN101857352 · ISNI (EN0000 0000 7160 4080 · LCCN (ENn87121983 · GND (DE1080202145 · WorldCat Identities (ENlccn-n87121983