Ruth Zechlin (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(DE)

«Bach ist und bleibt mein Zentrum.
Die Tiefe, die Klarheit, die Wärme, die Unsentimentalität, die Größe seiner Musik sind für mich entscheidend und unerreichbar[1]»

(IT)

«Bach è e rimane il mio centro.
La profondità, la chiarezza, il calore, il non sentimentalismo, la grandezza della sua musica sono per me definitivi e irraggiungibili»

(Ruth Zechlin)

Ruth Zechlin, nata Ruth Oschatz[1][2][3] (Großhartmannsdorf, 22 giugno 1926Monaco di Baviera, 4 agosto 2007), è stata una compositrice, clavicembalista e organista tedesca.

Talento precoce[2], fu autrice di opere per teatro, sinfonie per orchestra, musiche da camera, ecc.[4] In carriera si aggiudicò vari premi, tra cui per due volte (1975 e 1986) il Premio nazionale della Repubblica Democratica Tedesca[5], e fu insignita dell'Ordine di Massimiliano per le scienze e le arti[5].

Fu membro dell'Accademia tedesca delle Belle Arti e docente e rettrice presso la Scuola Superiore "Hanns Heisler" di Berlino.[2][3].

Il cognome Zechlin era quello del marito, il pianista Dieter Zechlin (1926-2012).[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ruth Zechlin assieme a Reiner Bredemeyer e a Reinhard Lakomy al congresso dei compositori tenutosi a Berlino nel 1987

Composizioni (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Opere per teatro[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Reineke Fuchs (1967)
  • La vita (1983)
  • Sommernachtsträume (1990)
  • Die Reise (1992)
  • Un baiser pour le Roi (1995)
  • Elissa (2004)

Opere per orchestra[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Concerto per violino (1963)
  • Concerto per pianoforte (1974)
  • Concerto per organo I (1974)
  • Concerto per organo II (1975)
  • Briefe für Orchester (1978)
  • Kristallisationen für Orchester (1987)
  • Venezianisches Cembalokonzert (1993)
  • Triptychon 2000 für Orchester (1997-1999)

Musica da camera[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Keunergeschichten (1966)
  • Amor und Psyche (1966)
  • An Aphrodite (1977)
  • Begegnungen (1977)
  • Alternativer Baukasten (1993)
  • 5 Studien und 1 Collage (1996)
  • Reminiszenzen – pro domo (1996)
  • Epigramme (1997)
  • Passauer Konzert (2001)
  • Kontemplation und Aktivitäten (2001)
  • Italienisches Diptychon (Rom- Venedig) (2002)

Canti[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Messe für a-cappella-Chor (1964)
  • Canzoni alla notte (1974)
  • Das Hohelied (1979)
  • Das A und das (1990)
  • Magnificat (2002)
  • MISSA in honorem Sancti Stephani (2003)

Premi e riconoscimenti[5][modifica | modifica wikitesto]

  • 1955: Medaglia d'argento del Festival di Mosca per la sonatina per flauto e pianoforte
  • 1962: Premio Goethe della città di Berlino
  • 1965: Premio dell'Arte della DDR
  • 1968: Premio Hanns Eigler
  • 1968: Premio della critica della città di Berlino per l'opera "Reineke Fuchs"
  • 1975: Premio nazionale della Repubblica Democratica Tedesca per il Concerto per Organo I
  • 1986: Premio nazionale della Repubblica Democratica Tedesca per le opere per orchestra
  • 1996: Premio delle Artiste della città di Heidelberg
  • 1997: Croce al merito di prima classe
  • 2001: Ordine di Massimiliano per le scienze e le arti

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania
— 1997
Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti
— 2001

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74650202 · ISNI (EN0000 0001 1507 1440 · LCCN (ENn81047590 · GND (DE118830511 · BNF (FRcb120486287 (data)