Ruth Zechlin (musicista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
(DE)

« Bach ist und bleibt mein Zentrum.
Die Tiefe, die Klarheit, die Wärme, die Unsentimentalität, die Größe seiner Musik sind für mich entscheidend und unerreichbar[1] »

(IT)

« Bach è e rimane il mio centro.
La profondità, la chiarezza, il calore, il non sentimentalismo, la grandezza della sua musica sono per me definitivi e irraggiungibili »

(Ruth Zechlin)

Ruth Zechlin, nata Ruth Oschatz[1][2][3] (Großhartmannsdorf, 22 giugno 1926Monaco di Baviera, 4 agosto 2007), è stata una compositrice, clavicembalista e organista tedesca.

Talento precoce[2], fu autrice di opere per teatro, sinfonie per orchestra, musiche da camera, ecc.[4] In carriera si aggiudicò vari premi, tra cui per due volte (1975 e 1986) il Premio nazionale della Repubblica Democratica Tedesca[5], e fu insignita dell'Ordine di Massimiliano per le scienze e le arti[5].

Fu membro dell'Accademia tedesca delle Belle Arti e docente e rettrice presso la Scuola Superiore "Hanns Heisler" di Berlino.[2][3].

Il cognome Zechlin era quello del marito, il pianista Dieter Zechlin (1926-2012).[6]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ruth Zechlin assieme a Reiner Bredemeyer e a Reinhard Lakomy al congresso dei compositori tenutosi a Berlino nel 1987

Composizioni (lista parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Opere per teatro[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Reineke Fuchs (1967)
  • La vita (1983)
  • Sommernachtsträume (1990)
  • Die Reise (1992)
  • Un baiser pour le Roi (1995)
  • Elissa (2004)

Opere per orchestra[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Concerto per violino (1963)
  • Concerto per pianoforte (1974)
  • Concerto per organo I (1974)
  • Concerto per organo II (1975)
  • Briefe für Orchester (1978)
  • Kristallisationen für Orchester (1987)
  • Venezianisches Cembalokonzert (1993)
  • Triptychon 2000 für Orchester (1997-1999)

Musica da camera[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Keunergeschichten (1966)
  • Amor und Psyche (1966)
  • An Aphrodite (1977)
  • Begegnungen (1977)
  • Alternativer Baukasten (1993)
  • 5 Studien und 1 Collage (1996)
  • Reminiszenzen – pro domo (1996)
  • Epigramme (1997)
  • Passauer Konzert (2001)
  • Kontemplation und Aktivitäten (2001)
  • Italienisches Diptychon (Rom- Venedig) (2002)

Canti[4][modifica | modifica wikitesto]

  • Messe für a-cappella-Chor (1964)
  • Canzoni alla notte (1974)
  • Das Hohelied (1979)
  • Das A und das (1990)
  • Magnificat (2002)
  • MISSA in honorem Sancti Stephani (2003)

Premi e riconoscimenti[5][modifica | modifica wikitesto]

  • 1955: Medaglia d'argento del Festival di Mosca per la sonatina per flauto e pianoforte
  • 1962: Premio Goethe della città di Berlino
  • 1965: Premio dell'Arte della DDR
  • 1968: Premio Hanns Eigler
  • 1968: Premio della critica della città di Berlino per l'opera "Reineke Fuchs"
  • 1975: Premio nazionale della Repubblica Democratica Tedesca per il Concerto per Organo I
  • 1986: Premio nazionale della Repubblica Democratica Tedesca per le opere per orchestra
  • 1996: Premio delle Artiste della città di Heidelberg
  • 1997: Croce al merito di prima classe
  • 2001: Ordine di Massimiliano per le scienze e le arti

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania - nastrino per uniforme ordinaria Croce al Merito di I Classe dell'Ordine al Merito di Germania
— 1997
Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti
— 2001

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN74650202 · ISNI (EN0000 0001 1507 1440 · LCCN (ENn81047590 · GND (DE118830511 · BNF (FRcb120486287 (data)