Russula azurea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Russula azurea
Russula azurea G2.3.jpg
Russula azurea
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Basidiomycota
Classe Agaricomycetes
Sottoclasse Incertae sedis
Ordine Russulales
Famiglia Russulaceae
Genere Russula
Specie R. azurea
Nomenclatura binomiale
Russula azurea
Bres., 1882
Caratteristiche morfologiche
Russula azurea
Cappello convesso icona.svg
Cappello convesso
Gills icon.png
Imenio lamelle
Free gills icon2.svg
Lamelle libere
White spore print icon.png
Sporata bianca
Bare stipe icon.png
Velo nudo
Virante icona.svg
Carne virante
Mycorrhizal ecology icon.png
Micorrizico
Foodlogo.svg
Commestibile

Russula azurea Bres., 1882 è un fungo basidiomicete della famiglia Russulaceae.[1]

Benché affine come caratteristiche generali agli altri membri del genere Russula, la specie si diversifica dalla Russula subazurea per le dimensioni minori, per il tipico colore blu-ametista del cappello e per la sua presenza nei pressi del peccio, noto anche come abete rosso, (Picea abies).

Caratterizzata nell'aspetto anche da lamelle e gambo bianchi, la Russula azurea è un fungo commestibile, dalla carne dolce e dall'odore non significativo.

A supporto dell'identificazione durante la raccolta, reagisce debolmente al contatto con tintura di guaiaco, mentre con solfato ferroso la carne vira leggermente al grigio-rosa pallido.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Micologia Portale Micologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di micologia