Rumelia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rumelia
BU Румелия, Rumelija
GR Ρούμελη, Rumele
TR Rumeli
White Tower 19th century.jpg
Torre Bianca di Salonicco, uno dei principali centri della regione, in un dipinto della prima metà del XIX secolo
Stati Turchia Turchia
Bulgaria Bulgaria
Grecia Grecia
Albania Albania
Macedonia del Nord Macedonia del Nord
Serbia Serbia
Territorio Mesia, Macedonia, Grecia Centrale, Tracia
Capoluogo Sofia
Superficie 325 805 km²
Lingue greco, bulgaro, serbo-croato, macedone, albanese
Nome abitanti rumeli
Rumelia map.jpg
Mappa della Rumelia nel 1801

Rumelia (in turco Rumeli; in greco Ρούμελη; in bulgaro Румелия, Rumelija, ossia "Terra dei romani" da Rum, "romano", e El, "terra")[1] è il nome, usato dal XV secolo, per indicare la regione dell'Impero Ottomano dei Balcani meridionali. "Rumeli" è letteralmente traducibile come "terra dei romani", in riferimento all'Impero bizantino che in precedenza aveva dominato su quelle terre. Durante l'XI e il XII secolo fu estesamente usato al posto di Anatolia man mano che veniva conquistata dai Bizantini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Rumelia ottomana includeva le antiche province di Costantinopoli, Tessalonica, Tracia e la Macedonia (oggi Grecia centro-settentrionale e Turchia europea), la Bulgaria e una sezione dell'Albania centro-meridionale. A sud si estendeva fino all'istmo di Corinto, alle porte della Morea. A nord, invece si stima che la regione si profilasse fino al Danubio e il Sava. Nel 1844, la Rumelia occupava circa 325.800 km², un'area grande quanto la Norvegia.[2]

Fu conquistata dall'Impero Ottomano nel decennio 1380, ma gli ultimi capisaldi antiottomani caddero definitivamente nel 1453 (Costantinopoli), 1460 (Morea)[3] e 1476 (Albania). Il Sultano impose Sofia come capitale di questa sua provincia nei Balcani. Il dominio turco durò circa cinque secoli. La zona ridivenne indipendente a partire dal XIX secolo.

Il nome Rumelia è stato adottato dalla provincia composta dall'Albania centrale e dalla Macedonia nord occidentale, con Monastir come capoluogo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Encyclopaedia Britannica - Rumelia a cura di britannica.com, link verificato il 15 novembre 2019.
  2. ^ (EN) Dimitrov et al. (2017) Bitola – from Eyalet capital to regional centre in the Republic of Macedonia, Urban Development Issues, vol. 55, pp. 67–82 DOI: 10.2478/udi-2018-0006. Researchgate.net, link verificato il 15 novembre 2019.
  3. ^ (EN) Michael Greenhalgh, Plundered Empire, BRILL, 2019, ISBN 978-90-04-40547-9, p. 563.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

La regione è stata al centro di molte guerre e contese per la sua spartizione:

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN247634869 · GND (DE4050949-7 · BNF (FRcb12403714g (data) · WorldCat Identities (EN247634869