Ruggero de I Timidi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ruggero de I Timidi
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica demenziale
Strumentovoce
Album pubblicati8
Studio4
Raccolte4
Sito ufficiale

Ruggero de I Timidi, pseudonimo di Andrea Sambucco (Udine, 9 luglio 1975), è un comico e cantante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Udine nel 1975, Sambucco inizia a suonare la chitarra a 14 anni andando a lezione dal maestro polistrumentista Roby Colella. Forma quindi il gruppo TFR con alcuni compagni di classe con cui fa le sue prime esibizioni nell'underground friulano.[1] In questi anni prende parte a rappresentazioni scolastiche degli spettacoli Le Negre di Jane Janet e Chi ruba un piede è fortunato in amore di Dario Fo.[2][3] Dopo la scuola lavora per un periodo come animatore per bambini[4] e poi si iscrive al DAMS di Bologna,[5] ma non completa gli studi.[6]

Nel 2001 intraprende la professione di cantautore, partecipando ad alcune manifestazioni locali, come il festival di musiche d'autore "Ortiche" a Udine.[4] Nel dicembre del 2002 pubblica tramite l'etichetta indipendente Kennydog Records, da lui fondata,[7] l'album s.e.m.p.l.i.c.e. <!>. Il disco è interamente scritto e arrangiato da Sambucco, che suona quasi tutti gli strumenti.[4]

Per l'album successivo, La stagione del beltempo (2004), decide di cambiare stile, inserendo maggiori elementi demenziali nei suoi testi. Anche gli spettacoli dal vivo assumono una componente più comica, con Sambucco che si presenta sul palco indossando costumi estrosi, tra cui quello di un girasole.[8] The Nelson Mandela EP del 2007, ultimo lavoro di questa fase, conferma la verve demenziale del cantautore. Nello stesso anno, Sambucco realizza la sigla di Berto Lôf, versione in friulano del cartone di Lupo Alberto.[9][10]

Dal 2005 si dedica al mondo del cabaret, ottenendo diversi riconoscimenti, tra cui il premio al Festival di Cabaret Cabawave nel luglio 2005 e il Premio della Critica al Festival Locomix di San Marino nell'aprile 2008.[2] Vive del tempo a Pavia e a Casalpusterlengo per poi stabilirsi a Milano.[11] Dopo aver partecipato alle trasmissioni L'eredità[12] e Cultura moderna,[2] fa il suo esordio da comico in televisione nel 2008 nel programma Central Station[13] con lo sketch "Corso pratico: cabarettista in 5 minuti". Nel 2009 partecipa a Colorado Cafè[9] e l'anno seguente passa a Zelig Off. In quest'ambiente conosce la sua futura consorte, l'architetta Fabiana Incoronata Bisceglia.[14] Nel 2011 entra a far parte del cast di Zelig, portando in scena il personaggio del Signor Maniaco.[2] In questi anni partecipa anche alle trasmissioni Glob, Quelli che il calcio e Wikitaly e conduce il programma radiofonico Si salvi chi può di Radio Monte Carlo.[15] Scrive lo spettacolo comico Se questo è il titolo figuriamoci lo spettacolo[16] e recita in An Englishman In Italy, per la regia di John Peter Sloan.[2][17]

Nel 2013 crea il personaggio Ruggero de I Timidi e pubblica su YouTube il suo singolo d'esordio, Timidamente io. La musica del brano e il nome d'arte sono ispirati alla scena della musica leggera italiana anni sessanta, in aperto contrasto con il testo, che affronta in maniera demenziale il tema dello squirting. Il successo del brano è immediato e lo porta a dedicarsi completamente al nuovo personaggio, pubblicando numerosi singoli che mantengono lo stesso schema musica leggera/testo demenziale. Nel 2014 partecipa al programma Tú sí que vales nei panni di Ruggero,[16] classificandosi al terzo posto.

Il 24 febbraio 2015 pubblica il suo primo album come Ruggero de I Timidi, intitolato Frutto proibito,[18] che entra al 12º posto nella classifica italiana di iTunes.[19] Il disco contiene tre inediti e nuove registrazioni dei brani precedentemente pubblicati su YouTube.[20] L'11 dicembre esce la raccolta Natale romantico con cover di famose canzoni natalizie e rivisitazioni di vecchi brani.[21] Nel 2017 appare in un cameo nel film Si muore tutti democristiani de Il Terzo Segreto di Satira,[22] suoi stretti collaboratori.[11] È poi ospite fisso di 90 Special nell'edizione 2018.[23]

Il 21 giugno 2018 pubblica il singolo La canzone dell'estate, in collaborazione con il tenore Maestro Ivo. Il 2 settembre viene organizzato il primo "Raduno Timido" presso il Parco Tittoni di Desio, evento autocelebrativo che verrà riproposto a cadenza annuale.[24][25] Il 7 settembre esce il secondo album, Giovani emozioni, che omaggia la musica dei cantautori degli anni settanta, tra cui Franco Battiato, Francesco De Gregori e Ivan Graziani.[26] Al Lucca Comics 2018 presenta l'albo Fumetti timidi, disegnato da Giuseppe Zironi e Stefano Conte, con copertina di Giorgio Cavazzano.[27]

Il 9 luglio 2020 viene pubblicato il singolo Anche quest'estate si tromba dalla prossima, canzone ispirata dallo stress per le misure di confinamento dovute alla pandemia di COVID-19.[3] Nel corso del 2021 esce sul canale YouTube di Ruggero la serie REBOOT, composta da cinque episodi, e pensata per promuovere il singolo Culo & Camicia, che viene pubblicato il 30 settembre 2021. È ispirata per sonorità al genere k-pop ed è cantata in coppia con la moglie Fabiana Incoronata Bisceglia, sempre più presente anche sul palco di fianco a Ruggero, dove si fa chiamare Faby Q.[28][29] Il 18 giugno 2022 esce il singolo estivo, Sole Cuore Hangover, cantato da Ruggero con Faby Q, il Maestro Ivo e il rapper pugliese Mbriake.

Tra gli artisti che l'hanno influenzato ha citato gli Squallor, gli Skiantos, il teatro-canzone di Giorgio Gaber,[30] Freak Antoni[6] e Andy Kaufman.[31]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 – s.e.m.p.l.i.c.e. <!>
  • 2004 – La stagione del beltempo
  • 2015 – Frutto proibito
  • 2018 – Giovani emozioni

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

  • 2013 – I primi cinque più grandi successi
  • 2014 – I più grandi successi
  • 2015 – Natale romantico
  • 2019 – Greatest Hits

EP[modifica | modifica wikitesto]

  • 2002 – V.E.R.D.E.
  • 2007 – The Nelson Mandela EP

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 – Cos'è l'amore
  • 2013 – Timidamente io
  • 2013 – Memories of You
  • 2013 – Pensiero intrigante
  • 2013 – Notte romantica
  • 2013 – Padre e figlio
  • 2014 – Pensiero brasilero
  • 2014 – Quello che le donne dicono
  • 2014 – Voglia d'amare
  • 2014 – Torna!
  • 2015 – Toy Boy
  • 2016 – Natale al Motel
  • 2017 – L'estate del reggaeton
  • 2017 – Vibratore
  • 2018 – La canzone dell'estate (con Maestro Ivo)
  • 2020 – Anche quest'estate si tromba dalla prossima
  • 2020 – Timidamente Yo (con Mariachi Crazy)
  • 2021 – Culo & Camicia
  • 2022 – Sole Cuore Hangover (con Faby Q, Maestro Ivo e Mbriake)

Partecipazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • 2003 – AA.VV., Canzoni friulane, con il brano Maritiare
  • 2013 – AA.VV., I Cantacomici: prima che sia troppo tardi, cori nel brano So' cambiate le cose rap
  • 2013 – Vallanzaska, Banana Juice, voce
  • 2014 – Vallanzaska, Thegenerazione, intervento nel brano Se telefonando
  • 2019 – Auroro Borealo, Sessone, seconda voce

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • 2004 – Cos'è l'amore
  • 2013 – Timidamente io
  • 2013 – Pensiero intrigante
  • 2013 – Banana Juice
  • 2013 – Notte romantica
  • 2013 – Padre e figlio
  • 2013 – Lo scorso Natale
  • 2014 – Perdere l'amore
  • 2014 – Quello che le donne dicono
  • 2014 – Voglia d'amare
  • 2015 – Frutto proibito
  • 2015 – Toy Boy
  • 2016 – Torna!
  • 2016 – Natale al Motel
  • 2017 – L'estate del reggaeton
  • 2018 – La canzone dell'estate
  • 2019 – Mano amante mia
  • 2019 – Sessone
  • 2019 – Completamente
  • 2020 – Anche quest'estate si tromba dalla prossima
  • 2020 – Timidamente Yo
  • 2021 – Culo & Camicia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Andrea Sambucco - Biografia, su andreasambucco.com. URL consultato il 27 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2004).
  2. ^ a b c d e Igor, Andrea Sambucco - Il Maniaco di Zelig, su samigo.it. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  3. ^ a b Valentina Ceccatelli, Intervista timida a Ruggero De I Timidi, in vista del grande Raduno Timido di Parco Tittoni il 5 e il 6 settembre - Music Attitude - Tutta la Musica di cui hai davvero bisogno, su Music Attitude, 4 settembre 2020. URL consultato il 30 settembre 2020.
  4. ^ a b c Andrea Sambucco - Rassegna stampa, su andreasambucco.com. URL consultato il 21 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 12 agosto 2003).
  5. ^ Rockol com s.r.l, √ Indipendenti!Gli album indie, autoprodotti e demo ricevuti da Rockol, su Rockol. URL consultato l'11 novembre 2020.
  6. ^ a b Intervista a Ruggero Dei Timidi 21/10/20. URL consultato l'11 novembre 2020.
  7. ^ Kennydog blog!, su kennydog.splinder.com. URL consultato il 27 luglio 2020 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2005).
  8. ^ Andrea Sambucco - Vita e Opere di un giovane situazionista, su arabsheep.it. URL consultato il 20 giugno 2022 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).
  9. ^ a b Scheda Andrea Sambucco, su zeroconfini.it. URL consultato il 20 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  10. ^ Lingue minoritarie: Antonaz e programmi Rai in friulano, su Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. URL consultato il 20 giugno 2022.
  11. ^ a b Chiara Galeazzi, Una timida intervista a Ruggero de I Timidi, su Noisey, 6 dicembre 2013. URL consultato il 27 marzo 2019.
  12. ^ Il cantautore udinese Sambucco domani sera in gara nell'Eredità - Messaggero Veneto, su Archivio - Messaggero Veneto. URL consultato il 21 giugno 2022.
  13. ^ Scheda Andrea Sambucco, su comedycentral.it. URL consultato il 20 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  14. ^ Cambio vita: dal catasto al cabaret, su Archinoia, 7 luglio 2016. URL consultato il 27 marzo 2019.
  15. ^ Ruggero de "I Timidi" al Tenda bar di Lignano, su UdineToday. URL consultato il 27 marzo 2019.
  16. ^ a b RUGGERO DEI TIMIDI - Chi e il cantante comico finalista di Tu si que vales Il Sussidiario.net 29 novembre 2014
  17. ^ John Peter Sloan is .. an Englishman in Italy - Voceditalia.it, su voceditalia.it. URL consultato il 30 settembre 2020 (archiviato dall'url originale il 14 dicembre 2013).
  18. ^ Ruggero de I Timidi affronta un tema navigato: le Milf Rolling Stones
  19. ^ Itunes charts 24 febbraio 2015
  20. ^ Il primo magico disco di Ruggero de I Timidi, in Orrore a 33 Giri, 8 aprile 2015. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  21. ^ "Natale Romantico", l'album di Natale di Ruggero De I Timidi, in VareseNews, 11 dicembre 2015. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  22. ^ Ruggero de I Timidi: «Il pubblico si tatua la parrucca in mio onore», su Rolling Stone Italia, 16 novembre 2018. URL consultato il 27 marzo 2019.
  23. ^ Savino e gli anni '90, non tutto è “special”, 19 gennaio 2018. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  24. ^ Ruggero De I Timidi - Primo raduno timido, su Live Music Club. URL consultato il 30 settembre 2020.
  25. ^ Ruggero De I Timidi SECONDO RADUNO TIMIDO, su Shining Production. URL consultato il 30 settembre 2020.
  26. ^ Andrea Giovannetti, Ruggero de I Timidi: «Sono io l'alternativa alla trap» (intervista) - Spettakolo.it, in Spettakolo!, 20 settembre 2018. URL consultato il 15 ottobre 2018.
  27. ^ Una timida incursione nel fumetto: intervista a Ruggero de I Timidi, su Lo Spazio Bianco, 13 dicembre 2018. URL consultato il 27 marzo 2019.
  28. ^ Cristina Carlà, Just Ruggero a Bari, intervista timida, su colorivivacimagazine.com.
  29. ^ Just Ruggero – Ruggero De I Timidi, su www.crushsite.it. URL consultato il 20 giugno 2022.
  30. ^ Rockol com s.r.l, √ Ruggero de I Timidi, domani a Milano: Rockol intervista la sua "identità segreta", su Rockol. URL consultato il 30 settembre 2020.
  31. ^ Arab Sheep - Andrea Sambucco, su arabsheep.it. URL consultato il 28 luglio 2020 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2006).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]