Roza Otunbayeva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roza Otunbayeva
Роза Отунбаева
Roza Otunbayeva - World Economic Forum on Europe 2011.jpg
Roza Otanbayeva nel 2008

Presidente della Repubblica del Kirghizistan
Durata mandato 19 maggio 2010 –
1º dicembre 2011
Predecessore Kurmanbek Salievič Bakiev
Successore Almazbek Atambayev

Primo ministro del Kirghizistan
Durata mandato 7 aprile 2010 –
19 maggio 2010
Predecessore Daniar Usenov
Successore Vacante

Ministro degli Esteri del Kirghizistan
Durata mandato 1992 –
1992
Presidente Askar Akayev

Durata mandato 24 marzo 2005 –
15 agosto 2005
Presidente Kurmanbek Salievič Bakiev

Dati generali
Partito politico Partito Socialdemocratico del Kirghizistan
Titolo di studio PhD in Philosophical Sciences
Università Università Statale di Mosca

Roza Isakovna Otunbayeva (, 23 agosto 1950) è una politica kirghisa, Presidente del Kirghizistan dal 7 aprile 2010 al 1º dicembre 2011. È salita al potere a seguito della sommossa dell'aprile 2010. È stata in precedenza primo ministro e ministro degli esteri. La Otunbayeva è la prima donna presidente di uno stato membro della CSI.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

La Otunbayeva è nata ad , allora nella Repubblica socialista sovietica kirghiza, nella famiglia di Isaac Otunbayev, un membro della Corte Suprema della RSS kirghisa. Si è laureata alla facoltà di Filosofia dell'Università statale di Mosca nel 1972 ed in seguito è stata professoressa ordinaria e capo del dipartimento di Filosofia all'Università nazionale kirghisa per sei anni.

Nel 1975 è diventata Candidata delle Scienze (Candidate of Sciences), con una tesi intitolata "Critica della falisificazione della dialettica marxista-leninista secondo i filosofi della scuola di Francoforte".[1]

La Otunbayeva è sposata ed ha due figli. Oltre al kirghiso, parla correntemente l'inglese e il russo.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Copia archiviata (PDF), su knyazev.org. URL consultato l'8 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2012).
  2. ^ Andrew Osborn, Roza Otunbayeva, the head of Kyrgyzstan's new interim government, is not an archetypal revolutionary, telegraph.co.uk, 8 aprile 2010. URL consultato il 18 giugno 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3216153363088937520008 · LCCN (ENn2019015765 · GND (DE1163675075 · WorldCat Identities (ENn2019-015765