Royalty (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Royalty
ArtistaChris Brown
Tipo albumStudio
Pubblicazione18 dicembre 2015
Durata51:04
GenereContemporary R&B
Funk
EtichettaRCA
ProduttoreVinylz, Boi-1da, Dre Moon, The Monsters and the Strangerz, The MeKanics, Khemasis, ToneStith, Matthew Burnett, Tushar Apte, Riley Bell, Blaq Tuxedo, Dr3amforever, Nonfiction, Razihel, Daniele Autore, The Audibles, Poo Bear, JHawk, C.P Dubb, Composer, Don City, Derrick Beck, Free School, Danja, Allen Ritter, Polow da Don, The Aquarius, Ayo & Keyz of the Upperclassmen, Prince Chrishan, Brandon "B.A.M." Hodge, A1
Registrazione2014-2015
FormatiCD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argentoRegno Unito Regno Unito[1]
(Vendite: 60.000+)
Dischi d'oroStati Uniti Stati Uniti[2]
(Vendite: 500.000+)
Chris Brown - cronologia
Album precedente
(2015)
Singoli
  1. Liquor
    Pubblicato: 26 giugno 2015
  2. Zero
    Pubblicato: 18 settembre 2015
  3. Back to Sleep
    Pubblicato: 5 novembre 2015
  4. Fine by Me
    Pubblicato: 27 novembre 2015

Royalty è il settimo album in studio del cantante statunitense Chris Brown, pubblicato il 18 dicembre 2015 dall'etichetta discografica RCA Records.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il cantante ha dedicato l'album a sua figlia, Royalty Brown; come ha affermato in un'intervista per la radio statunitense Hot 97: L'ho chiamato "Royalty" perché mia figlia attualmente rappresenta la parte più importante della mia esistenza.[3][4][5]

Annuncio e pubblicazione[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 giugno 2015, durante un'intervista per la rivista statunitense Billboard, Brown annuncia la pubblicazione di un nuovo album prevista per l'autunno del 2015.[6] Il giorno dopo, il brano Liquor viene estratto come primo singolo del disco.[7]

Il 22 agosto, il cantante dichiara ufficialmente dal suo profilo Twitter che il nuovo album sarà intitolato Royalty in onore di sua figlia, Royalty Brown[8][9].

Il 16 ottobre viene rivelata la copertina dell'album, che ritrae Chris con Royalty tra le sue braccia in un'immagine in bianco e nero[10]. Lo scatto è del fotografo italiano Francesco Carrozzini[11].

Inizialmente prevista per il 27 novembre 2015, l'uscita del disco è stata posticipata al 18 dicembre 2015.

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

L'album presenta una grande varietà di stili musicali con caratteristiche diverse dai precedenti lavori del cantante. Vi sono diversi brani R&B in stile anni 90, brani funk e disco ispirati ai lavori passati di Michael Jackson e canzoni pop con basi tipicamente EDM.[12][13][14]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

L'album debuttò alla terza posizione della Billboard 200, vendendo 162.000 copie nella prima settimana in patria, divenendo il miglior debutto di vendite per l'artista dai tempi di F.A.M.E..[15]

Beneficenza[modifica | modifica wikitesto]

In occasione del giorno del Ringraziamento, il cantante annunciò che una parte consistente dei suoi profitti dalle vendite di Royalty sarà devoluta in beneficenza per attrezzature mediche e per finanziare l'associazione umanitaria "Best Buddies", fondata da Brown con lo scopo di consentire l'inserimento nella società di soggetti affetti da disabilità intellettive.[16][17]

Le tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Back to Sleep – 3:21
  2. Fine by Me – 3:27
  3. Wrist (feat. Solo Lucci) – 3:14
  4. Make Love – 3:50
  5. Liquor – 3:44
  6. Zero – 3:34
  7. Anyway (feat. Tayla Parx) – 3:31
  8. Picture Me Rollin' – 3:13
  9. Who's Gonna (Nobody) – 4:33
  10. Discover – 4:25
  11. Little Bit – 2:45
  12. Proof – 4:01
  13. No Filter – 3:06
  14. Little More (Royalty) – 4:20

Deluxe Edition[modifica | modifica wikitesto]

  1. Day One – 4:07
  2. Blow It In the Wind – 4:08
  3. KAE – 3:34
  4. U Did It (feat. Future) – 3:33

Japanese Edition[modifica | modifica wikitesto]

  1. The 80's – 4:25
  2. Blue Jeans – 3:05

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2015/16) Posizione
più alta
Australia[18] 14
Belgio (Fiandre)[19] 48
Belgio (Vallonia)[20] 85
Canada[21] 17
Germania[22] 37
Paesi Bassi[23] 21
Irlanda[24] 51
Norvegia[25] 39
Nuova Zelanda[26] 16
Regno Unito[27] 23
Stati Uniti[28] 3
Stati Uniti (R&B & hip-hop)[29] 1
Svizzera[30] 15

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ BRIT Certified
  2. ^ http://www.riaa.com/gold-platinum/?tab_active=default-award&ar=Chris+Brown&ti=#search_section
  3. ^ Chris Brown parla del nuovo album Royalty: “Includerà canzoni profonde e significative”, su rnbjunk.com, 24 dicembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  4. ^ (EN) Iyana Robertson, Chris Brown’s New Album Title Is Dedicated To His Daughter, su Vibe, 22 agosto 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  5. ^ http://www.vanityfair.it/people/mondo/16/03/26/chris-brown-papa-figlia-royalty-disco-foto-gossip
  6. ^ Chris Brown: il nuovo album arriverà in autunno, su Radio 105, 26 giugno 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  7. ^ (EN) Erika Ramirez, Chris Brown to Release New Album in Fall: Exclusive, su Billboard, 25 giugno 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  8. ^ (EN) Avery Thompson, Chris Brown’s New Album Will Be Titled ‘Royalty’ After His Baby Girl, su Hollywoodlife.com, 22 agosto 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  9. ^ (EN) Mitchell Peters, Chris Brown Reveals Heartwarming Title of His Next Album, su Billboard, 22 agosto 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  10. ^ (EN) Chris Brown Album “Royalty” Artwork & Release Date November 27, su urbanislandz.com, 16 ottobre 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  11. ^ Chris Brown reveals 'Royalty' cover art, su Rap-up.com, 16 ottobre 2015. URL consultato il 18 dicembre 2015.
  12. ^ Vibe dedica uno speciale a Chris Brown: Ha rivoluzionato del tutto l’ R&B, su rnbjunk.com, 3 dicembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  13. ^ Chris Brown: la musica mainstream è un cliché, troppa gente che lavora per soldi, su rnbjunk.com, 2 dicembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  14. ^ http://thesource.com/2015/12/18/album-review-chris-browns-royalty-is-a-parallel-to-life/
  15. ^ http://www.billboard.com/articles/columns/chart-beat/6821619/adele-25-billboard-200-fifth-week-sells-another-million
  16. ^ Ecco come potrai fare del bene acquistando il nuovo album di Chris Brown, Royalty, su rnbjunk.com, 28 novembre 2015. URL consultato il 19 dicembre 2015.
  17. ^ http://www.105.net/news/music-biz/192011/Chris-Brown-in-beneficenza-i-proventi.html
  18. ^ http://www.noise11.com/news/music-news-aria-albums-adele-25-no-1-for-fifth-week-20151226
  19. ^ http://www.ultratop.be/nl/album/47373/Chris-Brown-Royalty
  20. ^ http://www.ultratop.be/fr/album/47373/Chris-Brown-Royalty
  21. ^ http://www.billboard.com/artist/1486846/Chris+Brown/chart?f=309
  22. ^ http://musicline.de/de/chartverfolgung_summary/artist/Chris+Brown/?type=longplay
  23. ^ http://www.dutchcharts.nl/showitem.asp?interpret=Chris+Brown&titel=Royalty&cat=a
  24. ^ http://www.chart-track.co.uk/index.jsp?c=p%2Fmusicvideo%2Fmusic%2Farchive%2Findex_test.jsp&ct=240002&arch=t&lyr=2015&year=2015&week=52
  25. ^ http://lista.vg.no/liste/topp-40-album/2
  26. ^ http://nztop40.co.nz/chart/albums?chart=4185
  27. ^ http://www.officialcharts.com/charts/albums-chart/
  28. ^ http://www.billboard.com/artist/1486846/chris+brown/chart?f=305
  29. ^ http://www.billboard.com/artist/1486846/Chris+Brown/chart?f=333
  30. ^ http://www.swisscharts.com/album/Chris-Brown/Royalty-291699

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]